Un cubo stampato in 3D dal design complesso, che rappresenta la fusione di arte e scienza, è uno dei contributi della Repubblica a una mostra che l’umanità invierà sulla luna.

Il cubo, chiamato Structure & Reflectance, è più piccolo di un dado standard – misura 0,98 cm su ciascun lato – con quattro delle sue facce ciascuna raffigurante una serie unica di motivi.

L’opera d’arte è tra un centinaio di opere selezionate dalla Moon Gallery Foundation, con sede nei Paesi Bassi, come la prima galleria d’arte extraterrestre permanente, che dovrebbe atterrare sulla luna entro il 2025.

 
La galleria d’arte, che si presenta sotto forma di un vassoio di 10 cm per 10 cm e profondo 1 cm, sarà a bordo di un volo di prova verso la Stazione Spaziale Internazionale – l’ultima frontiera dell’habitat umano nello spazio – tramite l’NG-17 razzo come parte di una missione di rifornimento Northrop Grumman Cygnus nel febbraio 2022.

Durante il volo di ritorno, la Moon Gallery entrerà a far parte del payload tecnico di NanoLab, un modulo per esperimenti di ricerca spaziale.

Il cubo stampato in 3D è stato una collaborazione tra l’artista e designer locale Lakshmi Mohanbabu e l’assistente professore Matteo Seita della Scuola di ingegneria meccanica e aerospaziale della Nanyang Technological University.


La signora Lakshmi ha anche presentato un altro cubo in arancione metallizzato, noto come Cubo dell’interazione, alla galleria della luna.

Questo progetto è stato sostenuto dal National Additive Manufacturing Innovation Cluster (Namic), che ha collegato la signora Lakshmi con vari scienziati di diverse organizzazioni per aiutarla a fabbricare i suoi progetti.

Il dottor Ho Chaw Sing, cofondatore e amministratore delegato di Namic, ha dichiarato: “Lo spazio è la prossima frontiera dell’umanità. Essendo l’unico singaporiano – tra i pochi selezionati dalla comunità globale – il cubo stampato in 3D di Lakshmi presenta una prospettiva unica attraverso la fusione di arte e tecnologia. Siamo orgogliosi di aver svolto un piccolo ruolo nel sostenerla in questa iniziativa “colpo di luna”.

I modelli visti su ciascuna faccia di entrambi i cubi sono stati ricreati dai dipinti della signora Lakshmi, che ruotano attorno ai concetti di unità, diversità e complessità nell’umanità, ha detto a The Straits Times in un’intervista esclusiva.

 
“Parte della complessità risiede nella dualità delle persone: c’è la facciata esterna che percepiamo l’uno dell’altro, ma ci sono parti di noi stessi che non riveliamo”, ha detto.

“In un certo senso, la luna ha la stessa qualità: c’è il lato opposto della luna che è sempre rivolto lontano dalla Terra che non abbiamo mai avuto modo di vedere, fino a quando i viaggi nello spazio non lo hanno reso possibile”.

Creare il cubo stampato in 3D, trovare un modo per trasmettere queste idee usando i materiali è stata la sfida chiave, ha affermato il dott. Seita, che è anche membro della facoltà della School of Materials Science and Engineering della NTU.

“Tuttavia, ci siamo presto resi conto che esiste un chiaro parallelo tra materiali e persone, in quanto entrambi sono fatti di strutture molto complesse e per lo più nascoste”, ha osservato.

Ad esempio, i metalli sono costituiti da piccoli cristalliti di diverso orientamento del reticolo atomico, che possiamo vedere solo ad occhio nudo quando trattiamo il metallo con sostanze chimiche.

Questi cristalliti possono assumere diverse forme, dimensioni e orientamento in diversi oggetti metallici, a seconda dei processi impiegati per realizzarli, ha osservato il dott. Seita.

“Utilizzando la produzione additiva (nota anche come stampa 3D), siamo in grado di controllare quelle caratteristiche – e quindi la struttura dei metalli – con un incredibile livello di dettaglio”, ha aggiunto.

Ogni faccia modellata del cubo, che è realizzata in acciaio inossidabile, è composta da due cristalli distinti con orientamenti diversi e una forma che imita l’opera d’arte della signora Lakshmi.

I modelli appaiono solo dopo che il cubo di metallo è stato posto nell’acido. Durante questo trattamento il cristallo si corrode in modo diverso, creando un contrasto visivo sulla superficie della faccia del cubo, ha affermato il dott. Seita.

Se visti da determinate angolazioni con luce colorata, questi modelli prendono vita.

“È l’idea della prospettiva, il cubo è in grado di assumere i diversi colori mostrati su di esso, proprio come le persone vedono le cose con lenti di colore diverso”, ha detto la signora Lakshmi.


La creazione del cubo è anche un’ode ai progressi nei viaggi spaziali, basandosi sull’idea che parti invisibili della luna precedenti sono ora illuminate dall’umanità, ha affermato il dott. Seita.

La creazione del cubo piccolo e intricato ha anche dimostrato le potenziali applicazioni della tecnologia di stampa 3D.

“Ora siamo in grado di creare oggetti sia con una geometria complessa che con una struttura complessa, che sarebbe impossibile realizzare con qualsiasi altro processo di produzione”, ha affermato il dott. Seita.

Queste capacità potrebbero essere utilizzate per produrre parti utilizzando molto meno materiale, in modo che siano più leggere, con una maggiore durata e resistenza rispetto a quelle prodotte in modo convenzionale.

Questa tecnologia all’avanguardia crea più opportunità per la stampa 3D nell’industria aerospaziale e aeronautica in futuro, ha aggiunto.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi