AON3D si assicura $ 11,5 milioni per creare nuovi percorsi di stampa 3D sulla luna
 
Il produttore di stampanti 3D industriali AON3D ha ottenuto finanziamenti per 11,5 milioni di dollari da un gruppo eterogeneo di investitori. La startup ha rivelato che il denaro finanzierà la produzione su larga scala di parti termoplastiche per uso finale, inclusi i primi oggetti stampati in 3D ad atterrare con successo sulla luna, grazie a una recente partnership con la società di logistica lunare Astrobotic con sede a Pittsburgh . Di conseguenza, quando la missione Peregrine Moon Lander (PM1) di Astrobotic atterrerà sulla regolite lunare nel 2022, trasporterà parti di uso finale stampate AON3D di grado spaziale, come infissi, staffe e prototipi di propulsori realizzati in termoplastica di alta qualità. materiali.

 
Guidato dalla società di capitali di investimento SineWave Ventures di Washington DC , il nuovo round di finanziamento della serie A include anche investimenti dal fondo di rischio iniziale AlleyCorp dell’imprenditore seriale Kevin Ryan , l’acceleratore di startup californiano Y Combinator e molti altri investitori, tra cui entità canadesi come B La banca BDC Capital , l’agenzia di credito all’esportazione Export Development Canada (EDC) e il fondo di venture capital più attivo del paese, Panache Ventures .

Tra gli altri partecipanti al round di finanziamento figurano MANA Ventures , una società di venture capital con sede a San Francisco che investe in aziende in fase iniziale che interrompono le industrie tradizionali, nonché i principali influencer dei social media Josh Richards e Griffin Johnson e gli angeli della Silicon Valley senza nome. Nel complesso, AON3D ha raccolto un totale di 14,2 milioni di dollari in finanziamenti in due round, il primo dei quali è stato un seed round sostenuto da sette investitori.

 

Dopo una campagna Kickstarter di successo che ha raccolto oltre $ 70.000 per la prima stampante 3D industriale di alta qualità di AON3D, l’azienda ha iniziato a commercializzare il suo prossimo sistema ad alte prestazioni, l’ AON-M , nel 2017. Da allora, la startup di Montreal ha lanciato l’ AON- M2 nel 2018, progettata specificamente per stampare con materiali ad alte prestazioni, come PEEK, ULTEM, nylon e policarbonato. Seguito dal sistema AON-M2 2020 di grandi volumi nel 2020 e dall’ultima stampante 3D industriale nella sua linea di punta: l’AON M2+ ad alta temperatura per la stampa di parti finali ad alte prestazioni.

Il CEO di AON3D, Kevin Han, ha affermato che le stampanti 3D della sua azienda possono creare le parti finali “più leggere” e “più resistenti” da qualsiasi materiale termoplastico di alta qualità disponibile.

“Riteniamo che il futuro della stampa 3D sia più open source e finanziariamente accessibile, quindi tutte le aziende hanno accesso allo stesso hardware delle migliori aziende. È esattamente così che abbiamo modellato AON3D e costruito la nostra stampante AON M2+. Abbiamo investitori che credono nella nostra visione e partner come Astrobotic che ripongono la massima fiducia nel nostro hardware”.
Con stampanti in oltre 25 paesi, AON3D afferma che una vasta gamma di aziende, dalle startup alle multinazionali Fortune 500 , come Sabic , può utilizzare la sua tecnologia per stampare in una gamma in espansione di plastiche, tra cui PEEK, ULTEM, PEKK, policarbonato e centinaia di altri materiali per alcune delle applicazioni più impegnative, intense sollecitazioni meccaniche e alcuni degli ambienti chimici più difficili e temperature estreme.

 
Attraverso la nuova collaborazione con Astrobotic, AON3D creerà parti per l’ambiente più ostile conosciuto dall’umanità: lo spazio . Al di fuori della Terra, le parti dei veicoli spaziali devono resistere a condizioni difficili, come radiazioni, estrema variabilità della temperatura, impatti di detriti spaziali e un vuoto vuoto. Come parte di questa “storica partnership lunare” -come descritto da AON3D- gli oggetti 3D di livello spaziale sono pronti per essere i primi ad atterrare con successo sulla luna a bordo del lander lunare robotico Peregrine di Astrobotic.

Il veicolo spaziale viaggerà sulla Luna a bordo del razzo Vulcan Centaur della United Launch Alliance (ULA) alimentato da due motori BE-4 prodotti da Blue Origin , un altro cliente di AON3D. Una volta atterrato, centinaia di componenti mission-critical, come il Neutron Spectrometer System (NSS) della NASA o lo strumento scientifico lunare dell’agenzia spaziale messicana, così come i payload privati, come il commerciale giapponese Yaoki Lunar Rover, entreranno a far parte della prossima fase. della scienza spaziale, dell’esplorazione e del commercio sulla Luna.

Come parte della collaborazione, Peregrine sarà anche atterrerà componenti stampati in 3D sulla Luna, tra cui DHL 3D s’stampato‘ MoonBoxes ’, che può contenere ricordi che verranno memorizzati sulla Luna per secoli. Inoltre, il lander lunare di Astrobotic trasporterà due criptovalute coniate confezionate in MoonBox realizzate con materiali ad alte prestazioni per ridurre la massa. La collaborazione ha anche portato a centinaia di dispositivi e staffe stampati in 3D termoplastici che sostituiscono i componenti metallici sul lander e garantiscono l’avionica e l’integrità del sistema elettrico riducendo la massa del veicolo, consentendo libertà di progettazione e produzione rapida. L’avionica di Peregrine è cruciale, poiché esegue tutti i comandi e la gestione dei dati per il lander.

 
Astrobotic ha fatto affidamento sull’AON M2+ industriale e sui materiali ad alte prestazioni per passare da prototipi economici su vasta scala a parti di uso finale di livello spaziale su una sola macchina. Inoltre, per soddisfare i requisiti del settore aerospaziale, le parti stampate in 3D dovevano resistere a temperature tra 260 Fahrenheit (127 gradi Celsius) e -280 Fahrenheit (-173 gradi Celsius), radiazioni tra 200 e 1000 volte più potenti che sulla Terra e vibroacustiche di più di 180dB. Inoltre, gli ingegneri hanno selezionato con cura materiali che non emettono gas sotto pressione, inclusi polimeri specifici come ULTEM e PEEK.

I componenti in grado di resistere alle immense sfide del lancio e del volo spaziale richiedono anche un elevato rapporto resistenza/peso, ritardanti di fiamma e resistenti agli agenti chimici. Naturalmente, queste sono molte qualità per ogni singola parte, ma AON3D è fiducioso che le sue macchine da stampa 3D possano fare un lavoro straordinario mentre la missione sulla Luna si avvicina alla data di lancio. Fondamentale per il successo dei suoi componenti spaziali stampati in 3D è la capacità di AON M2+ di creare parti di grandi dimensioni in materiali ad alta temperatura, nonché il suo doppio sistema di estrusione, che può stampare più materiali in un unico pezzo.

In effetti, l’ingegnere meccanico astrobotico Clay Inman ha affermato che “essere in grado di passare da prototipi economici su vasta scala a parti pronte per lo spazio, utilizzando PEEK, PEKK e ULTEM™ su una macchina, è stato enorme per raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi. Ora possiamo testare rigorosamente le nostre parti, creare strumenti personalizzati e quindi passare direttamente alla stampa di componenti proprietari e pronti per la missione con materiali di qualità ingegneristica”.
Il prototipo di Peregrine Moon Lander di Astrobotic. Immagine per gentile concessione di AON3D.
Finora, tutti i piani per missioni commerciali sulla Luna sono stati respinti. Ma proprio come AON3D, Astrobotic è abbastanza fiducioso che sarà la prima compagnia a portare carichi utili sulla Luna, atterrando al Lacus Mortis, un grande cratere sul lato vicino del satellite naturale.

Astrobotic, nota anche come “the Moon company”, è stata fondata nel 2007 dal professore della Carnegie Mellon University Red Whittaker e da molti suoi colleghi per vincere l’ormai defunto concorso Google Lunar X Prize , un concorso internazionale per inviare la prima navicella spaziale privata al Luna. La società prevede anche una seconda e una terza missione al polo sud lunare nel 2023, trasportando rispettivamente il rover MoonRanger di Astrobotic e il Volatiles Investigating Polar Exploration Rover (VIPER) della NASA . Man mano che le tecnologie spaziali avanzano e si lanciano verso il progresso della Luna, possiamo aspettarci di apprendere più parti stampate in 3D che viaggiano fuori dalla Terra, verso la Luna, Marte e oltre.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi