il rapporto di CASTOR sulla sostenibilità delle parti stampate in 3D 



Il software di CASTOR consente ai produttori di analizzare automaticamente i propri file CAD  e disegni 2D e scoprire quando ha senso stampare parti in 3D sia dal punto di vista tecnico che economico.

 

I nostri ultimi sviluppi si concentrano sull’aspetto della sostenibilità. Sulla base delle analisi di migliaia di parti, condivideremo le nostre intuizioni e conoscenze per trovare i casi in cui AM ha un vantaggio ambientale rispetto a TM con conseguente riduzione delle emissioni di CO 2 .

CASTOR ha pubblicato un rapporto sulla sostenibilità delle parti stampate in 3D e contiene alcune rivelazioni interessanti.

Se non hai familiarità con CASTOR, hanno sviluppato un sistema unico per valutare la stampabilità dei progetti delle parti. Fondamentalmente, scansionano i file CAD ed eseguono più analisi per consigliare il proprietario della parte.

 
Il problema che stanno risolvendo è il dilemma di un produttore con centinaia di progetti di parti che desidera iniziare a utilizzare la produzione additiva. Non sanno quali parti sarebbe fattibile stampare, o se sarebbe economicamente vantaggioso farlo. CASTOR lo capisce automaticamente.

CASTOR è una delle pochissime aziende che fornisce questo tipo di analisi, ma offre un’analisi aggiuntiva che non credo esista altrove: la sostenibilità.

Così come sono in grado di confrontare il costo di produzione di un progetto utilizzando, ad esempio, la fresatura CNC rispetto alla produzione additiva, sono anche in grado di stimare l’energia necessaria per creare la parte e le conseguenti emissioni di CO2.

Si noti che la loro analisi considera l’intero ciclo di vita della parte, compresa la produzione del materiale, la fabbricazione del prodotto, l’uso del prodotto, il trasporto e lo smaltimento a fine vita.

 
In altre parole, possono dirti se una determinata parte può essere realizzata e utilizzata in modo più sostenibile semplicemente guardando il file CAD.

Anche se questa è una caratteristica affascinante, CASTOR ha recentemente pubblicato un rapporto basato sulla loro analisi di circa 50.000 progetti di parti. Il rapporto si concentra sui loro risultati di sostenibilità per queste parti, che sono molto probabilmente rappresentative dell’intero settore.

Il risparmio di CO2 è realizzabile sul 34% dei tipici progetti di parti CAD 
I risultati sono piuttosto interessanti. Uno è che solo il 34% delle parti può ridurre le emissioni di CO2. Spiegano:

“Sebbene la stampa 3D non sia necessariamente sempre l’opzione più adatta per la produzione, ci sono numerosi aspetti durante il ciclo di vita del prodotto in cui può avere vantaggi sostenibili. L’analisi delle parti sia in metallo che in plastica, comprendendo tutti gli aspetti della produzione additiva 6 dal consumo di materie prime alla gestione dei rifiuti, rivela che, su migliaia di parti, il 34% di tutte le parti idonee per la stampa 3D sono state identificate come aventi il potenziale per ridurre le emissioni di CO2.”
Tuttavia, questo cambia in modo significativo quando si considerano parti complesse. Apparentemente solo il 7% delle parti “semplici” potrebbe portare a un risparmio di CO2, mentre il 25% delle parti complesse potrebbe farlo. In altre parole, è generalmente più sostenibile stampare in 3D parti con geometrie complesse.

Hanno anche scoperto che c’è il suo risparmio di CO2 notevolmente più alto quando il “rapporto buy to fly” (quantità di materiale perso durante la produzione) è alto, come da questo grafico:

I risparmi di CO2 aumentano con l’aumentare del rapporto buy-to-fly [Fonte: CASTOR]
Ciò suggerisce che se un produttore vede molti materiali di scarto dal proprio processo di fresatura CNC, dovrebbe considerare gli approcci additivi più sostenibili.

La produzione additiva viene spesso utilizzata per ridurre il peso delle parti e CASTOR ha scoperto che le parti con una riduzione del peso del 40% (tipica) miglioreranno le emissioni di CO2 di circa il 10%.

Infine, hanno scoperto che la stampa su richiesta è più sostenibile rispetto all’approccio tradizionale delle parti di inventario immagazzinate. Hanno scoperto che una tipica operazione di stampaggio a iniezione farebbe risparmiare oltre tre tonnellate di CO2 in un periodo di dieci anni.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi