Tecnologia medica sostenibile per le persone e l’ambiente
 
 I prodotti monouso sterili rappresentano un’ampia percentuale dei rifiuti generati negli ospedali e negli studi medici. Elevati standard igienici pongono determinati limiti al principio »Riusa, Riduci, Ricicla«. Tuttavia, l’obiettivo della tecnologia medica sostenibile dovrebbe essere quello di gestire in modo più attento al risparmio delle risorse e di convertire i suoi prodotti in un’economia circolare, in modo che i prodotti usa e getta trovino la loro strada nel riciclaggio invece di essere inceneriti. La tecnologia medica sostenibile si prende cura anche delle persone nella loro individualità. Le sostituzioni artificiali (protesi) o le strutture di supporto (ortesi) per articolazioni e parti del corpo mantengono o migliorano la qualità della vita se sono adattate in modo ottimale all’ergonomia e alle esigenze dei pazienti. Diagnostica che può essere eseguita rapidamente e facilmente in loco con le persone (point-of-care), può essere utilizzato anche in aree strutturalmente deboli, può salvare vite umane. Il Fraunhofer IWU ne è convinto: il contributo della produzione fa sempre la differenza decisiva.
© Pexels/Polina TankilevichI prodotti monouso sterili rappresentano un’ampia percentuale dei rifiuti generati negli ospedali e negli studi medici. Tecnologia medica sostenibile significa gestione del risparmio delle risorse con prodotti riciclabili.
© PixabayAddio montagne di rifiuti: le materie prime utilizzate nella tecnologia medica possono essere restituite al ciclo dei materiali, anche se non possono più essere utilizzate per prodotti medici. Ad esempio, è concepibile un contenitore per il trattamento delle acque reflue della doccia, della vasca da bagno e del lavabo nelle abitazioni private.
© Fraunhofer IWUCon l’alleanza WIR! “DIANA – Tecnologie per la diagnostica point-of-care sostenibile basata su processi di produzione microstrutturati e materiali sostenibili”, Fraunhofer IWU, insieme a Fraunhofer IZI e SensLab GmbH, stanno facendo della regione tra Lipsia e Chemnitz una regione prioritaria per espandere la diagnostica medica.
Come i rifiuti monouso delle cliniche e degli studi medici diventano nuovi prodotti medici…
Ospedali, cliniche e studi medici sono i cardini del sistema sanitario. Molti prodotti usa e getta vengono utilizzati nel trattamento ospedaliero e ambulatoriale dei pazienti, che, secondo l’Ufficio federale di statistica, ammontavano già a circa sette-otto tonnellate di rifiuti al giorno prima della pandemia di corona. Gli ospedali sono quindi già stati tra i maggiori produttori di rifiuti in Germania. Durante la pandemia, il volume dei rifiuti nel settore medico è nuovamente aumentato in modo significativo. Una tendenza che non può essere conciliata con gli obiettivi di cicli materiali chiusi e neutralità climatica prima della metà del secolo.

Gettare via o incenerire prodotti in plastica monouso è l’esatto opposto dell’efficienza delle risorse. I ricercatori dell’IWU sono convinti che ci sia un altro modo. Lo scopo del progetto è quello di sviluppare una strategia a medio termine per trattare i rifiuti del settore della tecnologia medica e di ancorarla tra le parti interessate nel sistema sanitario. L’attenzione è rivolta in particolare ai rifiuti delle cliniche. Una strategia di successo deve quindi fornire risposte a domande chiave sulla composizione dei rifiuti, gli attori coinvolti nella catena di processo, le normative, i flussi di materiali e il trattamento dei rifiuti riciclati. Tenendo conto di questi punti focali, alla fine del progetto dovrebbe essere disponibile uno scenario realistico che mostri come i rifiuti sanitari vengono raccolti, separati, trattati e riciclati in modo di alta qualità o riciclati.

I materiali riciclati prodotti meccanicamente vengono lavorati con tre processi di produzione (stampa 3D, stampaggio a iniezione, SMC) per sviluppare un prodotto che può essere reintrodotto nel ciclo dei prodotti monouso medici o in alternativa essere riciclabile per un settore meno regolamentato.

…o ai serbatoi per il trattamento delle acque reflue private
Addio montagne di rifiuti: se produttori, ospedali, medici e aziende di riciclaggio si uniscono, i cicli dei materiali possono essere chiusi e i materiali riciclati possono essere utilizzati in modo sostenibile, senza causare un carico di lavoro aggiuntivo negli ospedali e negli studi medici. Un altro approccio innovativo al riciclaggio dei prodotti medici usa e getta può aiutare a restituire le materie prime utilizzate nella tecnologia medica al ciclo dei materiali, anche con i materiali riciclati che non possono più essere utilizzati per i prodotti medici. Ad esempio, è concepibile un contenitore per il trattamento delle acque reflue della doccia, della vasca da bagno e del lavabo nelle abitazioni private. Per questo è ancora necessario un lavoro di ricerca. Un progetto con benefici sociali a cui tutti possono partecipare: Addio montagne di spazzatura!

DIANA
Che noi! Alliance DIANA colmerà una lacuna di offerta nella regione tra Chemnitz e Lipsia e creerà una rete per la produzione e l’applicazione di diagnostica innovativa per il punto di cura. Ciò consentirà di misurare i dati di misurazione sullo stato di salute del paziente in modo semplice, economico e affidabile. Ulteriori applicazioni possono sorgere, tra l’altro, nello sport e nell’assistenza. DIANA è sinonimo di diagnostica e sostenibilità e riunisce circa 80 partner, tra cui PMI, istituti di ricerca e sostenitori dell’istruzione e della società.

Lo scopo della diagnostica point-of-care (PoC) è l’analisi decentralizzata in loco, che può essere utilizzata anche al di fuori di un’infrastruttura di laboratorio e può far risparmiare tempo, soprattutto quando le decisioni devono essere prese immediatamente o in caso di salvavita le misure. Nello sviluppo e nella traduzione di sistemi di test PoC altamente integrati, la cooperazione interdisciplinare tra diagnostica e tecnologia di produzione è fondamentale. Il Fraunhofer IWU contribuirà con la sua vasta esperienza nell’ingegneria della produzione e nelle tecnologie di microproduzione. L’alleanza è controllata dagli Istituti Fraunhofer IWU e IZI e da SensLab GmbH; la rete VEMASinnovativ è anche un partner importante nell’ulteriore sviluppo strategico di DIANA.


Respiro
Il centro ad alte prestazioni tedesco-polacco ATeM (Additive Technology for Medicine and Health) ricerca nuove tecnologie per l’uso della produzione additiva nella tecnologia medica. I Fraunhofer Institutes for Material and Beam Technology IWS e for Machine Tools and Forming Technology IWU collaborano in ATeM con la Facoltà di ingegneria meccanica, il Center for Advanced Manufacturing Technologies (CAMT) dell’Università tecnica di Wroclaw e gli ospedali universitari di Dresda e Lipsia .

Nella tecnologia medica, i processi di stampa 3D consentono soluzioni individuali su misura per il paziente e l’integrazione di nuove proprietà e funzioni migliorate nei componenti. Questo spesso non è solo significativamente più economico delle procedure convenzionali, ma amplia anche la gamma di terapie e approcci terapeutici.
 

copyright: © Fraunhofer ILT, Aachen, Germany

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi