L’azienda leader nel settore delle biotecnologie BICO ha ottenuto due brevetti per aiutare a regolare e controllare la temperatura durante il processo di biostampa 3D. Secondo i suoi inventori, consentiranno una maggiore vitalità cellulare e una migliore riproducibilità durante la biostampa di bioinchiostri sensibili alla temperatura come il collagene. Si prevede che queste innovazioni accelerino la ricerca scientifica e guidino i progressi nell’ingegneria dei tessuti , nella modellazione delle malattie e nei saggi cellulari 3D per la scoperta di farmaci.

Sviluppati dalla controllata BICO CELLINK , i due brevetti rafforzeranno la sua protezione per le proprietà intellettuali e completeranno il suo portafoglio completo di soluzioni.Alla fine del 2020 la società aveva più di 230 tra brevetti registrati ed in corso di registrazione. Tuttavia, quel numero è probabilmente molto più alto con le sue recenti acquisizioni, comprese le sei società che BICO ha acquisito da quando ha cambiato nome.

Essendo una delle startup pionieristiche della bioprinting nel settore, CELLINK ha creato un ampio portafoglio di tecnologie, comprese le bioprinter basate sull’estrusione come INKREDIBLE e BIO X ; biostampanti a base di luce, come Lumen X ; e bioink specifici per tessuto in cartucce pronte e facili da usare. I prodotti si trovano in più di 2.000 dei laboratori più innovativi del mondo, comprese le principali università come Stanford e Harvard , nonché istituti rinomati come il Centro di ricerca brasiliano sul genoma umano e sulle cellule staminali e la Fondazione di ricerca di San Paolo , e persino giganti farmaceutici come Merck, Novartis , AstraZeneca e Johnson & Johnson .

Vedendo come la biostampa 3D sta rapidamente diventando uno strumento essenziale per la biofabbricazione di modelli di tessuto umano e saggi 3D basati su cellule, CELLINK afferma che mantenere una temperatura precisa durante il processo di stampa è fondamentale durante la biostampa di bioinchiostri a base di collagene e gelatina per garantire una maggiore stampa consistenza, tempi di fermo macchina ridotti per intasamento e minor spreco di materiale.

Per raggiungere questo obiettivo, CELLINK ha ottenuto un brevetto dall’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti che si concentra sulla regolazione della temperatura del letto di stampa di una biostampante per consentire un controllo preciso del processo di gelificazione delle strutture biostampate con bioinchiostri sensibili alla temperatura, come collagene e gelatina. Secondo il riempimento, l’invenzione divulga un letto di stampa che fornisce un mezzo per regolare la temperatura sia verso l’alto che verso il basso, consentendo un controllo della temperatura che è sia accurato che più reattivo rispetto ai letti di stampa convenzionali che utilizzano circuiti stampati, PCB o riscaldatori di pellicola , come un film di poliimmide.

È possibile un maggiore controllo e flessibilità della temperatura del piano di stampa regolando la temperatura su e giù. Ad esempio, CELLINK suggerisce che la temperatura desiderata può essere raggiunta più rapidamente rispetto ai piani di stampa convenzionali, senza timore di sovraelongazioni. Inoltre, le deviazioni dalla temperatura desiderata possono essere regolate in entrambe le direzioni, verso l’alto e verso il basso, consentendo una migliore precisione e una temperatura più stabile rispetto ai piani di stampa convenzionali.Il secondo brevetto annunciato da BICO è stato concesso dall’Ufficio svedese per i brevetti e la registrazione e riguarda il controllo della temperatura della cartuccia e dell’ugello di erogazione durante la biostampa 3D. L’invenzione è un sistema di erogazione con un’unità di regolazione della temperatura per l’ugello della cartuccia del materiale. Ideale per l’uso con le biostampanti CELLINK, l’unità può regolare la temperatura dell’ugello della cartuccia del materiale tra -10 e 20° Celsius. Inoltre, raffreddando o riscaldando l’ugello prima, dopo e tra le azioni di erogazione (a seconda del materiale che viene estruso), l’ugello della cartuccia del materiale non si ostruisce, problema ricorrente con le unità che non dispongono di un ugello di regolazione della temperatura zona.

I sistemi di erogazione sono richiesti per applicazioni che richiedono un’accuratezza, un’uniformità, un processo controllato e un’elevata produttività di deposizioni ripetibili. Nelle applicazioni delle scienze della vita, in particolare, i sistemi di erogazione sono ideali per terreni di coltura cellulare, campioni di RNA per analisi PCR e bioprinting 3D. Pertanto, un sistema di erogazione con regolazione della temperatura può portare a una maggiore riproducibilità, uniformità di stampa, tempi di fermo macchina inferiori a causa di intasamento e minor spreco di materiale, ottenendo al contempo una maggiore vitalità delle cellule, secondo BICO.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi