CSIRO SVILUPPA FILO DI TITANIO A BASSO COSTO PER LA STAMPA 3D DA SCARTI DI LEGHE
 
CSIRO , l’agenzia scientifica nazionale australiana, ha sviluppato un nuovo processo per trasformare scarti di lega poco costosi in filo di titanio di alto valore per la stampa 3D. 

Secondo quanto riferito, il team CSIRO è il primo in Australia a produrre filo di titanio in questo modo, il cui prodotto può essere utilizzato per realizzare parti stampate in 3D come i componenti aerospaziali. Riutilizzando i particolati in lega di titanio come trucioli di lavorazione, il filo stampabile in 3D risultante è significativamente più economico del filo di titanio realizzato con processi convenzionali.

Il filo è stato messo a punto per l’uso in processi di stampa 3D di grande formato come la produzione di fasci di elettroni e Wire Arc Additive Manufacturing (WAAM), e contribuirà ad aumentare la capacità nazionale australiana nella produzione di filo per la stampa 3D.


Il processo di estrusione del filo brevettato da CSIRO

Secondo CSIRO, il mercato globale del filo di titanio vale oltre AUD $ 200 milioni e c’è una domanda redditizia per la varietà da 2,5 mm a 3 mm come alimentazione per la produzione di additivi per fili. Inoltre, il filo più economico fabbricato da fonti riciclate può essere utilizzato anche per produrre polveri metalliche per la stampa 3D.

Il processo di estrusione del filo brevettato dell’organizzazione è ottimizzato utilizzando la modellazione computazionale ed è in grado di produrre 50 kg di filo di titanio su scala pilota. Il team sta cercando di aumentare questa quantità tra 100-300 kg nei prossimi mesi, il che aprirà la strada alle aziende di stampa 3D australiane per ridurre la quantità di filo di titanio che provengono dall’offshore. 

“Questa tecnologia ha il potenziale per mettere l’Australia sulla mappa come fornitore competitivo di filo in lega di titanio di grado aerospaziale per la produzione additiva e avrà un grande impatto sulla nostra competitività globale”, ha affermato Barrie Finnin, CEO della società di stampa 3D Amaero International. “Ancora meglio, il prodotto finale sarà paragonabile a quello attualmente disponibile all’estero, ma molto più economico perché utilizza prodotti di scarto”.

Il filo è formato da scarti di leghe a basso costo come trucioli di lavorazione che possono essere utilizzati per realizzare parti complesse di grandi dimensioni per l’industria aerospaziale, biomedica, della difesa, marina, automobilistica, edile e dei beni di consumo. La ricerca del CSIRO è supportata dal Science and Industry Endowment Fund.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi