Il consorzio CHAMPP e il processo di produzione ibrido per la stampa 3D di componenti di veicoli elettrici

Il consorzio CHAMPP sviluppa un processo di produzione ibrido innovativo per la stampa 3D di componenti di veicoli elettrici più leggeri
 
Il consorzio CHAMPP ha ricevuto una sovvenzione per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di un nuovo processo di produzione ibrido innovativo. Ciò dovrebbe consentire componenti stampati in 3D più leggeri per l’industria dei veicoli elettrici. Cerchiamo una soluzione che unisca i vantaggi della stampa 3D a quelli del processo di fusione.
 
Il consorzio CHAMPP ha ricevuto una sovvenzione significativa per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di un nuovo processo di produzione ibrido innovativo. La società di stampa 3D Alloyed , che fa parte del consorzio, lo ha annunciato in un comunicato stampa alla rivista 3D-limitless.

Il consorzio esplorerà alcuni dei principali vincoli della produzione additiva per il settore automobilistico , in particolare i veicoli elettrici. I partner del programma CHAMPP (Casting-Hybrid-Additive-Manufacturing-Parts-Production) includono Alloyed , BCAST della Brunel University London, Gestamp e la sua controllata Autotech.

Stampa 3D nell’industria dei veicoli elettrici
Poiché il mercato dei veicoli elettrici continuerà a crescere in modo significativo fino al 2030, molte aziende sono alla ricerca di nuove soluzioni per componenti più leggeri al fine di raggiungere obiettivi di efficienza. Abbiamo recentemente riferito su Sakuu Corporation, che ha introdotto una stampante 3D multimateriale per la produzione di batterie allo stato solido per veicoli elettrici . La velocità dei processi, la dimensione massima del pezzo e il costo per pezzo relativamente alto rallentano il progresso in questo settore. Il programma CHAMPP è progettato per esplorare un approccio ibrido alla produzione di parti, tenendo conto dei vantaggi della fusione e dell’AM. Alloyed fornisce le conoscenze per sviluppare leghe con la piattaforma Alloy by Design (ABD®) per la fusione e l’AM.

La piattaforma Engine® può anche aumentare le prestazioni AM. BCAST e Gestamp completano il know-how nelle loro aree di ricerca sulla fusione e produzione globale di parti di automobili.
L’obiettivo è combinare il basso costo per parte di fusione con la flessibilità progettuale e produttiva di AM. Le case automobilistiche distribuiscono i loro componenti standard su più modelli e utilizzano AM in metallo per personalizzare le parti per varianti specifiche nelle quantità desiderate.

 
Lega di alluminio al posto dell’acciaio
Finora la ricerca si è concentrata sul materiale economico acciaio, ma dove catene di approvvigionamento complesse e macchinari costosi sono un ostacolo all’ibridazione su larga scala. L’ibridazione con l’alluminio o le sue leghe è limitata dalle convenzionali leghe colate / battute, che hanno scarse prestazioni meccaniche nei processi di stampa 3D . Le attuali polveri AM in lega di alluminio non sono adatte per applicazioni di produzione automobilistica. Sono costosi e portano a scarse proprietà meccaniche con molti difetti.

Il progetto CHAMPP mira a sviluppare e testare nuove leghe di alluminio più adatte alle future esigenze automobilistiche. L’attenzione si concentra sullo sviluppo di leghe che vengono prima colate e poi costruite. Questi vengono quindi progettati utilizzando tecniche AM con una lega compatibile che mantiene le proprietà meccaniche e le prestazioni per creare caratteristiche personalizzate e complesse.

Be the first to comment on "Il consorzio CHAMPP e il processo di produzione ibrido per la stampa 3D di componenti di veicoli elettrici"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi