AML3D svilupperà una struttura di stampa 3D alla prossima “Fabbrica del futuro”
 
La società australiana di stampa 3D in metallo su larga scala AML3D espanderà le sue operazioni di produzione al Tonsley Innovation District di Adelaide, dove la Flinders University e la società di difesa BAE Systems Maritime Australia stanno sviluppando una “Fabbrica del futuro” all’avanguardia per accelerare il crescita della manifattura avanzata. La prossima struttura di ricerca e sviluppo di AML3D incorporerà il suo processo brevettato di produzione additiva di fili (WAM) e migliorerà le capacità di produzione additiva (AM) su larga scala. La mossa consolida una partnership in corso con la Flinders University, che potrebbe portare a ulteriori scoperte tecnologiche.

Lo sviluppo della Linea Zero – Factory of the Future è stato accelerato nel gennaio 2021 dopo che il governo australiano ha annunciato un impegno di finanziamento di $ 5 milioni, corrispondente all’investimento iniziale della Flinders University. Il sito sarà un acceleratore di produzione di livello mondiale incorporato nell’Australia meridionale, inizialmente focalizzato sulla ricerca collaborativa e sulla formazione verso il programma di costruzione navale del paese da 90 miliardi di dollari. La struttura fornirà uno spazio controllato per testare nuove tecniche e processi di produzione che BAE Systems può utilizzare per costruire le nove fregate di classe Hunter, una futura classe di navi a vele spiegate per la Royal Australian Navy .

L’espansione di AML3D in Tonsley segue una collaborazione in corso con la Flinders University e BAE Systems in AM in metallo su larga scala . Inoltre, l’amministratore delegato di AML3D Andrew Sales ha evidenziato che le prove e i progetti di ricerca da intraprendere presso la struttura, in collaborazione con i due partner, consentiranno ad AML3D di sviluppare ulteriormente la sua capacità AM di metalli su larga scala attraverso funzionalità aggiuntive come la misurazione in-process , monitoraggio e regolazione per migliorare la qualità.

La stampante 3D ARCEMY di AML3D. Immagine per gentile concessione di AML3D.
Immerso nel settore della difesa , AML3D afferma di avere le stampanti 3D in metallo più grandi, certificate e pronte per la produzione al mondo e l’unico impianto di produzione WAM su larga scala diversificato di metalli nell’emisfero australe, con sede ad Adelaide. Rilasciata nel 2020, la stampante 3D industriale Arcemy in metallo di punta del marchio combina scienza della saldatura, automazione robotica, ingegneria dei materiali e software proprietario per formare il suo processo WAM recentemente brevettato. Arcemy produce parti in modo intelligente depositando il filo fuso strato per strato in modo controllato.

In breve tempo, il sistema di grande formato ha guadagnato terreno con aziende di costruzione navale, tra cui la controllata di BAE Systems Australia ASC Shipbuilding e il costruttore navale di Perth Austal . Il principale hub dell’industria navale della nazione si trova nell’Australia meridionale e le aziende leader del settore stanno aprendo la strada attraverso la moderna produzione di cantieri navali digitali. In effetti, Sharon Wilson, direttore della strategia di costruzione navale continua di BAE Systems, ha affermato che l’AM sarebbe un elemento centrale del concetto di fabbrica del futuro, con test e prove di sistemi AM in metallo presto in corso per potenziali applicazioni nella costruzione navale navale.

 
“Avere una macchina alla Linea Zero è così eccitante per noi perché l’intero pezzo di collaborazione significa che le PMI, i ricercatori e le persone che non possono permettersi di acquistare una di queste macchine direttamente dal pipistrello, possono venire a giocarci. Possono conoscere la tecnologia; gli studenti possono essere esposti ad esso; i ricercatori possono essere esposti ad esso. Quindi questo è davvero alla base di ciò che stiamo cercando di ottenere a Line Zero, che sta attirando quella tecnologia australiana “, ha spiegato Wilson durante l’evento AML3D Open Day del 9 luglio 2021, quando la società ha presentato un’altra struttura, la sua multimilionaria WAM con sede in Sud Australia. Centro Tecnologico.
Ispezione da parte del Lloyd’s Register di un anello in acciaio certificato prodotto da AML3D. Immagine per gentile concessione di AML3D.
AML3D ha avuto una crescita immensa nell’ultimo anno. All’inizio del 2020, la società ha iniziato a negoziare sull’Australian Securities Exchange (ASX) dopo aver raccolto con successo 9 milioni di dollari australiani (circa 6,6 milioni di dollari) con un forte sostegno istituzionale. Durante questo periodo, ha dovuto persino quadruplicare il suo personale a più di 30 persone a causa della forte domanda da parte di nuovi clienti come Boeing , Thyssen Krupp e ST Engineering .

A maggior ragione, a seguito dell’inaugurazione della nuova struttura e dell’imminente inaugurazione del centro in Linea Zero, l’azienda prevede una maggiore crescita dell’occupazione nei prossimi mesi. AML3D è anche molto attivo nella ricerca, entrando di recente in un programma di ricerca congiunto con la microscopia e la microanalisi della Flinders University e il Flinders Institute for Nanoscale Science and Technology per studiare le proprietà di resistenza alla corrosione dei componenti prodotti da WAM per ambienti marini.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi