Ford GT LM Edition: l’ultimo saluto per la supercar vincitrice di Le Mans di Dearborn
 
Tutte le 20 Ford GT LM Edition saranno verniciate in Liquid Silver, con inserti in fibra di carbonio rossi o blu ispirati alla livrea dell’auto vincitrice della classe GTE di Le Mans 2016. Guado
Ford ha costruito un’edizione speciale per la sua GT esotica tutto l’anno, e ora Dearborn ha tolto il velo al canto del cigno dell’auto, la Ford GT LM Edition 2022. Saranno costruite solo 20 supercar color Liquid Silver, ma segneranno la fine di una corsa di grande successo iniziata con una vistosa presentazione del 2015 e una versione da competizione dell’auto che ha vinto la LM GTE (Le Mans Grand Touring Endurance) classe alla 24 Ore di LeMans 2016.

La lunga collaborazione della GT con LeMans risale all’era delle “prestazioni totali” alla Ford, resa famosa in Ford contro Ferrari , e all’1-2-3 dell’originale Ford GT40 alla gara del 1966 e al dominio dell’evento fino al 1969. 

C’era un po’ di quella vecchia rivalità al lavoro nel 2016 quando la GT moderna è finita appena prima della Ferrari LM GTE, la 488 GTE. La squadra di guida di Sébastien Bourdais, Joey Hand e Dirk Müller ha preso il comando per l’ultima volta dopo 20 ore di gioco con gli italiani. Una seconda GT è arrivata terza di classe.

 
La produzione di GT stradali è iniziata pochi mesi dopo la gara e la GT LM concluderà la corsa di 1.350 vetture. 

Lontana anche da altre Ford ad alte prestazioni come la Mustang , la Focus RS e l’F-150 Raptor , la GT è una vera supercar come quelle della McLaren o della Ferrari. Costa mezzo milione di dollari, devi essere un cliente “approvato” per ottenerne uno, ed è fatto a mano dal subappaltatore Multimatic, Inc. a Markham, Ontario. Multimatic ha anche costruito componenti e telai per il preparatore Porsche Ruf e per Aston-Martin. 

Questo, tuttavia, è del tutto coerente con la storia dell’auto e la GT LM è un commiato appropriato.

da GT40 a Ford GT
Ford ha fatto rivivere per la prima volta la famosa GT40 come concept car retrò nel 2002, sulla scia dei suoi popolari concept retrò Thunderbird e Forty-Nine. L’idea si rivelò così popolare che l’allora CEO e COO William Clay Ford decise di mettere in produzione l’auto. Un team guidato dal veterano della Ford Camilo Pardo ha avvolto il telaio completamente moderno e i pezzi meccanici in una carrozzeria che, anche a 20 piedi di distanza, sembrava esattamente come l’originale della fine degli anni ’60. 

La Ford non controllava più il nome GT40, quindi la nuova vettura divenne la GT, con la sua produzione a basso volume gestita dal costruttore specializzato Saleen. 4.038 delle supercar sono state prodotte dal 2004 al 2006, ognuna un’auto da collezione istantanea.

La prima Ford GT, costruita dal 2004 al 2006, era una macchina retrò con basi moderne. Alex Kwanten
La GT di seconda generazione (visto qui come concept nel 2015), è stata plasmata da esigenze aerodinamiche. Alex Kwanten
A differenza dell’auto di prima generazione trasformata in concept car di alto profilo, l’attuale processo di sviluppo dell’attuale GT è stato tenuto in gran parte segreto fino a quando non ha rotto la copertura allo spettacolo di Detroit del 2015. Ha reinterpretato le linee della classica GT40, ma è stata progettata principalmente con l’aerodinamica e in mente per vincere un altro round a Le Mans.

Secondo il lead designer Chris Svensson, solo una dozzina di persone ha avuto accesso allo studio di design durante il processo di sviluppo. Jamal Hameedi, all’epoca capo dell’ingegnere capo della Ford Performance, ha supervisionato lo sviluppo meccanico dell’auto pensando alle prestazioni a 360 gradi.

A differenza della GT40 con motore V8 e della GT di prima generazione, l’auto attuale è alimentata da una versione da 660 cavalli del Ford EcoBoost V6 da 3,5 litri correlato a quello dell’F-150 Raptor. Più compatto dei potenziali motori V8 o V12, l’EcoBoost ha dato ai progettisti più libertà durante la progettazione sia della struttura dell’auto che dell’aerodinamica. 

Il processo ha prodotto un veicolo capace di tre secondi da zero a 60 sprint e tempi di undici secondi di un quarto di miglio e 216 mph a pieno regime, ma anche relativamente facile da guidare in città, come l’ Acura NSX . Il team ha anche creato un design che somigliava al passato ed evitava di cadere nei vecchi tropi delle hypercar della fine degli anni 2010 pur essendo in grado di vincere le gare, che era l’obiettivo da sempre.

Ford ha rilasciato quest’anno diverse GT in edizione speciale a tema retrò, inclusa la Holman-Moody Heritage Edition, vista qui con il suo antenato degli anni ’60 in primo piano. Alex Kwanten
Edizioni Speciali e la GT LM
Originariamente, Ford prevedeva di costruire 1.000 GT, ma la corsa è stata estesa ad altre 350 auto nel 2018. I proprietari di GT sono un club esclusivo, ma anche all’interno di questo piccolo piano di produzione ci sono state nove edizioni speciali dal 2017, quattro delle quali inchinandosi a questo anno. Prima della GT LM, Ford ha lanciato un trio di Heritage Edition: il ’64 Prototype (27 prodotti), l’Alan Mann (30 prodotti) e l’Holman-Moody (21 prodotti), ognuno dei quali ricorda importanti personalità o momenti degli originali degli anni ’60 .

La GT LM vuole ricordare la straordinaria realtà della vittoria della Ford nella classe di Le Mans nella prima gara seria di una nuova vettura nel 50° anniversario della sua prima vittoria al Circuit de la Sarthe. 

Alla ricerca di modi per commemorare quella vittoria, il team di produzione Ford ha deciso di inserire un po’ dei veri piloti in ogni GT LM. Hanno trovato l’albero motore messo fuori servizio dall’auto al terzo posto del 2016 (il suo motore è stato smontato e riposto dopo la vittoria), lo hanno ridotto in polvere e lo hanno usato per creare speciali badge del quadro strumenti stampati in 3D. 

Anche gli interni della GT LM saranno in tinta con il tema della livrea dei piloti 2016. Guado
Questo distintivo speciale è, secondo Ford, stampato in 3D dalla polvere di fata del motore da corsa. Guado
Prendendo spunto dalla livrea rosso-bianco-blu dei piloti, la GT LM offrirà agli acquirenti esclusivi finiture in fibra di carbonio blu o rossa, cerchi da 20 pollici in fibra di carbonio lucida a vista con corrispondenti accenti interni della canna rossa o blu, oltre a dadi in titanio e pinze freno Brembo laccate in nero. All’interno, il materiale della seduta e gli inserti in fibra di carbonio saranno abbinati in rosso o blu. C’è anche uno speciale sistema di scarico in titanio stampato in 3D.

Solo 20 GT LM saranno costruite prima della fine della produzione e la cessazione delle build GT significherà anche la conclusione della produzione di GT Mk II. Quella versione dell’auto da pista è destinata ai piloti e saranno state costruite solo 45 unità.

Non sembrano esserci piani pubblici per un successore, ma è del tutto possibile che i designer Ford stiano lavorando in una stanza sul retro su una EV GT per il futuro, proprio come molte altre Supercar EV sembrano essere in lavorazione, inclusa una Il seguito di NSX da Acura.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi