La stampa 3D nell’edilizia è molto semplice in alcune applicazioni, sia che i costruttori stiano sperimentando il rinforzo della malta , la modellazione 3D e la prototipazione in architettura , o esplorando l’uso della robotica . Nel vagliare esagerazioni fin troppo comuni riguardo alla stampa ad alta velocità di case e intere comunità, tuttavia, la maggior parte di noi sta imparando a fare tali promesse con un granello di sale. La conversazione continua ad evolversi man mano che emergono strutture stampate in 3D di tutti i tipi.

I recenti progressi in Cina riguardo alle case stampate in 3D ora prendono una direzione nuova e molto interessante, sebbene con la fabbricazione di case isolate, destinate a scongiurare COVID-19. Nel tentativo di aiutare i pakistani a combattere i germi potenzialmente mortali, 15 strutture di isolamento sono state spedite dallo stabilimento di Shanghai Qingpu di Yingchuang Construction Technology e dallo stabilimento di Suzhou a Islamabad.

Poiché il clima del Pakistan è umido e subtropicale, il team di Yingchuang Construction Technology, noto anche come Winsun, ha contattato i funzionari pakistani attraverso il Consolato Generale a Shanghai per elaborare uno specifico design ermetico e isolato termicamente. Impiegando alcuni dei più straordinari vantaggi della stampa 3D in questo progetto, il team di Yingchuang ha dichiarato che la prototipazione rapida offriva vantaggi, risultando in progetti personalizzati e stampa 3D ad alte prestazioni.

Non solo, Yingchaung afferma di avere la capacità di stampare 100 set di case di isolamento al giorno , con l’interno fabbricato in un unico pezzo. Acqua, elettricità, porte e finestre dovevano essere installati, e quindi ogni casa poteva essere abitata. Queste micro-residenze potrebbero essere estremamente efficaci nel consentire abitazioni individuali – piuttosto che permettere a intere famiglie di auto-isolarsi insieme e in alcuni casi, anche morire insieme mentre la trasmissione domestica continua a rappresentare una minaccia significativa.

Molte di queste unità erano stampate in 3D in Cina, originariamente destinate ai turisti; tuttavia, al culmine della pandemia, furono anche usati nello sforzo di alleviare il peso degli ospedali poiché i loro lavoratori richiedevano la quarantena, insieme ad altri.

Interessanti anche i piani che i progettisti hanno delineato per queste case di isolamento stampate in 3D dopo che sono sopravvissute al loro uso o dopo che è passata la paura della pandemia. I suggerimenti includono la conversione in quanto segue:

Bagni del parco
Piccoli caffè
Strutture di guardia di sicurezza
Pronto soccorso di emergenza
Case minuscole
Piccole camere d’albergo
Anche il riciclaggio è una possibilità, poiché le strutture possono effettivamente essere restituite a Shanghai per “frantumazione, selezione, macinazione e trattamento ad alta temperatura”. Successivamente, i materiali possono essere triturati e trasformati in più filamenti per la stampa 3D per l’ulteriore costruzione di case.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi