Gli ingegneri dell’Università di Nottingham hanno progettato una visiera approvata che stanno stampando in 3D da distribuire a migliaia di operatori sanitari da utilizzare nella lotta contro il coronavirus Covid-1

Come l’Università di Nottingham sta aiutando a proteggere migliaia di lavoratori del SSN
“Questo è un progetto straordinario che sta dando l’esempio per il resto del settore.”

GLI INGEGNERI DELL’UNIVERSITÀ DI NOTTINGHAM HANNO PROGETTATO UNO SCHERMO VISO APPROVATO

Gli ingegneri dell’Università di Nottingham hanno progettato uno scudo facciale approvato che stanno stampando in 3D da distribuire a migliaia di operatori sanitari da utilizzare nella lotta contro Covid-19 .

Un recente sondaggio del Royal College of Physicians ha rivelato che uno su quattro medici sta riutilizzando i dispositivi di protezione individuale (DPI) monouso e l’ Università di Nottingham ha risposto alle carenze producendo 5.000 schermi facciali in meno di un mese.

I capi dell’NHS nel Nottinghamshire affermano che il lavoro degli ingegneri farà “una vera differenza” per la protezione offerta al personale.

Il team della facoltà di ingegneria ha apportato modifiche a un design dell’archetto open source per garantire che la visiera abbia superato un test normativo da parte di BSI, l’ente nazionale di standard del Regno Unito, per soddisfare i suoi requisiti essenziali di salute e sicurezza, che garantiscono il massimo livello di protezione è fornito.

La visiera – prodotta con l’aiuto delle aziende locali e della Nottingham Trent University – comprende una fascia stampata in 3D, una visiera tagliata al laser (con rivestimento antiappannamento) ed è mantenuta in posizione con una cinghia regolabile tagliata al laser.

Il suo design e i documenti di accompagnamento sono aperti ad altri produttori per produrre gli schermi facciali, tuttavia i produttori dovranno presentare i propri prodotti per i test per ottenere l’approvazione.

Il professor Donal McNally, capo del gruppo di ricerca sulla bioingegneria nella facoltà di ingegneria, ha dichiarato: “Avere una soluzione DPI che soddisfa gli standard di sicurezza nazionali e dell’UE è fondamentale per l’impiego all’interno del SSN.

“È stato un risultato davvero eccezionale passare dal nulla a migliaia di dispositivi utilizzati da medici e ospedali locali in meno di un mese.

“Ciò non sarebbe stato possibile senza gli straordinari sforzi dei partner manifatturieri locali e di BSI”.

Il professor Richard Hague, direttore del Center for Additive Manufacturing, ha dichiarato: “Il nostro obiettivo principale era quello di garantire una soluzione DPI sicura e certificata in modo che gli operatori sanitari potessero avere fiducia nelle apparecchiature che stavano utilizzando.

“Utilizzando la flessibilità della produzione additiva (stampa 3D) e la tecnologia di taglio laser, siamo stati in grado di arrivare a un progetto, farlo testare e approvare, quindi prodotto e consegnato in un arco di tempo molto rapido.

“Abbiamo anche avuto un incredibile supporto da parte dei nostri collaboratori nell’ottenere questi schermi facciali per il SSN – il lavoro di squadra e la disponibilità delle persone ad aiutare è stato davvero commovente e siamo tutti estremamente orgogliosi di poter contribuire alla lotta della nazione contro il coronavirus “.

Gli schermi facciali hanno anche superato con successo i test europei di salute e sicurezza per ottenere l’approvazione CE per l’uso come parte dei DPI per la protezione degli operatori sanitari contro Covid-19.

Sono forniti in confezioni per il SSN, con cinque visiere di ricambio per schermo facciale e istruzioni per l’uso.

Il dott. James Hopkinson, GP e presidente clinico congiunto del NHS Nottingham e del Nottinghamshire Clinical Commissioning Group, ha dichiarato: “Siamo estremamente grati all’Università di Nottingham per lo sviluppo e la fornitura di visiere che faranno davvero la differenza per migliaia di personale sanitario che lavora su la linea frontale dell’epidemia di coronavirus.

“I pacchetti di visiere sono già stati consegnati alle pratiche GP locali e abbiamo in programma di condividerli con una serie di altri lavoratori chiave, come le persone che si prendono cura degli altri a casa.

“Penso che questo sia un esempio davvero positivo di professionisti di talento che lavorano oltre i normali confini al fine di supportare le nostre comunità locali in un momento senza precedenti e molto impegnativo.”


Le modifiche alla progettazione apportate dal team di progettazione hanno comportato l’ampliamento dell’elemento avvolgente della visiera, nonché altre modifiche per migliorare il comfort degli utenti.

Il team di ingegneri dell’Università di Nottingham è stato fortemente supportato da Matsuura UK – un’azienda manifatturiera delle East Midlands – per produrre l’elemento stampato in 3D.

L’elemento visiera è stato realizzato con l’aiuto della ditta locale Prime Group e della Nottingham Trent University che ora stanno aumentando per la produzione del cinturino tagliato al laser.

Be the first to comment on "Gli ingegneri dell’Università di Nottingham hanno progettato una visiera approvata che stanno stampando in 3D da distribuire a migliaia di operatori sanitari da utilizzare nella lotta contro il coronavirus Covid-1"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi