Knust-Godwin acquisisce un Velo3D Sapphire XC per espandere le sue capacità di produzione additiva
 
Il nuovo sistema espande i casi d’uso indirizzabili del produttore a contratto stampando parti più grandi e ottenendo una produzione di grandi volumi a costi inferiori

Katy, Texas—28 giugno 2022 — Velo3D , Inc. ( NYSE: VLD ), azienda leader nella tecnologia di produzione additiva in metallo per parti mission-critical, ha annunciato oggi Knust-Godwin, un produttore di precisione a contratto, ha ricevuto un Sapphire XC per espandere le sue capacità di produzione additiva di metalli (AM). L’acquisizione di un’ulteriore stampante della famiglia Sapphire da Velo3D amplia ulteriormente l’offerta di produzione additiva di Knust-Godwin, sbloccando la produzione ad alto volume e riducendo i costi per i suoi maggiori clienti. La Sapphire XC di Knust-Godwin risiederà nella sua struttura di Katy, in Texas, è calibrata per Inconel 718 ed è completamente compatibile con le altre sue stampanti Sapphire Inconel 718, quindi, man mano che i clienti aumentano la produzione, possono sfruttare i vantaggi della Sapphire XC.

 

Dalla sua uscita nel dicembre 2021, c’è stata una grande richiesta per Sapphire XC. La domanda è in gran parte guidata dalla capacità di Sapphire XC di ridurre i costi di produzione fino al 75% e produrre parti che sono il 500% più grandi in volume rispetto al sistema Sapphire dell’azienda. Knust-Godwin è la prima rete di produttori a contratto di Velo3D a ricevere una Sapphire XC.

“La nostra azienda ha trascorso oltre 55 anni al servizio dei nostri clienti nei settori aerospaziale, della difesa, petrolifero e del gas e dei semiconduttori e consideriamo la produzione additiva come un enorme complemento alla nostra offerta di produzione di precisione”, ha affermato Mike Corliss , Knust-Godwin vicepresidente della tecnologia. “Aggiungendo un Sapphire XC alla nostra produzione, possiamo servire meglio i nostri clienti e aiutarli a utilizzare la produzione additiva in nuovi modi, oltre a differenziare la nostra offerta di produzione additiva dalla concorrenza”.

Con l’aggiunta della sua Sapphire XC, Knust-Godwin ora gestisce sei sistemi di stampa 3D in metallo Sapphire di Velo3D. Queste stampanti sono alimentate dal software di preparazione della stampa Flow e dal software di garanzia della qualità Assure, nonché dal processo di produzione Velo3D Intelligent Fusion. Combinando hardware e software, Velo3D è in grado di rendere ogni stampante Sapphire completamente compatibile, in modo che man mano che le esigenze di produzione dei clienti aumentano, possono facilmente aggiungere stampanti aggiuntive ai loro impianti di produzione per produrre parti identiche o aumentare la produzione passando da una Sapphire a una Zaffiro XC. Consente inoltre la produzione distribuita. Quando i clienti che dispongono delle proprie soluzioni Velo3D raggiungono i limiti di produzione, possono ottenere una scala maggiore utilizzando i sistemi di produttori a contratto come Knust-Godwin.

“L’interesse che abbiamo riscontrato per Sapphire XC è notevole e prevediamo che le consegne saranno presto esaurite entro la fine del 2022”, ha affermato Zach Murphree , Vice President di Velo3D Global Sales and Business Development. “La Sapphire XC aiuterà i clienti di Knust-Godwin a sbloccare nuovi casi d’uso per AM, consentendo la stampa di parti più grandi e riducendo significativamente i costi di produzione per i clienti che stampano parti in volumi maggiori”.

Velo3D Sapphire XC è in grado di produrre stampe con un diametro di 600 mm e un’altezza di 550 mm, il che la rende una delle più grandi soluzioni AM per la fusione di letti di polvere laser in metallo sul mercato. Il sistema utilizza otto laser da 1 kilowatt per produrre parti. Il suo ricopertore senza contatto tollerante alla sporgenza è anche più veloce di quello del sistema Sapphire originale. Queste capacità aumentano la produttività di Sapphire XC di oltre il 400% rispetto all’originale Sapphire, riducendo notevolmente il costo delle parti prodotte.

Informazioni su Velo3D:

Velo3D è un’azienda di tecnologia di stampa 3D in metallo. La stampa 3D, nota anche come produzione additiva (AM), ha la capacità unica di migliorare il modo in cui vengono costruite le parti metalliche di alto valore. Tuttavia, l’eredità del metallo AM è stata notevolmente limitata nelle sue capacità sin dalla sua invenzione quasi 30 anni fa. Ciò ha impedito alla tecnologia di essere utilizzata per creare le parti più preziose e di maggior impatto, limitandone l’uso a nicchie specifiche in cui le limitazioni erano accettabili.

Velo3D ha superato queste limitazioni in modo che gli ingegneri possano progettare e stampare le parti che desiderano. La soluzione dell’azienda offre un’ampia libertà di progettazione e consente ai clienti nei settori dell’esplorazione spaziale, dell’aviazione, della produzione di energia, dell’energia e dei semiconduttori di innovare il futuro nei rispettivi settori. Utilizzando Velo3D, questi clienti possono ora costruire parti metalliche mission-critical che prima erano impossibili da produrre. La soluzione end-to-end include il software di preparazione della stampa Flow, la famiglia di stampanti Sapphire e il sistema di controllo qualità Assure, tutti alimentati dal processo di produzione Intelligent Fusion di Velo3D. L’azienda ha consegnato il suo primo sistema Sapphire nel 2018 ed è stata un partner strategico per innovatori come SpaceX, Honeywell, Honda, Chromalloy e Lam Research.le aziende più innovative del mondo per il 2021 .  

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi