Aspect Biosystems ha annunciato che sono aperte le domande per il suo programma RX1 Bioprinter Grant

Ricercatori di bioprinting: richiedi di ricevere il Bioprinter RX1 di Aspect Biosystem

Per il secondo anno consecutivo, Aspect Biosystems ha annunciato che sono aperte le domande per il suo programma RX1 Bioprinter Grant . Progettato per supportare i ricercatori che necessitano di accesso alla tecnologia avanzata di bioprinting 3D per i loro laboratori, il programma fornirà gratuitamente due bioprinter 3D microfluidiche per sei mesi ai ricercatori principali (PI) all’inizio della carriera. I ricercatori di tutto il mondo che iniziano il loro laboratorio entro i prossimi 12 mesi in biofabbricazione, ingegneria dei tessuti o medicina rigenerativa hanno tempo fino al 12 marzo 2021 per presentare domanda.

“Partendo dal successo del nostro RX1 Bioprinter Grant Program nel 2020, abbiamo lanciato il RX1 Bioprinter Grant Program for Early Career PIs perché comprendiamo quanto sia difficile per i principali investigatori all’inizio della carriera istituire un laboratorio e garantire il finanziamento delle attrezzature”, ha affermato Tamer Mohamed, fondatore e CEO di Aspect Biosystems per 3DPrint . com . “Riteniamo che sia importante supportare questo gruppo di ricercatori in quanto giocheranno un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’ingegneria dei tessuti per applicazioni di medicina rigenerativa”.

Con sede a Vancouver, in Canada, l’azienda biotech combina la potenza della microfluidica e del bioprinting 3D per alimentare la ricerca medica e lo sviluppo di terapie bioprintate per salvare vite umane. La rete di ricercatori globali e partner commerciali di Aspect utilizza la tecnologia per accelerare lo sviluppo e la commercializzazione di tessuti 3D bioprintati. Oltre ai suoi partner, Aspect si concentra sull’avanzamento strategico dei suoi programmi di medicina rigenerativa incentrati su malattie metaboliche e lesioni e disturbi muscoloscheletrici e sulla collaborazione con attori chiave del settore per portare terapie biostampate nella clinica.

Il comitato di selezione del programma, un gruppo selezionato di dipendenti Aspect, esaminerà tre fattori per scegliere i vincitori. In primo luogo, se il progetto di ricerca ha un valore scientifico nei suoi obiettivi di ricerca e nella progettazione sperimentale, seguito dalla novità o “fattore interessante” del piano di ricerca e dalla fattibilità per raggiungere gli obiettivi della ricerca. Le ultime due applicazioni selezionate riceveranno una bioprinter RX1, un kit di base, formazione e supporto continuo dal team di Aspect.

Rilasciato nel 2019, il bioprinter RX1 è una tecnologia proprietaria che si basa su chip microfluidici per mescolare i materiali piuttosto che utilizzare una normale siringa con bioink. Secondo l’azienda, la tecnica consente la risoluzione in microscala ad alta velocità. La procedura di reticolazione sulla testina di stampa consente di stampare un’ampia gamma di materiali con un’elevata fedeltà di stampa, inclusi bioink a bassa viscosità, per imitare i microambienti dei tessuti molli. Ciò semplifica l’intero processo, evitando il dispendioso cambio di materiale richiesto da altri bioprinter.

Nel 2020, i vincitori della prima RX1 Bioprinter Grant Program erano Jia-Ling Ruan dalla Università di Oxford ‘s Dipartimento di Oncologia nel Regno Unito, e Wojciech Chrzanowski dalla Università di Sydney , in Australia. I due candidati sono stati informati della decisione del comitato di selezione il 16 novembre 2020 e per sei mesi potranno utilizzare il bioprinter RX1, progettato per essere compatibile con un’ampia gamma di biomateriali per aiutare gli scienziati a creare tessuti complessi e funzionali per la ricerca scopi.

In qualità di bioingegnere, Ruan è interessato ad affrontare le malattie umane utilizzando le biotecnologie. Ricercatore post-dottorato senior e ricercatore junior presso Oxford, Ruan si concentra sull’ottimizzazione della chemioradioterapia del cancro per il cancro della vescica muscolo-invasivo mediante somministrazione intelligente di farmaci, radioimmunomodulazione e modellazione dell’ingegneria dei tessuti. La sua applicazione vincente mirava a utilizzare il bioprinting 3D per ricostruire un tumore e un normale microambiente tissutale per studiare e migliorare la radioterapia del cancro.

Dopo aver ricevuto il bioprinter RX1, Ruan sperava di stabilire un composito di tessuto tumorale normale clinicamente rilevante per studiare la risposta dopo la radioterapia. Il modello 3D le consentirà inoltre di indagare l’interazione tra cellule cancerose e cellule normali dopo la radioterapia, informazioni importanti altrimenti difficili da acquisire utilizzando modelli tradizionali in vitro e in vivo .

Il lavoro di Chrzanowski ha contribuito a comprendere l’interazione tra nanomateriali e cellule viventi e modelli simili a tessuti assemblati utilizzando la bioprinting 3D magnetica, con la ricerca incentrata sulla nanomedicina e la nano-bio-caratterizzazione. Professore associato e vicedirettore del Nano Institute dell’Università di Sydney , il progetto di Chrzanowski cerca di far avanzare i modelli di organo-microbiota utilizzando la bioprinting 3D microfluidica.

Con l’aggiunta del bioprinter RX1, l’esperto vuole ricreare il microambiente del tessuto intestinale, compreso il microbioma (comunità di microrganismi che vivono insieme in un particolare habitat), e sviluppare biomateriali specifici per il microbioma che esistono a fianco dell’intestino. Il microbioma è essenziale per la struttura intestinale e per il modo in cui i farmaci vengono assorbiti e metabolizzati, quindi i modelli che incorporano il microbioma sono fondamentali per lo studio delle interazioni farmaco-intestino in vivo .

Il professore associato Wojciech Chrzanowski è il leader del tema della ricerca sulla salute e la medicina presso il Nano Institute dell’Università di Sydney. Immagine per gentile concessione dell’Università di Sydney.

La nuova edizione del programma RX1 prevede di ricevere dozzine di applicazioni da PI in fase iniziale che ricercano presso un’università o un istituto di ricerca senza scopo di lucro ed esclude tutte le applicazioni che propongono usi di sperimentazione clinica. I dettagli del programma, le istruzioni e il modulo di richiesta sono disponibili sul sito Web di Aspect al seguente collegamento . I vincitori saranno informati nel marzo 2021 della decisione del comitato.

Questa è un’eccellente opportunità per i laboratori emergenti nel campo della bioingegneria, che sono noti per avere difficoltà ad accedere al pool di finanziamenti limitato e in declino. Nonostante un settore biotecnologico in forte espansione, i ricercatori soffrono di una crisi di finanziamento in corso, che si è recentemente intensificata a causa delle conseguenze senza precedenti della pandemia COVID-19. L’emergenza di chiusura globale ha costretto gli scienziati a lottare per salvare il loro lavoro . Tuttavia, mentre il mondo inizia il viaggio indietro verso una qualche forma di “normalità”, ci aspettiamo di vedere più programmi di sovvenzioni come quello di Aspect, che possono aiutare i ricercatori a continuare il loro percorso verso la scoperta.

Be the first to comment on "Aspect Biosystems ha annunciato che sono aperte le domande per il suo programma RX1 Bioprinter Grant"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi