La Scuderia Ferrari F1 sta testando diversi componenti stampati in 3D per l’uso in Formula 1
 
Il team italiano della Scuderia Ferrari di Formula 1 utilizza sempre più la stampa 3D. In Australia, stanno ora testando supporti per sensori stampati in 3D in una sessione di formazione. A scopo di test è stata utilizzata anche un’ala anteriore di una stampante 3D.
 
La Scuderia Ferrari F1 sembra puntare sempre più sulla stampa 3D . In una sessione di formazione in Australia, hanno testato supporti per sensori PBF in polimero stampato in 3D su un F1-75. Andrew Cunningham, un ingegnere di sviluppo prodotto presso General Motors , riporta in un post su LinkedIn che la Scuderia ha anche testato un’ala anteriore e misurato l’altezza dell’ala anteriore interna ed esterna sotto beccheggio, rollio e sollevamento tramite sensori di altezza di marcia laser.

Stampa 3D presso il team Ferrari di Formula 1
Con l’aiuto della produzione additiva, il team di F1 è stato in grado di abbinare le complesse geometrie dell’ala anteriore direttamente dalle superfici digitali (dati CAD). Cunningham spiega che ogni volta che vede componenti stampati in 3D come questi, pensa a quanto lavoro e tempo risparmia rispetto a metodi come strati compositi o lavorazione, afferma il post.

Le immagini mostrano parti realizzate in nylon presumibilmente non riempito o caricato con fibre, stampate in 3D utilizzando la tecnologia di fusione a letto di polvere come la sinterizzazione laser selettiva o la fusione multigetto. C’è un buon equilibrio tra costo e proprietà come resistenza, resistenza agli urti e rigidità.

 
Già nel 2017 la Ferrari prevedeva di utilizzare un pistone con la stampante 3D . E anche altri team di F1 si affidano alle stampanti 3D per i loro scopi individuali. Il team Renault Formula 1 e Jabil, ad esempio, stanno lavorando su parti di veicoli stampate in 3D per l’auto da corsa Renault RS19 di Formula 1. Alfa Romeo F1 ORLEN collabora con il gruppo italiano Camozzi su soluzioni di stampa 3D . Sauber Technologies è il primo team di Formula 1 a utilizzare la stampa 3D a base di polimeri di EOS per la produzione. Iscriviti alla nostra newsletter e tieniti informato sulla stampa 3D in Formula 1 e in altre aree.

Di Andreew Cunningham

https://www.linkedin.com/posts/andrew-cunningham-engineer_additivemanufacturing-ferrari-formula1-activity-6935222181102587905-Wk1O?utm_source=linkedin_share&utm_medium=member_desktop_web

Questi supporti per sensori stampati in 3D sono stati montati sulla F1-75 Scuderia Ferrari durante la sessione di prove libere del venerdì del Gran Premio d’Australia Formula 1. La Scuderia ha testato una nuova ala anteriore quel fine settimana e probabilmente voleva misurare l’altezza dell’ala anteriore entrobordo e fuoribordo sotto beccheggio, rollio e sollevamento tramite sensori di altezza laser. Fortunatamente, la produzione additiva (AM) potrebbe essere facilmente impiegata per abbinare le complesse geometrie dell’ala anteriore direttamente dalle superfici digitali (CAD). Ogni volta che vedo parti come questa realizzate con AM, penso a quanto lavoro e tempo si risparmia non dovendo produrle tramite un altro metodo come layup compositi o lavorazioni meccaniche. Queste parti sono probabilmente in nylon non riempito o riempito di fibre stampato con tecnologia di fusione a letto di polvere (SLS o MJF). Questo materiale offre un buon equilibrio tra resistenza, rigidità, resistenza agli urti e costi. Infine, poiché potrebbe esserci un sopracciglio alzato o due, il nastro che fissa il cablaggio non è un semplice tipo domestico, ma un nastro di protezione all’avanguardia dell’aeromobile che offre un’elevata elasticità, una finitura superficiale liscia e nessun residuo ad un costo elevato di ≈ $ 1 / piede (300 mm). Foto: AMS

La Ferrari testa sensori stampati in 3d da(Bild © AMS).

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi