I ricercatori di robotica trasformano le idee del pubblico in una realtà da “pesci robot”. 
Un pesce robot che filtra le microplastiche ha preso vita dopo aver vinto il concorso pubblico dell’Università del Surrey – The Natural Robotics Contest.  


Il design del pesce robot, progettato da una studentessa di nome Eleanor Mackintosh, è stato selezionato da una giuria internazionale perché potrebbe essere parte di una soluzione per ridurre al minimo l’inquinamento da plastica nei nostri corsi d’acqua.  

Il concorso, che si è svolto nell’estate del 2022, era aperto a chiunque avesse un’idea per un robot di ispirazione biologica, con la promessa che il vincitore sarebbe stato trasformato in un prototipo funzionante. 

Il dottor Robert Siddall, docente presso l’Università del Surrey e ideatore del concorso, afferma:  

“Non sappiamo dove finisca la stragrande maggioranza della plastica scaricata nei nostri corsi d’acqua. Ci auguriamo che questo pesce robot e i suoi futuri discendenti siano i primi passi nella giusta direzione per aiutarci a trovare e, infine, controllare questa plastica problema dell’inquinamento”. 

Il concorso ha ricevuto idee da tutto il mondo, da robot orsi per la protezione delle foreste a rover spaziali ispirati ai granchi, persino un riccio di mare robotico. 

Il pesce robot ha le dimensioni di un salmone e presenta una serie di branchie che filtrano l’acqua mentre nuota. Il suo design è open source e può essere scaricato gratuitamente dal sito web del concorso . Chiunque abbia una stampante 3D può possederne una.  

Il dottor Siddall ha aggiunto: 

“Il pesce robotico si unirà ad altri robot che combattono l’inquinamento in fase di sviluppo presso l’Università del Surrey, contribuendo a rendere il mondo più sostenibile”.  

Il concorso di robotica naturale tornerà l’anno prossimo.

Una studentessa dell’Università del Surrey ha progettato un pesce robotico stampato in 3D per un nuovo concorso e la sua opera vincitrice, un Robo-Fish chiamato Gillbert, aspira felicemente la microplastica dai corsi d’acqua. Onestamente, hai mai visto un modo più carino per aiutare a salvare il mondo?

Un gruppo di ricercatori di robotica dell’università ha annunciato che quest’anno terranno un concorso pubblico per robot biomimetici che potrebbero aiutare il mondo e, grazie al sostegno della Fondazione Alexander von Humboldt , dei Programmi per giornalisti internazionali e del Fondo per l’innovazione didattica dell’università, è nato il Concorso di Robotica Naturale 2022 . Il team ha detto ai partecipanti che il progetto vincitore sarebbe stato trasformato in un prototipo funzionante e hanno ricevuto molte voci degne, da rover spaziali ispirati ai granchi e robot orsi che proteggono le foreste a un riccio di mare robotico.

“Un’opportunità per chiunque di trasformare la propria idea per un robot bioispirato in realtà!” il sito web del concorso afferma con entusiasmo.
Pesce robot stampato in 3D ‘Gillbert’
Secondo il dottor Robert Siddall, docente all’Università del Surrey e ideatore del concorso, la maggior parte della grande quantità di plastica scaricata nei corsi d’acqua potrebbe finire in un numero qualsiasi di luoghi, ma non importa dove atterrerà, sarà sicuramente dannosa. Il pesce robot Gillbert stampato in 3D, progettato dalla studentessa Eleanor Mackintosh, aspira i microrifiuti di plastica utilizzando una serie di branchie per filtrare l’acqua, mantenendo i rifiuti all’interno della sua pancia mentre continua a nuotare e aspira più plastica scartata. Oltre all’azione generale di riduzione dell’inquinamento da plastica, le microplastiche che il pesce robotico estrae dai corpi idrici possono essere utilizzate anche per il campionamento e il riciclaggio.

‘Gillbert’ si illumina anche al buio
Il dottor Siddall e i suoi colleghi ricercatori del concorso – Raphael Zufferey, Sophie Armanini, Ketao Zhang, Sina Sareh ed Elisavetha Sergeev – hanno assegnato un punteggio a ciascuna voce del concorso in modo indipendente e hanno scelto l’idea “Robo-Fish” di Mackintosh come vincitrice. Hanno creato un prototipo stampato in 3D di Gillbert delle dimensioni di un salmone. La maglia fine all’interno delle branchie filtra le particelle di microplastica da 2 mm, che rimangono nel corpo del robot finché è nell’acqua.

“Il design di Eleanor ha preso una premurosa ispirazione dalla natura e aveva uno scopo importante: campionare e tracciare le microplastiche nell’acqua.

“Abbiamo preso la sua idea e l’abbiamo trasformata in un  pesce completamente stampato in 3D con una serie di branchie rivestite in rete, che Eleanor ha affettuosamente chiamato ‘Gillbert’. Il robot è ora un pezzo in corso di ricerca robotica!

“Gillbert” aspira le microplastiche dai corsi d’acqua. Le branchie nascondono una maglia fine che filtra le microplastiche.
Abbiamo visto pesci robotici stampati in 3D servire molte applicazioni , dall’acquisizione di dati subacquei allo studio della vita marina, alla protezione dei pesci reali e persino allo studio dell’ansia e della paura . Ora Gillbert, con la sua capacità di aspirare microplastica, può essere aggiunto all’elenco.

Il Dr. Siddall e il resto del team sono contenti del loro prototipo iniziale, ma riconoscono che dovrebbero essere apportati alcuni miglioramenti, inclusa l’ottimizzazione delle sue pinne e l’alimentazione tramite la coda per far nuotare Gillbert più velocemente. Alla fine, i ricercatori hanno in programma di trasformare il pesce robotico stampato in 3D in un dispositivo telecomandato in grado di nuotare da solo.

Se sei interessato a creare il tuo Gillbert per aspirare la microplastica nei corsi d’acqua vicino a te, il design open source può essere scaricato gratuitamente su GrabCAD.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi