Launcher aggiunge la seconda stampante 3D in metallo VELO3D per produrre parti di motori a razzo
“La capacità di stampare in 3D la nostra turbopompa … lo rende ora possibile a un costo inferiore e una maggiore innovazione attraverso l’iterazione tra ciascun prototipo”. 

L’adozione della stampa 3D nella costruzione di razzi continua a crescere man mano che la start-up spaziale Launcher aggiunge il suo secondo sistema di produzione additiva in metallo VELO3D alla sua capacità di stampa 3D di razzi.

La società, fondata per sviluppare il razzo più efficiente al mondo per portare in orbita piccoli satelliti, ha installato la sua prima stampante 3D VELO3D Sapphire ad aprile per stampare parti in Inconel e ora utilizzerà questa seconda macchina per stampare parti di razzi in 3D in titanio. Dopo i test di successo presso lo Stennis Space Center della NASA della turbopompa a ossigeno liquido (LOX) del Launcher per il suo motore a razzo liquido a ciclo chiuso ad alte prestazioni, Launcher sta ora lavorando alla stampa di una pompa del carburante, parti dell’alloggiamento della turbina di volo e recipienti a pressione dell’Orbiter.

“VELO3D ha davvero fornito la nostra turbopompa, inclusa la sua girante rotante stampata in 3D, che ha funzionato perfettamente la prima volta a 30.000 giri/min, utilizzando il primo prototipo”, ha affermato Max Haot, fondatore e CEO di Launcher. “Le parti delle turbopompe dei motori a razzo in genere richiedono fusione, forgiatura e saldatura. Gli strumenti necessari per questi processi aumentano il costo di sviluppo e riducono la flessibilità tra le iterazioni di progettazione. La capacità di stampare in 3D la nostra turbopompa, comprese le giranti rotanti avvolte in Inconel, grazie alla tecnologia a zero gradi di VELO3D, lo rende ora possibile a un costo inferiore e una maggiore innovazione attraverso l’iterazione tra ciascun prototipo.

Sebbene Launcher abbia portato la tecnologia AM in metallo di VELO3D all’interno della sua struttura con sede a Los Angeles, l’azienda dovrebbe anche sfruttare i partner di produzione a contratto di VELO3D come Stratasys Direct Manufacturing per aumentare la produzione.

“Siamo molto entusiasti di lavorare con aziende innovative come Launcher”, ha affermato Benny Buller, fondatore e CEO di VELO3D. “Non solo hanno già dimostrato il valore e sperimentato la qualità dell’AM avanzata in metallo attraverso i progetti in corso, ma comprendono il potenziale che questa tecnologia ha per espandere il successo della loro impresa fuori dal mondo”.

Launcher appartiene a un elenco crescente di aziende che hanno adottato la tecnologia di stampa in metallo ” support-free ” di VELO3D , tra cui un certo numero di aziende aerospaziali e spaziali come SpaceX e Boom Supersonic . Riafferma inoltre una tendenza per la stampa 3D nel mercato della costruzione di razzi, che ha visto artisti del calibro di Virgin Orbit stampare parti 3D per razzi di classe orbitale e start-up come Orbex utilizzare enormi macchine personalizzate dal business AMCM (Additive Manufacturing Customized Machines) di EOS per fabbricare motori a razzo. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi