HUNTING ACQUISTA IL 27% DI CUMBERLAND ADDITIVE PER ACCEDERE A NUOVE OPPORTUNITÀ DI STAMPA 3D DI PETROLIO E GAS
 
Il fornitore di servizi energetici Hunting PLC ha annunciato l’acquisto di oltre un quarto delle azioni dell’agenzia di stampa 3D Cumberland Additive Holdings (CAH). 

Una volta completata, la transazione vedrà Hunting acquisire il 27% di Cumberland Additive per 5 milioni di dollari, oltre ad installare un membro della sua leadership nel consiglio di amministrazione dell’azienda. La mossa di Hunting segna anche la prima volta nella stampa 3D e l’azienda non solo vede la tecnologia come applicabile all’interno dei suoi mercati petroliferi e del gas esistenti, ma come un modo per entrare nei redditizi settori aerospaziale e della difesa. 

“L’investimento di Hunting in CAH è una parte fondamentale della nostra strategia per accedere alle nuove tecnologie di produzione adottate dai nostri attuali clienti”, spiega Jim Johnson, amministratore delegato di Hunting. “Offre anche nuove opportunità di mercato e clienti in settori complementari alle nostre competenze chiave di ingegneria di precisione e prodotti e procedure di alta qualità”.

“L’INVESTIMENTO DI HUNTING AIUTERÀ CAH A RAGGIUNGERE LE SUE AMBIZIONI DI CRESCITA, FORNENDO AL CONTEMPO NUOVE OPPORTUNITÀ AI CLIENTI ATTRAVERSO LA LORO IMPRONTA OPERATIVA GLOBALE”.
L’investimento di Hunting in Cumberland Additive potrebbe ora consentirle di espandere la sua offerta ai suoi principali clienti di petrolio e gas. Foto via Totale.
La caccia acquista la stampa 3D 

Con sede a Londra, Hunting produce gli utensili metallici di fascia alta e le parti necessarie per estrarre gli idrocarburi durante i lavori di costruzione, completamento e intervento di pozzi petroliferi. In genere, l’azienda commercializza questi componenti a quei clienti che sviluppano e producono risorse petrolifere e di gas, nonché ai loro fornitori, e considera la sua capacità di creare “prodotti ad alta tolleranza” come “USP” della sua offerta.

Attualmente, Hunting gestisce 31 siti in 11 paesi, con i suoi uffici nelle o vicino alle principali regioni produttrici di petrolio e gas del mondo. Dato che gran parte dell’attività dell’azienda dipende dalla domanda all’interno di un settore energetico che sta adottando sempre più le tecnologie di stampa 3D, ora sta quindi cercando di rafforzare le sue capacità produttive, come mezzo per migliorare la sua offerta ai clienti principali. 

L’acquisto di Cumberland Additive dovrebbe anche fornire a Hunting la possibilità di affrontare mercati completamente nuovi, grazie all’ampia suite di stampanti 3D a cui ora eredita l’accesso. Con sede a Pflugerville, in Texas, la sede centrale di Cumberland Additive ospita attualmente 16 stampanti 3D EOS , SLM Solutions e GE Additive Arcam, oltre alle attrezzature per la lavorazione CNC e la finitura dei metalli. 

Il quartier generale di Cumberland Additive è noto per ospitare significative capacità di stampa 3D. Foto tramite additivo Cumberland.
Altrove, l’azienda è ora in procinto di stabilire una seconda base a Pittsburgh, in Pennsylvania, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza della catena di approvvigionamento per la sua clientela, che grazie a un’ampia offerta di servizi di produzione in serie, finitura, rivestimento e prove meccaniche, ora comprende imprese operanti nei settori aerospaziale, della difesa, energetico e industriale. 

Di conseguenza, una volta che Hunting ha finalizzato l’acquisizione delle azioni di Cumberland Additive, ha anche la possibilità di accedere a questi mercati, che descrive come “complementari al suo attuale profilo di cliente”. Sebbene non sia stata annunciata una data per il completamento dell’accordo, si pensa che sia nelle fasi conclusive, con entrambe le parti che hanno concordato i termini sui diritti e gli obblighi consueti delle minoranze. 

“Il gruppo [Hunting] è stato attratto dal know-how e dall’esperienza di CAH nell’ingegneria dei materiali e dei processi, che riteniamo integreranno la nostra attuale leadership di ingegneria e produzione nei nostri settori di interesse prescelti”, ha concluso Johnson. “Non vediamo l’ora di costruire una forte collaborazione con le nostre attività esistenti nei prossimi anni”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi