Formlabs Fuse 1

La stampante 3D SLS da banco Fuse 1 di Formlabs è ufficialmente qui

La tanto attesa stampante 3D a sinterizzazione laser selettiva da banco di Formlabs è finalmente arrivata .

Il culmine di sette anni di sviluppo svelato per la prima volta nel 2017 , il leader della stereolitografia desktop ha annunciato oggi la disponibilità del suo sistema Fuse 1 SLS nel tentativo di rendere più accessibile la tecnologia di produzione additiva basata su polvere.

La macchina, disponibile da oggi, è un sistema compatto con tecnologia Surface Armor in attesa di brevetto, una camera di costruzione modulare per consentire la stampa continua e la capacità di stampare fino al 70% di polvere riutilizzata con una velocità di aggiornamento del materiale del 30%. La notizia arriva anche con l’aggiunta di una stazione di post-elaborazione chiamata FuseSift e polvere di nylon 12, che promette un “flusso di lavoro end-to-end diretto”.

Il CEO e co-fondatore di Formlabs Max Lobovsky ha accennato in una recente intervista al podcast Additive Insight che il lancio della macchina era imminente e ha descritto come la società aveva “deciso di fare con SLS, ancora una volta, la stessa cosa che ha fatto con SLA” di rendendolo “molto più economico e molto più facile da usare”.

In un comunicato stampa sull’annuncio di oggi, Lobovsky ha dichiarato: “La stampa 3D SLS non dovrebbe essere riservata esclusivamente a chi ha grandi budget, deve essere accessibile in modo che tutte le aziende, dalle startup ai grandi produttori, possano beneficiare della libertà di progettazione e produttività fornita dalla stampa 3D SLS. “

Elaborando gli sviluppi che la macchina ha subito da quel teaser del 2017, Ian Ferguson, ingegnere capo di Formlabs ha detto a TCT: “Eravamo ottimisti, pensavamo di poterlo concludere in un anno […] ma le cose principali che volevamo concentrarsi sulla creazione di una macchina affidabile e funzionale e all’epoca eravamo vicini ma non eravamo lì e si è scoperto che c’era molta più ingegneria per superare davvero l’ultima gobba. C’erano una varietà di elementi nella macchina che non potevano essere semplicemente ripetuti per raggiungere il livello di cui avevamo bisogno, ma dovevano essere buttati via e riprogettati da zero. “

Una delle caratteristiche principali della macchina è la suddetta tecnologia Surface Armor che è stata progettata per combattere il comune problema di tessitura superficiale a “buccia d’arancia” riscontrato in SLS, in particolare quando si utilizza polvere riutilizzata.

“Surface Armor è il nostro approccio per limitare e ridurre questo effetto”, ha spiegato Ferguson. “Il modo in cui funziona non è così complicato, fondamentalmente crea una barriera termica attorno alla stampa e la barriera termica protegge la superficie. Utilizzando il laser e applicando la giusta potenza nei punti giusti, puoi effettivamente prevenire la formazione di questo difetto superficiale e funziona anche quando usi molta polvere usata. Quindi, fondamentalmente, in questo modo, possiamo comporlo nel modo giusto e possiamo evitare che la sensazione arancione si verifichi praticamente ovunque sulle nostre parti stampate “.

Rivolto a ingegneri, designer e produttori a tutti i livelli per applicazioni che vanno dallo sviluppo del prodotto alla produzione per uso finale, Formlabs ritiene che questa macchina espanderà il mercato della stampa 3D industriale aprendolo a un nuovo gruppo di clienti. Ferguson afferma che Fuse 1 è già utilizzato da un gran numero di clienti nel design industriale, nella progettazione di prodotti e nel settore automobilistico, tra cui Partial Hand Solutions, un produttore di dita protesiche personalizzate che ha utilizzato Fuse 1 in versione beta per sostituire la lunga produzione tradizionale flussi di lavoro.

“In precedenza abbiamo utilizzato un flusso di lavoro di stampaggio a iniezione esternalizzato per fornire dita protesiche a pazienti giovani e anziani, aiutandoli a migliorare la mobilità e aumentare la funzionalità; ma questo processo è stato estremamente lento e non ha consentito la personalizzazione necessaria per ciascun paziente “, ha affermato Matthew Mikosz, fondatore di Partial Hand Solutions. “Fuse 1 ci offre la libertà di progettazione necessaria per personalizzare veramente le nostre protesi e l’elevata produttività e produttività necessarie per fornire rapidamente questa soluzione ai nostri pazienti”.

Anche Formlabs ha utilizzato internamente questa tecnologia SLS per sviluppare nuovi prodotti e lo stesso Fuse 1 presenterà una gamma di parti stampate SLS a bordo.

Lancio con PA 12 come materiale principale, Ferguson ha condiviso che Formlabs sta già lavorando su PA11 e TPU a causa della domanda di queste polveri nel mondo SLS, ma ha anche aggiunto che stanno pensando in anticipo a materiali aggiuntivi che potrebbero trarne maggiore piattaforma accessibile.

“Siamo entusiasti perché pensiamo che a un prezzo inferiore, le persone potrebbero essere più interessate a provare e utilizzare materiali diversi di quanto potrebbero fare se si dispone di una macchina da mezzo milione di dollari; è necessario concentrarsi solo sul valore più alto, la maggior parte utilizzare costantemente i materiali “, ha aggiunto Ferguson. “Quindi siamo decisamente interessati a vedere cosa ha un prodotto SLS a basso costo sul mercato per il tipo di panorama materiale generale”.

Il Fuse 1 arriva a un prezzo più elevato di quanto originariamente previsto, con prezzi a partire da 18.499 USD per la macchina o 31.845 USD per l’installazione completa, ma Formlabs dice a TCT che questo aumento di prezzo si riflette nei servizi di supporto aggiuntivi che Formlabs ha sviluppato in questi nel corso degli anni, il che significa che i clienti riceveranno “un maggiore coinvolgimento da Formlabs” e un prodotto più affidabile e robusto.

Be the first to comment on "Formlabs Fuse 1"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi