Il problema con molte stampanti 3D desktop asiatiche
 
Molti produttori di stampanti 3D desktop con sede in Asia soffrono di una limitazione fondamentale che ne frena la crescita.

Non fraintendermi qui; ci sono un sacco di stampanti 3D desktop incredibilmente potenti. L’hardware è stato perfezionato in anni di sviluppo da molte aziende e oggi è utilizzato da centinaia di migliaia di operatori di stampanti 3D, me compreso.

Ma troppo spesso c’è un problema familiare che appare sulla maggior parte delle macchine: le interfacce e la documentazione.

È comune trovare istruzioni incluse in una macchina che sono tradotte così male da non poter essere comprese correttamente. Ciò è particolarmente problematico se la documentazione è minima, lasciando gli operatori per lo più soli.

Ancora peggio è che l’atteggiamento disinvolto delle aziende nei confronti della comunicazione con l’operatore si estende dalla documentazione alla macchina stessa e al software associato. Troverai spesso termini “insoliti” e molte volte sono stato confuso da ciò che vedo. Il risultato è una serie di tentativi ed errori di sperimentazione per capire cosa si intende.


Le interfacce della macchina tendono ad essere molto rudimentali e lo stile, se utilizzato, è quasi inesistente, a parte le melodie allegre che a volte salutano l’operatore all’accensione del sistema. Quei brani non sono utili in alcun modo.

Tutte queste cose non sono un problema per gli operatori di stampanti 3D competenti, che sono abituati alle interfacce terribili o sono tecnicamente in grado di capirle. Per molti, queste limitazioni non sono significative e non sminuiscono le decisioni di acquisto.

Ma penso che a questi produttori di stampanti 3D manchi qualcosa di molto importante: queste limitazioni vincolano direttamente i potenziali acquirenti a quelle persone esperte di tecnologia. Nel frattempo, ci sono mille volte più persone con capacità tecniche inferiori che NON hanno acquistato queste stampanti 3D, in parte perché sono così confuse da usare.

Mi chiedo spesso perché alcuni di questi produttori di stampanti 3D non si limitano ad assumere progettisti dell’interfaccia utente competenti per creare interfacce fluide e amichevoli per gli operatori, o almeno ripulire la documentazione in modo che sia comprensibile dalla maggior parte delle persone.

In realtà, conosco la risposta: è la corsa al ribasso.

I produttori di stampanti 3D desktop si trovano in una “corsa al ribasso”, in cui il prezzo più basso vince la gara. Ciò significa che le aziende di successo si concentrano fortemente sul contenimento dei costi il ​​più bassi possibile in ogni aspetto immaginabile.

Verranno utilizzati i componenti più economici che fanno funzionare la macchina. Verrà utilizzato il processo di produzione a minor costo. I disegni saranno riutilizzati ove possibile. Questo deve essere fatto su ogni singolo progetto, anno dopo anno. Ti viene l’idea.

È molto probabile che queste aziende abbiano inconsciamente creato culture aziendali interne del “tutto a basso costo”. Hanno dovuto sopravvivere così a lungo in un mercato così altamente competitivo.

A causa di questa cultura, sospetto che molti di loro o ignorino gli aspetti dell’interfaccia utente delle loro macchine per risparmiare sui costi, o in qualche modo non credano che le interfacce siano importanti. Potrebbero considerare le risorse spese per l’interfaccia utente come uno spreco.


Credo che l’interfaccia utente sia importante. Credo anche che molte più persone acquisterebbero questo tipo di attrezzatura se fosse più amichevole per gli acquirenti meno tecnici. È probabile che questi produttori stiano ignorando un mercato più ampio a causa della loro attenzione troppo forte alla riduzione dei costi.

Immagina se un importante produttore di stampanti 3D desktop accettasse questa sfida e inventasse un sistema di interfaccia utente standard e facile da usare per la propria macchina e lo utilizzasse su TUTTE le loro macchine, anche nuove versioni. Gli acquirenti avrebbero familiarità con tale interfaccia e sarebbero più propensi ad acquistare aggiornamenti. Le loro esperienze sarebbero state condivise con altri, che potrebbero essere più attratti dall’idea della stampa 3D desktop.

Al momento della stesura di questo articolo, non sono a conoscenza di sviluppi di questa natura. Tuttavia, il primo grande produttore di stampanti 3D desktop che si concentra seriamente su un’interfaccia utente moderna nel proprio hardware, documentazione e software potrebbe uscire dalla corsa al ribasso e coinvolgere molti più operatori di stampanti 3D.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi