H&M e i camerini digitali con avatar scansionati in 3D dei suoi clienti

H&M progetta spogliatoi digitali con avatar scansionati in 3D dei suoi clienti

La società di commercio tessile svedese H&M sta progettando di utilizzare uno spogliatoio digitale per la scansione 3D dei suoi clienti con il suo laboratorio di innovazione H & Mbeyond e la società tecnologica neXR Technologies. Con gli avatar 3D, i clienti H&M potranno provare i vestiti digitalmente da casa e tramite l’app. Ciò dovrebbe anche ridurre il numero di resi di pacchi durante gli acquisti online e ridurre l’impatto ambientale del commercio online. Ma ci sono altri vantaggi.

La catena di abbigliamento svedese H&M sta ora sviluppando uno spogliatoio digitale insieme alla società NeXR Technologies nel laboratorio di innovazione dell’azienda H & Mbeyond a Berlino, come riportato dalla società NeXR Technologies in un comunicato stampa (PDF, 188 Kb; si apre a nuova finestra).

Grazie alla tecnologia, i clienti online dovrebbero essere in grado di provare i capi di abbigliamento virtualmente su un avatar realistico prima dell’acquisto. Per poter utilizzare la cosiddetta soluzione di fitting virtuale, i clienti devono essere scansionati con lo scanner di fotogrammetria 3D sviluppato da Nexr in una filiale H&M . Il software utilizza quindi i dati per creare un avatar fotorealistico che viene trasferito sullo smartphone del cliente e può essere utilizzato lì per provare i vestiti.

L’uso di avatar 3D per lo shopping online non è del tutto nuovo. Il negozio online giapponese Zozo spedisce già abiti su misura che si basano anche su un modello 3D del cliente. Il cliente può creare in anticipo un modello 3D di se stesso utilizzando una tuta con punti di misurazione forniti, la tuta Zozo e il proprio smartphone. L’idea suona un po ‘folle e divertente allo stesso tempo, come un gioco in un casinò , ma potrebbe diventare presto una realtà.

Soprattutto nel contesto della pandemia di coronavirus, la richiesta di cambiamenti nella vendita al dettaglio è più grande che mai. Insieme a neXR Technologies, H&M sta progettando il camerino virtuale con avatar 3D dei clienti scansionati in 3D per rendere lo shopping online ancora più attraente (foto © neXR Technologies).
Assistenza nella decisione di acquisto e riduzione dei resi
Secondo H&M, l’obiettivo dello spogliatoio della realtà virtuale è un’esperienza di acquisto entusiasmante e un aiuto nella decisione di acquisto. Inoltre, secondo Oliver Lange, Head of H&M beyond, la tecnologia dovrebbe aiutare a ridurre i resi, spesso causati da indumenti che non si adattano o che non piacciono.

Come mostra uno studio dell’Università di Bamberga , il 46% di tutti gli ordini online viene restituito. Nell’area della moda, dove, secondo gli autori, c’è “un grande fattore di benessere individuale”, il tasso di rendimento è ancora più alto. Con costi medi di 19,51 euro per reso (9,85 euro di spedizione, 9,66 euro di elaborazione), i resi rappresentano un grave problema per i rivenditori di moda, soprattutto nel segmento di prezzo medio e basso, con una forte influenza sul risultato operativo. Inoltre, i rendimenti in Germania generano circa 238.000 tonnellate di CO2 equivalente (CO2e) all’anno. Se H&M fosse in grado di influenzare in modo significativo il suo tasso di ritorno attraverso il camerino digitale, sia il business che l’ambiente ne trarrebbero vantaggio.

Inquinamento ambientale – Provare è meglio che acquistare online
Il paio di scarpe rosse sembra così bello sullo schermo, ma si adatta meglio a una taglia 38 o 39? Difficile, difficile. Non sono sicuro di quanti acquirenti online siano in un caso del genere, acquistano semplicemente entrambe le taglie e rispediscono l’articolo sbagliato dopo averlo provato. A Zalando, il tasso di rendimento è del 50 percento. La spedizione di massa causa materiale da imballaggio, rifiuti e sostanze inquinanti. Restituisce danni all’ambiente .

Durante la spedizione della merce, la maggior parte dei rivenditori online collabora con il fornitore di servizi DHL. Un portavoce di DHL dice:

“In media, gestiamo 3,3 milioni di pacchi e pacchi ogni giorno. Quattro anni fa il numero era di 2,3 milioni. Puoi vedere chiaramente il fiorente business di Internet “.

Non può dire quanto sia alta la proporzione dei rendimenti. In un recente studio dell’Associazione federale delle società tedesche di vendita per corrispondenza, tuttavia, più di un terzo dei 150 rivenditori intervistati ha indicato una percentuale del 20%. Nel caso dell’abbigliamento, invece, il valore è molto più alto, come mostra Zalando.

Se un pacco viene trasportato all’interno della Germania, le emissioni medie di CO2 di un pacco sono di circa 500 grammi . “Ciò significa che un moderno veicolo di fascia media non percorre nemmeno 3,5 chilometri”, afferma DHL. Quindi non è poi così male, dopo tutto? Mi prendi in giro? Dici sul serio quando lo dici. Perché anche chi fa acquisti su Internet spesso si siede in macchina, ad esempio per ritirare la consegna presso una DHL Packstation. I fattorini della Deutsche Post suonano il campanello solo una volta. Hermes arriva una seconda e terza volta. Ecco perché il BUND dice: “Chi fa clic impulsivamente e goffamente nel bazar digitale, moltiplica l’impatto ambientale”.

Poiché l’importanza sta aumentando, l’Agenzia federale dell’ambiente sta lavorando al calcolo della logistica e delle emissioni legate al traffico del commercio online. Tuttavia, fino a quando non saranno disponibili i primi risultati, bisognerà probabilmente pazientare fino alla fine di quest’anno. Perché il calcolo è complesso. A seconda che qualcuno viva in campagna o in città, quanto ordina online e rispedisce, il risultato punta in un modo o nell’altro. “Ma quello che puoi dire in generale”, riassume un gruppo di ricerca dell’Agenzia federale dell’ambiente:

“Il trading online migliora se riduci il numero di rendimenti. Il trading offline diventa migliore quando i negozi investono in efficienza energetica come il riscaldamento o l’illuminazione ei consumatori fanno acquisti a piedi o in bicicletta “.

Inizia nell’estate 2021
Le prime filiali H&M riceveranno lo scanner 3D quest’estate. Successivamente, NeXR Technologies, in collaborazione con H & Mbeyond, continuerà a migliorare lo scanner 3D e il software per poter offrire la migliore esperienza di acquisto possibile. Continueremo a riferire sugli ulteriori sviluppi nello shopping online 2.0, nella tecnologia di scansione 3D e in altre tecnologie future nella rivista 3D-limitless

Be the first to comment on "H&M e i camerini digitali con avatar scansionati in 3D dei suoi clienti"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi