Muro di meristema
 
stampa 3d a getto di legante
Il progetto esplora il muro come una membrana piuttosto che una barriera, mediando ambienti interni/esterni per la convivenza multispecie.

Meristem Wall è un prototipo per un involucro edilizio stampato in 3D, caratterizzato da una rete controllabile dinamicamente di canali d’aria integrati che consentono una relazione fluida tra interno ed esterno. La parete integra illuminazione ed elettricità funzionali, finestre e interni in tessuto lavorato a maglia CNC personalizzati. È fabbricato attraverso la stampa 3D di sabbia a getto di legante e punta verso un’architettura climaticamente performativa, inclusiva verso la vita non umana nei contesti urbani.

Meristem Wall è stato esposto alla Time Space Existence della Biennale di Venezia 2021.

Il settore dell’architettura ha unito ancora una volta funzionalità ed estetica con la stampa 3D di una nuova parete innovativa utilizzando la tecnologia di produzione additiva sviluppata da Voxeljet .

Progettato dagli architetti svedesi David Andreen e Ana Goidea, il Meristem Wall è una struttura di 1,25 x 2,1 x 0,7 m che integra diverse caratteristiche funzionali progettate per dimostrare la potenza della produzione additiva. Ciò include le tubazioni per il cablaggio elettrico e il flusso dell’acqua, una complessa rete di ventilazione e una struttura superficiale ottimizzata dal punto di vista computazionale che consente al muro di fungere da habitat urbano per la fauna selvatica.

Ana Goidea spiega: “La capacità di creare forme e geometrie complesse e uniche con tecnologie come la stampa 3D apre un regno completamente nuovo di architettura estetica, efficiente e incredibilmente funzionale. Ed è quello che vogliamo mostrare con il Meristem Wall.“

Non è un segreto che la libertà di progettazione offerta dalla stampa 3D consenta alla tecnologia di creare un numero illimitato di geometrie astratte. In architettura, questo si traduce nella possibilità di produrre involucri edilizi che sfruttano passivamente i microclimi locali immagazzinando calore e umidità, guidando i flussi d’aria attraverso la convezione e altri meccanismi.

Quindi cosa rende il Meristem Wall così speciale? Oltre ad essere completamente in grado di sostenere il proprio peso (e altro), la struttura integra elettricità e lampadari, tubi dell’acqua realizzati con tubi in PEX, finestre e persino un sistema integrato di deflusso dell’acqua piovana.

Inoltre, la parete presenta funzionalità di filtrazione dell’aria, una superficie interna in tessuto e un sistema di ventilazione distribuito completo che controlla l’accumulo di calore e i livelli di umidità interna, il tutto senza parti mobili.

 Due anni di lavoro

Ana e David hanno passato gli ultimi due anni a sviluppare il Meristem Wall. Gran parte del lavoro di progettazione è stato condotto presso il laboratorio di materia biodigitale dell’Università di Lund e si basa su una serie di algoritmi di progettazione generativa sviluppati dagli stessi architetti.

Poiché le grandi dimensioni del muro erano troppo grandi per la maggior parte dei sistemi di produzione additiva, il duo alla fine ha optato per la stampante 3D VX4000 di Voxeljet , che offre un volume di costruzione di 4 x 2 x 1 m. Il sistema a getto di legante di grande formato è compatibile con la sabbia e ben si adatta alle applicazioni di stampi e anime di stampa 3D.

Tobias Gruen, product manager di Voxeljet, aggiunge: “La sfida principale per noi era l’alto grado di complessità con le sottili strutture interne e i tubi. Poiché stampiamo su un letto di sabbia, una volta completato il processo di stampa, dobbiamo rimuovere tutta la sabbia non stampata dalle strutture incollate. Quindi, quando stampiamo strutture con cavità, significa che sono sempre piene di sabbia non stampata.

Per evitare il flusso di lavoro di post-elaborazione, il muro è stato scomposto e stampato in 3D in 21 pezzi singoli, il che ha reso molto più semplice il disimballaggio delle parti. Gli architetti hanno quindi utilizzato l’aiuto di Sandhelden , un’azienda di lavorazione della sabbia con sede ad Augusta, per aiutare a infiltrare le parti con resina epossidica per una maggiore resistenza.

Laurens Faure, CEO di Sandhelden, ha dichiarato: “Ci sono voluti circa tre giorni per coprire completamente il muro con resina epossidica, ma alla fine possiamo dire che siamo molto soddisfatti del risultato finale. Mentre la stampa 3D in cemento è l’ideale per le facciate classiche, non appena entrano in gioco geometrie o dettagli leggermente più complessi, la stampa in cemento non si pone più come un buon abbinamento. Questo è esattamente il punto in cui vediamo la forza del getto di legante”.

Una volta stampate, le parti sono state trasportate a Venezia e assemblate nella struttura finale di Meristem Wall. Ana e David hanno esposto il loro progetto alla Biennale di Architettura di Venezia 2021 fino al 21 novembre.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi