Burloak Technologies ha presentato il suo secondo impianto di stampa 3D in Nord America. Il sito di Camarillo, in California, aggiunge 25.000 piedi quadrati di capacità di produzione alla loro struttura già di 65.000 piedi quadrati situata in Ontario, Canada. Questi nuovi impianti e attrezzature sono stati acquisiti in collaborazione con Carpenter Technology . Insieme, i due hanno in programma di lavorare su progetti di prodotti futuri e altre possibilità di produzione.

Burloak, fondata nel 2005, è una consociata di Samuel, Son & Co. Limited, un’azienda che produce e lavora i metalli dal 1855. Burloak offre attualmente una serie di soluzioni di stampa 3D ai clienti nei settori aerospaziale, spaziale, medico, industriale, energetico e settore automobilistico. Sono una delle poche aziende in grado di progettare con successo parti commerciali per la produzione additiva (AM) e quindi produrle su larga scala. Burloak può stampare parti di livello industriale utilizzando titanio, nichel e alluminio a velocità notevolmente più rapide rispetto alle pratiche di produzione convenzionali, con una personalizzazione molto maggiore che si traduce in una maggiore efficacia ed efficienza, oltre a consolidare la produzione di parti con molti pezzi diversi.

Burloak ha fatto passi da gigante in AM negli ultimi anni. Ha aperto il primo impianto di stampa 3D del Canada , semplificando il processo per i clienti industriali di utilizzare la tecnologia additiva per la produzione di parti più leggere, più durevoli ed economiche su larga scala. È stata completamente acquisita da Samuel, Son & Co, aumentando drasticamente il suo capitale e crescendo in un mercato mondiale. Più di recente, l’azienda è diventata la prima nel settore a ricevere l’approvazione di Boeing per i componenti di volo in alluminio stampati in 3D. Questa partnership con Carpenter Technology e l’annuncio della sua seconda struttura è un’altra pietra miliare nella storia del loro successo.

Nonostante una perdita di entrate nel terzo trimestre del 2021, Carpenter Technology è sulla buona strada per la ripresa e la crescita. L’azienda stessa è leader globale nell’utilizzo di titanio, leghe e materiali speciali per produrre parti e componenti mission-critical. Nel mondo della stampa 3D, Carpenter Additive supporta i suoi clienti con atomizzazione di leghe, stampa 3D in metallo, gestione del ciclo di vita delle polveri, raccolta dati e offre una gamma di polveri a base di titanio, alluminio, nichel e ferro.

Stampanti 3D in metallo a fascio di elettroni situate negli stabilimenti di Burloak. Immagine per gentile concessione di Burloak Technologies.
Ora, con le risorse aggiuntive di Carpenter, Burloak crede di avere il servizio AM più completo del settore. Ciò include la fusione del letto di polvere di elettroni e laser, il getto di legante metallico, la fusione del letto di polvere di polimeri e l’estrusione ad alta velocità per produrre prodotti a base di fibra di carbonio e nylon. L’azienda fornisce anche progettazione, ingegneria e lavorazione CNC.

L’aggiunta di Carpenter e della nuova struttura rappresenta un traguardo significativo per Burloak, azienda che vanta già importanti clienti e partnership con aziende come Boeing, GE Additive, MDA Ltd e HP. Sarà emozionante vedere come l’aggiunta di questa nuova struttura e risorse consentirà a Burloak di continuare a far crescere i propri servizi e la propria clientela.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi