Il Progetto CalcifEXE : la stampa 3D per ricostruire le barriere coralline dell’Università di Exeter


Gli studenti britannici utilizzano la stampa 3D per ricostruire le barriere coralline

I ricercatori dell’Università di Exeter nel Regno Unito hanno sviluppato un metodo per produrre carbonato di calcio in modo climaticamente neutro. Con il materiale ottenuto, stampano strutture coralline in 3D per rivitalizzare le barriere coralline. Il carbonato di calcio può essere utilizzato anche in altri settori.

Logo dell’Università di ExeterUn metodo sviluppato da studenti britannici per la produzione climaticamente neutra di carbonato di calcio ha lo scopo di aiutare a produrre strutture stampate in 3D per la ricostruzione delle barriere coralline utilizzando il materiale ecologico. Le repliche stampate in 3D vengono quindi attaccate ai coralli viventi e collocate negli oceani. Ciò dovrebbe consentire l’insediamento di nuove barriere coralline, come riporta Sky News .

Dettagli sul progetto CalcifEXE
Il progetto CalcifEXE è stato realizzato presso l’ Università di Exeter e utilizza batteri geneticamente modificati per le strutture stampate in 3D con cui producono carbonato di calcio. Il carbonato di calcio viene quindi utilizzato come materiale di stampa 3D per la stampa 3D delle strutture coralline.

Normalmente, la produzione di carbonato di calcio di alta qualità sarebbe possibile solo a temperature molto elevate, il che a sua volta porta ad elevate emissioni di carbonio. Con il metodo recentemente sviluppato dagli studenti, il carbonato di calcio viene prodotto senza emissioni di carbonio. Il carbonio viene rimosso dall’aria e bloccato in un nuovo composto.

Poiché il cambiamento climatico gioca un ruolo importante nella distruzione delle barriere coralline, questo metodo climaticamente neutro è un vantaggio. Tuttavia, questo tipo di ricostruzione della barriera corallina è solo una soluzione temporanea. Ripristinarlo naturalmente sarebbe l’obiettivo giusto.

Dott. Tim Gordon, biologo marino dell’Università di Exeter, spiega:

“Centinaia di milioni di persone in tutto il mondo fanno affidamento sulle barriere coralline ogni giorno per vivere. Le persone hanno bisogno di barriere coralline per nutrirsi, hanno bisogno di loro per generare reddito, creano una moltitudine di posti di lavoro, proteggono le loro case dalle tempeste tropicali. Quindi se perdiamo le barriere coralline e siamo un incubo ecologico, diventa un incubo umanitario “.

Barriera corallina stampata in 3D

Ulteriori ambiti di applicazione del materiale ottenuto
Secondo i ricercatori, il metodo di estrazione del carbonato di calcio climaticamente neutro può essere utilizzato anche in altre aree.

La studentessa di fisica Eloise Martin dice:

“Si usa per schiarire la carta e aumentare la luminosità dei colori nell’ombretto. Combatte il bruciore di stomaco e l’indigestione sotto forma di pillola ed è incluso nel dentifricio come detergente. Dalle applicazioni mediche alle applicazioni ambientali, questo potrebbe rivoluzionare il modo in cui realizziamo prodotti su misura “.

Progetti diversi, stesso obiettivo
Due anni fa, i ricercatori israeliani hanno presentato un progetto in cui hanno tentato di ripristinare le barriere coralline utilizzando repliche stampate in 3D . Li hanno stampati con PLA, una plastica biodegradabile e bioattiva. L’ Università di Sydney ha scelto un altro metodo per la rigenerazione delle barriere coralline nel 2017. Nella nostra categoria ” Protezione ambientale con stampa 3D ” ci sono altri progetti sul tema del salvataggio delle barriere coralline e altre importanti questioni ambientali che le stampanti 3D potrebbero aiutare.

Be the first to comment on "Il Progetto CalcifEXE : la stampa 3D per ricostruire le barriere coralline dell’Università di Exeter"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi