Habitat for Humanity pronta a stampare in 3d a Tempe in Arizona case per persone povere

HABITAT FOR HUMANITY UTILIZZA LA TECNOLOGIA COBOD PER STAMPARE IN 3D ALLOGGI A PREZZI ACCESSIBILI IN ARIZONA
 

Habitat for Humanity , un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla riduzione della povertà, sta per iniziare a stampare in 3D alloggi a prezzi accessibili a Tempe, in Arizona.

Utilizzando una stampante 3D concreta COBOD BOD 2, l’organizzazione sta lavorando con l’impresa di costruzioni PERI e molti altri partner locali per stampare in 3D una casa unifamiliare con tre camere da letto e due bagni. Una volta completata, una famiglia selezionata da Habitat verrà scelta per vivere nella casa.

“Questa è davvero un’opportunità per Habitat for Humanity Central Arizona”, ha affermato Jason Barlow, presidente e CEO di Habitat Central Arizona. “Quando consideriamo i problemi abitativi dell’Arizona, diventa chiara la necessità di soluzioni abitative convenienti. Se siamo in grado di fornire case decenti, convenienti e più efficienti dal punto di vista energetico a costi inferiori, in meno tempo e con meno sprechi, pensiamo che potrebbe essere un vero punto di svolta. Basta pensare alle implicazioni”.

Secondo Habitat, c’è una carenza di alloggi a prezzi accessibili “acuta” in Arizona, e la mancanza di opzioni di alloggio a prezzi accessibili è ai massimi storici nell’area metropolitana di Phoenix. Nel tentativo di affrontare il problema, l’organizzazione si sta rivolgendo alla stampa 3D concreta in loco. Riducendo drasticamente i tempi di costruzione ed eliminando la necessità di manodopera, i partner ritengono che la tecnologia possa essere una soluzione scalabile al problema.

Progettata da Candelaria Design Associates , la casa stampata in 3D avrà uno spazio abitativo di 1.722 piedi quadrati e sarà pronta per l’occupazione a settembre di quest’anno. La stampante 3D BOD2, che ha un volume di costruzione di 40 x 50 x 25 piedi, è già stata installata nel cantiere di Tempe. Oltre alle pareti stampate in 3D, l’edificio presenterà anche un tetto in asfalto e un garage utilizzabile con una porta in alluminio.

Con ogni progetto di costruzione, COBOD si consolida ulteriormente come leader nella tecnologia di stampa 3D in calcestruzzo. PERI è stato selezionato per il progetto grazie alla vasta esperienza dell’azienda nella gestione del BOD2 in tutta Europa. Nel 2020, il sistema è stato utilizzato per stampare in 3D la prima casa pronta per il mercato in Germania, seguita dal più grande condominio stampato in 3D del continente.

Portandolo oltreoceano, il BOD2 è stato coinvolto anche in progetti in Africa, Medio Oriente, Nord America e Asia. Più di recente, la società di costruzioni Printed Farms ha utilizzato il sistema per fabbricare il primo edificio stampato in 3D della Florida nel gennaio di quest’anno. L’unità di stoccaggio rinforzata con tondo per cemento armato presentava una superficie di 784 piedi quadrati e l’azienda sta ora chiedendo il permesso di creare due ulteriori ville intercostali della Florida.

Henrik Lund-Nielsen, fondatore e direttore generale di COBOD, conclude: “Siamo davvero lieti che le nostre stampanti stiano ora iniziando a fare un passo avanti nel mercato delle costruzioni statunitense. Sempre più aziende statunitensi si rendono conto che la nostra tecnologia è superiore a ciò che i fornitori locali possono fornire. I nostri stampatori hanno realizzato edifici in due stati degli Stati Uniti ora e altri seguiranno nei prossimi mesi”.

Be the first to comment on "Habitat for Humanity pronta a stampare in 3d a Tempe in Arizona case per persone povere"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi