I nuovi moduli di Interstellar Lab i Biopod gonfiabili per la coltivazione di piante ha un grande potenziale per espandere l’agricoltura sostenibile sulla Terra e nello spazio

I biopod stampati in 3D potrebbero far crescere piante ovunque, sulla Terra e nello spazio
 
Presentato alla Future Investment Initiative del 2021 a Riyadh, in Arabia Saudita, il progetto del primo pod gonfiabile per la coltivazione di piante ha un grande potenziale per espandere l’agricoltura sostenibile sulla Terra e nello spazio. Create dalla società franco-americana Interstellar Lab , queste serre avanzate a controllo ambientale, chiamate BioPods, sono state progettate per coltivare oltre 300 diversi tipi di frutta, verdura, fiori e piante ovunque. Ora, l’azienda innovativa ha collaborato con la startup di stampa 3D su larga scala Soliquid per costruire BioPods da utilizzare sulla Terra e nello spazio, basandosi su tecnologie di produzione additiva (AM).

Attraverso l’accordo, Interstellar Lab svilupperà una strategia di stampa 3D completamente nuova per produrre la membrana gonfiabile e tutti i sistemi di materiali per il BioPod. La società mira anche a stampare bene in 3D i suoi simulatori di Marte, soprannominati Experimental Bioregenerative Station (EBios), progettati come i primi villaggi a circuito chiuso e controllati dall’ambiente sulla Terra. Questa “nuova emozionante avventura”, come l’ha descritta Soliquid, sfrutterà il suo robot a sei assi e l’estrusore per stampare in 3D parti complesse in sospensione, senza supporto, più velocemente e con meno materiale.

Supportato da Leonard , il futuro programma di accelerazione della costruzione di VINCI , Soliquid è focalizzato sulla stampa 3D a sospensione su larga scala per i settori dell’architettura, dell’ingegneria, delle costruzioni e del design. L’azienda ha sviluppato un sistema brevettato per stampare in 3D cemento, resine e altri materiali in un ambiente controllato con un processo sostenibile ed efficiente.


Ridimensionando la produzione di BioPods attraverso AM, Interstellar Lab soddisferà la crescente domanda sulla Terra. Fondato nel 2018 dall’esperta di venture capital Barbara Belvisi dopo diversi mesi di incubazione presso il NASA Ames Space Portal , Interstellar Lab ha ora un team di 15 ex dipendenti di SpaceX , Disney , Airbus e Thales . Come parte dell’accordo, il co-fondatore di Soliquid Jim Rhoné è entrato a far parte del gruppo come Chief Product Officer (CPO), supervisionando lo sviluppo del prodotto di BioPod dalla progettazione alla consegna, supervisionando il processo di produzione.

L’ultima mossa professionale di Rhoné non sorprende, considerando che già da settembre 2020 lavorava come Architetto e Computational Designer per la sede parigina di Interstellar Lab. Rhoné ha descritto il suo nuovo ruolo come un “sogno” in un’azienda in cui condivide la convinzione che le tecnologie attualmente in fase di sviluppo per lo spazio aiuteranno a preservare la Terra. “Le esplorazioni spaziali e oceaniche sono intimamente legate e, quando iniziamo a svelare entrambi i loro misteri, Soliquid porterà il meglio della sua esperienza per aiutare a trasformare la visione di Barbara in realtà. Tempi affascinanti e sfide future.”

 
Incentrati sulla fornitura di tecnologia spaziale per coltivare piante in modo efficiente, i BioPods di Interstellar Lab per l’agricoltura sostenibile sulla Terra e il supporto vitale nello spazio potrebbero essere fondamentali per le prossime missioni spaziali con equipaggio sulla Luna, su Marte e oltre. Per decenni, la NASA è stata fortemente coinvolta nello sviluppo di applicazioni per la coltivazione di colture alimentari nello spazio. Alla fine degli anni ’80, la ricerca sulle colture spaziali ha acquisito un notevole slancio . All’epoca, l’agenzia era interessata ai metodi per la produzione di colture aeroponiche nello spazio e ai sistemi idroponici per l’irrigazione e la fertilizzazione delle piante in condizioni di microgravità, tra gli altri.

Sebbene molti di questi esperimenti siano falliti, oggi l’agenzia ha bisogno di muoversi rapidamente poiché le prossime missioni spaziali come il programma di atterraggio sulla Luna Artemis sono previste per il prossimo decennio. Con diversi piani per gli umani di esplorare e colonizzare lo spazio in lavorazione, comprese missioni nello spazio profondo come un viaggio su un asteroide o su Marte , l’agricoltura spaziale diventa meno una novità e più una necessità.

 
I BioPods sono stati progettati utilizzando la Dassault Systèmes ‘ 3D Experience piattaforma, e Interstellar Labs promette che la sua vetrina primo modello si svolgerà nei pressi di Parigi qualche tempo in autunno 2021. Le innovative opere di creazione come un sistema standalone con la tecnologia avanzata di coltivazione delle colture bio Foster diversità, trasformare l’anidride carbonica in ossigeno, chiudere il circuito dell’acqua e ridurre di 100 il fattore di fabbisogno di terreno. Previsto per diventare il “futuro della coltivazione sostenibile delle piante”, la tecnologia della membrana gonfiabile di BioPod sarà stampata in 3D con materiali ad alte prestazioni che il l’azienda prevede che si tradurrà in elevate proprietà di isolamento.

Potenzialmente funzionando come habitat completamente rigenerativi che regolano automaticamente aria, pressione, acqua, temperatura e umidità, i baccelli potrebbero creare condizioni ambientali ideali per gli esseri umani e le piante al di fuori della Terra. Possono essere utilizzati da soli o possono essere collegati a moduli di forma. Combinando i moduli, l’azienda crede di poter supportare la vita di gruppi più grandi e diventare una struttura per città sostenibili sulla Terra e in futuro nello spazio.

Interstellar Lab, infatti, ha anche progettato il primo villaggio EBios nel deserto del Mojave e sta pensando al secondo per la ricerca governativa spaziale della NASA a Cape Canaveral, in Florida, vicino al Kennedy Space Center. In questo prossimo contesto, la partnership con Soliquid consentirà a Interstellar Lab di lanciare lo sviluppo di innovative membrane gonfiabili stampate in 3D e testare strutture di regolite stampate in 3D per applicazioni lunari In Situ Resource Utilization (ISRU) del BioPod in collaborazione con agenzie spaziali.


Impiegando una matrice riutilizzabile e flussi di lavoro di ottimizzazione della topologia, la tecnologia di Soliquid può aiutare a ripristinare ecosistemi fragili stampando in 3D sistemi costruttivi biomimetici che favoriscono il ritorno della vita e la fioritura della biodiversità. A testimonianza di ciò che possono fare, il loro ultimo progetto di barriera artificiale Bathyreef , supportato dall’Istituto Mediterraneo di Oceanografia (Mio), è progettato per essere un santuario per la vita marina.

Con un quarto delle emissioni di gas serra provenienti da metodi agricoli tradizionali e inefficienti , i nuovi moduli di Interstellar Lab per l’agricoltura sostenibile potrebbero accelerare la transizione verso soluzioni rigenerative ambientali sulla Terra creando sistemi integrati altamente efficienti di produzione alimentare, acqua e riciclaggio dei rifiuti. Il clima interno del BioPod, completamente controllato dall’ambiente e sigillato da contaminanti esterni come parassiti o inquinamento, consentirebbe la crescita di alimenti di altissima qualità in qualsiasi ambiente.

Be the first to comment on "I nuovi moduli di Interstellar Lab i Biopod gonfiabili per la coltivazione di piante ha un grande potenziale per espandere l’agricoltura sostenibile sulla Terra e nello spazio"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi