Due dei principali produttori statunitensi, Boeing e Northrop Grumman , si uniscono alla produzione additiva (AM Forward) e si impegnano ad aiutare i fornitori statunitensi più piccoli ad aumentare il loro uso della produzione additiva (AM), altrimenti nota come stampa 3D. AM Forward è un patto volontario tra i grandi produttori lanciato dal presidente Biden a Cincinnati, OH, il 6 maggio . AM Forward è organizzato e supportato dall’Applied Science & Technology Research Organization of America ( ASTRO America ), un’organizzazione senza scopo di lucro.

Mentre la produzione statunitense sta tornando in auge, non un numero sufficiente di aziende americane sta adottando la stampa 3D o altre tecnologie di produzione avanzate ad alte prestazioni, che hanno il potere di trasformare le officine in tutto il paese e migliorare la competitività globale dei fornitori. È qui che entra in gioco AM Forward.

“Una priorità di questa amministrazione è quella di abbassare il costo dei beni e dei servizi su cui fanno affidamento le famiglie e uno dei modi migliori per farlo è fare più cose in America, con catene di approvvigionamento più sicure e resilienti”, ha affermato Sue Helper, Senior Advisor per la Strategia Industriale, Office of Management and Budget della Casa Bianca. “AM Forward si concentra sulla produzione additiva per aiutarci a raggiungere questi obiettivi. Ci congratuliamo con Boeing e Northrop Grumman per aver riconosciuto i vantaggi della promozione della produzione additiva nelle loro catene di approvvigionamento e per aver assunto impegni pubblici a sostegno di una più ampia adozione”.

“La crisi della filiera non riguarda solo il miglioramento dei nostri porti. Si tratta anche di innovare le officine, proprio qui nelle piccole fabbriche americane”, ha affermato Neal Orringer, Presidente di ASTRO America. “Non vediamo l’ora di lavorare con Boeing e Northrop Grumman per far avanzare AM Forward. Queste aziende sono leader che si prendono particolarmente cura dei loro fornitori e aumentano la competitività dell’America”.

Attraverso AM Forward, ciascuna di queste principali società statunitensi assume impegni pubblici e chiari per l’acquisto di parti prodotte in modo additivo da fornitori più piccoli con sede negli Stati Uniti; formare i lavoratori dei loro fornitori sulle nuove tecnologie additive; fornire assistenza tecnica dettagliata per supportare l’adozione di nuove capacità da parte dei propri fornitori; e impegnarsi nello sviluppo di standard comuni e di certificazione per i prodotti additivi.

Tra gli altri impegni pubblici:

● Boeing punterà a un aumento del 30% della capacità dei fornitori di piccole e medie dimensioni qualificati Boeing e fornirà una guida tecnica per soddisfare i requisiti di qualificazione Boeing e del settore, comprese le qualifiche delta; e rivolgersi a fornitori di piccole/medie dimensioni per competere su pacchetti di richiesta di preventivo (RFQ) inviati per prodotti che utilizzano tecnologie di produzione additiva.

● Northrop Grumman mirerà al 50% dei pacchetti RFQ inviati per prodotti, macchinari, strumenti di produzione e/o sviluppo di processi di produzione che utilizzano tecnologie additive o correlate per essere competitivi da fornitori SMM con sede negli Stati Uniti; e mirare all’approvvigionamento esterno di processi e parti di produzione additiva da un fornitore SMM.

“Sappiamo che la competitività della base industriale statunitense, inclusa Boeing, si basa sulla capacità di un ampio spettro di fornitori di produrre e post-elaborare parti aerospaziali critiche”, ha affermato la dott.ssa Melissa Orme, vicepresidente di Boeing Additive Manufacturing. “Attraverso AM Forward, siamo fiduciosi di poter accelerare in modo collaborativo l’adozione di AM su larga scala; aumentare l’agilità, la capacità e la resilienza delle catene di approvvigionamento statunitensi; e sostenere ed espandere posti di lavoro ben retribuiti negli Stati Uniti”

“La produzione additiva (AM) è una tecnologia di produzione all’avanguardia che è fondamentale per la competitività globale degli Stati Uniti e la resilienza della produzione. Consente nuovi design e paradigmi di sostegno”, ha affermato Matt Bromberg, Corporate Vice President, Global Operations, Northrop Grumman. “Sappiamo che la competitività della base industriale della difesa statunitense si basa sulla capacità di migliaia di produttori di piccole e medie dimensioni (SMM) di produrre e post-elaborare parti aerospaziali critiche. Attraverso AM Forward, governo e industria possono collaborare per adottare la produzione additiva su larga scala, aumentando l’agilità, la capacità e la resilienza delle catene di approvvigionamento statunitensi e sostenendo e sostenendo i posti di lavoro negli Stati Uniti”.

Con l’aggiunta di Boeing e Northrop Grumman, AM Forward conta ora sette iconici produttori statunitensi, un gruppo che comprende anche GE Aviation, Honeywell, Lockheed Martin, Raytheon Technologies e Siemens Energy.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi