Zortrax e il progetto Open Breath degli ingegneri italiani stampa in 3d di ventilatori polmonari

Gli ingegneri italiani sviluppano ventilatori su stampanti 3D

Il produttore polacco di stampanti 3D Zortrax riporta il progetto Open Breath in un comunicato stampa. Questa è un’iniziativa di ingegneri italiani che usano la tecnologia 3D per sviluppare un ventilatore completamente funzionale. Sono supportati con dispositivi di Zortrax.

In caso di grave decorso della malattia COVID-19, diventa necessario connettere il paziente al dispositivo che arieggia i polmoni. Sfortunatamente, in paesi come l’Italia, dove il numero di infezioni e il tasso di incidenza sono ancora molto elevati, non ci sono abbastanza attrezzature speciali. Attualmente, ordinare i ventilatori per gli ospedali non è solo troppo costoso, ma soprattutto richiede troppo tempo. In risposta alle carenze segnalate dalle strutture mediche, molti utenti di stampanti 3D hanno iniziato a costruire i propri dispositivi sostitutivi.

Il processo di costruzione di un ventilatore è cambiato nel tempo. Questo dispositivo doveva originariamente essere realizzato in lamiera e alcune sue parti dovevano essere fresate in acciaio. Tuttavia, questa non era la soluzione più veloce, poiché i componenti dovevano essere ordinati e quindi inviati all’impianto di assemblaggio, che impiegava anche alcuni giorni. Gli sviluppatori sono stati costretti ad abbandonare questa soluzione quando l’impianto di assemblaggio con cui hanno lavorato è stato chiuso a causa delle restrizioni imposte all’economia. Quindi uno degli ingegneri coinvolti nel progetto, Massimiliano D’Amario, ha suggerito l’uso della tecnologia 3D. Come si è scoperto in seguito, questa tecnologia ha permesso praticamente a tutti gli elementi originariamente di essere fresati in acciaio di essere fabbricati in modo indipendente. Inizialmente, queste parti sono state create su una stampante Zortrax M200 privata di proprietà di uno degli ingegneri. Con il supporto di Zortrax, è stata fornita un’altra stampante, la M300 Dualo, con un ampio spazio di lavoro LPD Plus, che ha contribuito a espandere le capacità di produzione esistenti. Sono stati forniti anche i filamenti necessari per la stampa.

La tecnologia di stampa 3D si è dimostrata ovunque siano richieste soluzioni rapide e spesso insolite. Molte parti che prima dovevano essere ordinate dagli impianti di produzione e fabbricate con metodi specificati con precisione possono ora essere prodotte comodamente da casa. Quando abbiamo saputo del progetto Open Breath, sapevamo di poter aiutare gli ingegneri fornendo loro una stampante che soddisfacesse le loro aspettative. Siamo lieti che i nostri dispositivi stiano lavorando a un progetto così importante e innovativo che può aiutare molti malati ”, ha affermato Mariusz Babula, Vice Presidente di Zortrax.

Gli sviluppatori del ventilatore erano desiderosi di dotare questo dispositivo di tutte le funzionalità necessarie. Non volevano sviluppare un altro dispositivo di rianimazione manuale facile da fabbricare, ma non adatto a cure a lungo termine di pazienti con un decorso grave della malattia. Dopo aver consultato i medici, hanno deciso di iniziare a sviluppare un dispositivo più avanzato che potrebbe essere utilizzato, tra le altre cose, per controllare la velocità di pompaggio e regolare la pressione dell’aria nei polmoni del paziente. È stata inoltre implementata la modalità SIMV, ovvero la ventilazione obbligatoria intermittente sincronizzata, che viene utilizzata quando il paziente è vicino alla fine della terapia e dovrebbe abituarsi lentamente alla respirazione in modo indipendente. I parametri di ventilazione possono essere monitorati e controllati a distanza in modo che i medici non siano costretti a visitare ogni letto dell’ospedale. Lo sviluppo di un dispositivo così complesso, che presenta le funzionalità più importanti dei ventilatori classici, è stata una grande sfida. Molti rappresentanti dell’industria e delle università sono stati coinvolti nel progetto. I direttori generali di Open Breath sottolineano che gli ingegneri del CERN Institute di Ginevra, in Svizzera, tra gli altri, hanno dato il loro contributo al progetto. Molti rappresentanti dell’industria e delle università sono stati coinvolti nel progetto. I direttori generali di Open Breath sottolineano che gli ingegneri del CERN Institute di Ginevra, in Svizzera, tra gli altri, hanno dato il loro contributo al progetto. Molti rappresentanti dell’industria e delle università sono stati coinvolti nel progetto. I direttori generali di Open Breath sottolineano che gli ingegneri del CERN Institute di Ginevra, in Svizzera, tra gli altri, hanno dato il loro contributo al progetto.

Il team di esperti dedicati è riuscito a sviluppare un prototipo del dispositivo che sarebbe economico da fabbricare e facile da usare. Il team Open Breath attualmente ha un prototipo di lamiera completamente assemblato e un dispositivo di campionamento creato su una stampante 3D. Sono attualmente in corso test per verificare che tutte le funzioni avanzate del ventilatore funzionino correttamente. Se tutto va bene, il progetto sarà pubblicato gratuitamente.

Be the first to comment on "Zortrax e il progetto Open Breath degli ingegneri italiani stampa in 3d di ventilatori polmonari"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi