Kongsberg Ferrotech e la stampa 3d subacquea

LA STAMPA 3D SUBACQUEA VERRÀ LANCIATA NEL 2022?
 

Lo specialista norvegese di robotica sottomarina Kongsberg Ferrotech ha rivelato che sta attualmente sviluppando una tecnologia di stampa 3D subacquea per riparare le condutture a livello del fondo marino. 

Progettato per integrare le capacità dei suoi sistemi di robotica acquatica esistenti, il prossimo add-on per la produzione di additivi metallici dell’azienda sarà utilizzato come mezzo per eseguire la manutenzione a distanza sulle infrastrutture marittime danneggiate, nonché per ricostruirle ove necessario. 

“I robot sottomarini avanzati offrono al cliente notevoli risparmi sia in termini di costi che di tempo – eseguiti in modo ecologico – senza produrre scarichi in mare”, ha affermato Christopher Carlsen, CEO di Kongsberg Ferrotech. “Le nostre soluzioni sono in sviluppo da cinque anni e inizieremo a offrire riparazioni di compositi subacquei al mercato del sud-est asiatico nel terzo trimestre del 2021”.  

“CON LA NOSTRA TECNOLOGIA ROBOTICA DI ISPEZIONE, MANUTENZIONE E RIPARAZIONE (IMR), PORTIAMO L’OFFICINA AL DANNO, NON AL DANNO ALL’OFFICINA”.


 

Il progetto di stampa 3D in metallo di Kongsberg Ferrotech ha visto l’unione delle forze con Equinor , SINTEF , Gassco e il Consiglio di ricerca norvegese per sviluppare la tecnologia per le applicazioni subacquee di manutenzione, riparazione e revisione (MRO). 

Attraverso il programma, Kongsberg Ferrotech mira a produrre un aggiornamento per i suoi robot esistenti di controllo e riparazione della linea di flusso sottomarino (SFCR), che consente loro di eseguire riparazioni in situ sulle linee di flusso nautiche. Attualmente, il robot “Nauticus” dell’azienda è in grado di essere calato in mare, creare il vuoto e riparare eventuali tubi rotti, prima di tornare in superficie senza lasciare detriti. 

Con la sua nuova tecnologia “Subsea AM for Lifetime Extension”, tuttavia, la società afferma che un Nautilus aggiornato potrebbe “prolungare significativamente la durata” di più risorse marittime. Infatti, mentre l’azienda punta inizialmente alla riparazione di linee di flusso danneggiate con il suo processo di stampa 3D, ha anche lasciato la porta aperta allo sviluppo di altre funzionalità per i suoi dispositivi, che creano opportunità in nuovi settori. 

Il sistema di riparazione subacqueo “Nautilus” di Kongsberg Ferrotech. Immagine tramite Kongsberg Ferrotech.
“Il rapido sviluppo della tecnologia di stampa 3D sta creando nuove opportunità e nuovi mercati in futuro”, ha spiegato Brede Lærum, responsabile della stampa 3D presso Equinor. “La combinazione di questa tecnologia con i robot Kongsberg Ferrotech apre molte nuove entusiasmanti possibilità per le riparazioni e le modifiche sottomarine. Non vediamo l’ora di instaurare una stretta collaborazione con i nostri partner del settore”.

La tecnologia di Kongsberg Ferrotech potrebbe essere in fase di sviluppo dal 2016, ma ora secondo quanto riferito ha superato i test di riparazione dei compositi in acque profonde presso il fiordo di Trondheim in Norvegia e l’azienda afferma che dovrebbe essere commissionata per la sua prima applicazione commerciale “già nel 2022”.

“La collaborazione con Equinor, Gassco e SINTEF rappresenta un’esperienza di livello mondiale nelle operazioni di installazioni subacquee, sistemi di trasporto subacquei e ricerca sulla riparazione dei metalli”, ha concluso Carlsen. “Questa opportunità unica di sviluppare la stampa 3D subacquea per l’estensione della vita è un importante salto tecnologico, non solo per Kongsberg Ferrotech, ma anche per l’industria”.

Be the first to comment on "Kongsberg Ferrotech e la stampa 3d subacquea"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi