Il governo del Regno Unito dovrebbe fare di più per sostenere l’adozione della produzione additiva nel Regno Unito? 

Nel 2017, AMUK ha lanciato la sua strategia nazionale per la produzione additiva del Regno Unito per “portare il Regno Unito in prima linea nell’AM commercializzato”. Il documento di 46 pagine ha formulato diverse raccomandazioni, tra cui il chiarimento delle licenze, dei metodi di pagamento, della progettazione e della collaborazione relativi alla produzione digitale, nonché lo sviluppo di un gruppo di utenti esperti e l’istituzione di un’organizzazione di punti di contatto nazionali. 

All’epoca, Robin Wilson di Innovate UK ha dichiarato: “Siamo convinti che la produzione additiva e la stampa 3D trasformeranno il modo in cui le aziende britanniche, in particolare quelle nella produzione di alto valore, saranno in grado di ottenere un vantaggio competitivo nei prossimi 3-5 anni. Ma ci rendiamo anche conto che pochissime aziende possono intraprendere questo viaggio dirompente da sole”.

È stato uno sviluppo positivo, seguendo le orme di artisti come la Cina che ha lanciato il suo piano “Made-in-China 2025” nel 2015. Ma solo un paio di mesi dopo, il piano di strategia industriale del governo britannico per “aumentare la produttività e i guadagni potere delle persone in tutto il Regno Unito’ ha fatto solo una singola menzione di AM su 255 pagine. Dire che la comunità britannica della produzione additiva è rimasta delusa sarebbe un eufemismo. 


Avanti veloce di cinque anni e l’ amministrazione Biden negli Stati Uniti ha annunciato il programma AM Forward , in base al quale alcuni dei più grandi produttori della nazione si sarebbero impegnati a sostenere l’adozione e l’applicazione della produzione additiva nelle piccole e medie imprese. Quella mossa del governo degli Stati Uniti è stata accolta con grande entusiasmo . Ma ha anche sottolineato la mancanza di tale iniziativa nel Regno Unito. Quindi, TCT ha chiesto a una serie di professionisti, consulenti e commentatori AM con sede nel Regno Unito: il governo del Regno Unito dovrebbe fare di più per sostenere l’adozione della produzione additiva nel Regno Unito?


Phill Dickens, co-fondatore, aggiunto scientifico e consulente alla strategia nazionale di 46 pagine per la produzione additiva pubblicata da AM UK nel 2017
“La strategia di produzione additiva del Regno Unito ha delineato un percorso chiaro per il governo per aiutare l’industria ad adottare la tecnologia. Sfortunatamente, questo non è stato adottato e quindi il Regno Unito sta ora scivolando dietro ai suoi concorrenti. Il problema fondamentale è che i governi di tutti i colori non hanno avuto una strategia adeguata per la produzione e quindi le nuove tecnologie come la produzione additiva non si adattano davvero a una visione. Il governo ha il programma Help to Grow, ma questo fornisce una formazione manageriale di tipo MBA o consigli sul software digitale. L’eliminazione del servizio di consulenza sulla produzione significa che ora non esiste un vero percorso per le aziende per ottenere consigli semplici e concreti.

“In sostanza, abbiamo bisogno di una visione nazionale per la produzione e di meccanismi chiari per la sua attuazione”.

Chi Onwurah, deputato di Newcastle upon Tyne Central, ministro ombra (strategia aziendale, energetica e industriale) e ministro ombra (digitale, cultura, media e sport)*
“Nella mia esperienza di lavoro in e con piccole e medie imprese, è una vera sfida scoprire le ultime tecnologie o gli ultimi progressi. Scoprili, trova i finanziamenti per loro, l’investimento per loro e il tempo [per capire] cosa significa per la loro attività. Quindi penso che ci sia sicuramente un ruolo per il governo, le autorità locali e le partnership con le imprese locali. E ovviamente questo è qualcosa che Make UK sta facendo non solo nel pubblicizzare o promuovere i vantaggi delle tecnologie avanzate e anche nel pilotarle attraverso catapulte e altri centri, ma nel sostenere la loro adozione. Penso che abbiamo il progetto pilota Made Smarter che si trovava nel nord-ovest [dell’Inghilterra] per aiutare le aziende ad adottare queste tecnologie di produzione avanzate – sfortunatamente non era t distribuito in tutto il paese con qualsiasi finanziamento di supporto. Penso che gli incentivi fiscali possano aiutare gli investimenti e anche indirizzare il sostegno alle imprese locali. Ecco alcune delle cose che mi piacerebbe vedere, in particolare per supportare le startup e i nuovi utilizzatori di questa tecnologia”.

Pete Hansford, Direttore dello sviluppo aziendale, Additivo Wayland
“Penso che sia assolutamente necessario. I centri di catapulta nel Regno Unito sono sottoutilizzati. Non stanno comprando nuova tecnologia. L’esplorazione della tecnologia è stata lasciata alle entità commerciali per esplorare questo e questo costa denaro. Se guardiamo in Europa e guardiamo negli Stati Uniti, EWI, stanno investendo nella tecnologia perché è nuova e ha possibilità che vogliono esplorare. Se guardi in Germania e Austria, ci sono università e il Fraunhofer Institute che vogliono esplorare. E non vedo lo stesso slancio nel Regno Unito, il che è un vero peccato. E c’è un enorme potenziale nel Regno Unito.

“Ora, Wayland come azienda, il governo ha investito in un modo molto piccolo, quindi riteniamo di avere un po’ di sostegno dal governo britannico, il che è davvero il benvenuto, e sembrano voler investire ulteriormente in noi come un tecnologia. Quindi penso che abbiano visto che la tecnologia è abbastanza diversa per investire, ma preferiremmo di gran lunga vederli investire nei centri di catapulta per investire nell’utilizzo delle tecnologie in modi innovativi. Ma mi sembra che non ci sia nessuno a guidare l’agenda. Quindi le catapulte quasi non sanno dove andare o cosa fare o non hanno i fondi. Non sono sicuro di quale. Le catapulte dovrebbero essere aperte a tutte le piccole imprese che vogliono esplorare la tecnologia, che si tratti di plastica o metalli, non importa. Dove andiamo per una consulenza indipendente? Chi’ Hai l’attrezzatura? Come possiamo accedervi? E dimostralo per la nostra applicazione. E proprio non lo vedo. Semplicemente non succede. Non so perché, ci sono, forse sono un po’ cieco, ma non vedo quale sia il loro valore”.

Joseph Crabtree, CEO e fondatore di AMT
“L’iniziativa AM Forward lanciata negli Stati Uniti sta aiutando a far avanzare il settore negli Stati Uniti e, a mio parere, potrebbe essere una motivazione per altre regioni a prendere lo stesso tipo di iniziativa. In termini di sostegno governativo, il Regno Unito è tra i paesi leader per la produzione e un ulteriore supporto per la produzione additiva aprirà le porte all’ulteriore avanzamento della produttività manifatturiera del paese”.

Joshua Rowley, co-fondatore, E3D 
“Non so nemmeno da dove cominciare a rispondere perché non è AM il problema. Il problema è l’atteggiamento dell’intera economia britannica nei confronti della produzione e della produzione. In America, hanno un atteggiamento in giro, “andiamo avanti, facciamocela, facciamo le cose, facciamo in modo che questo accada”. Questo atteggiamento semplicemente non esiste qui nel Regno Unito. È molto, molto difficile gestire una società di ingegneria nel Regno Unito. Certo, potrebbero fare di più con la produzione additiva – e in passato abbiamo approfittato delle sovvenzioni di Innovate UK e abbiamo avuto molto successo nell’aiutarci a sviluppare la tecnologia, e quella tecnologia ha effettivamente fatto parte dei prodotti che abbiamo sviluppato, quindi grazie al governo per quel supporto e per aver dato il via a quello, è davvero prezioso. Ma quello che succede alle aziende britanniche è che costruiscono e sviluppano questa tecnologia, e raggiungono una certa scala, e poi vengono semplicemente acquistate da aziende americane. Succede semplicemente ancora e ancora e ancora. E penso che sia perché non c’è supporto per… è il quadro più ampio che è il problema. Non è produzione additiva. L’economia britannica non è più orientata verso la produzione, l’ingegneria e l’innovazione. E penso che sia un problema enorme”. L’economia britannica non è più orientata verso la produzione, l’ingegneria e l’innovazione. E penso che sia un problema enorme”. L’economia britannica non è più orientata verso la produzione, l’ingegneria e l’innovazione. E penso che sia un problema enorme”.

Mark Beard, Direttore globale Sviluppo processi e applicazioni, Additive Industries
“A un certo punto abbiamo avuto una definizione della strategia per il Regno Unito, ma poi cosa ne è stato? Niente o in realtà ci hanno messo dei soldi e anche se sono un sacco di soldi, quando guardi ciò che il resto del mondo ci sta mettendo dentro, è una piccola goccia nell’oceano. Penso che sia stata la mia frustrazione. Abbiamo una strategia per il Regno Unito, esiste, ma non vedo cosa ne sia venuto fuori, è un documento. Il documento stesso è inutile, vero? Qualcosa deve succedere da esso. Quindi penso che in un modo molto britannico, siamo bravi a parlare e dire cosa dovremmo fare, ma senza implementare nulla per farlo. Penso che sia davvero andato fuori dai radar per quanto mi riguarda.

“Come appare è una domanda molto più complicata, ma dal mio punto di vista è peggio non fare nulla, è meglio fare qualcosa ed avere ragione all’80%. Questo è probabilmente ciò che gli americani sanno fare bene, è ‘faremo qualcosa’. Ne abbiamo bisogno un po’ di più. Il Regno Unito, a mio avviso, è in testa da sempre. Abbiamo una catena di approvvigionamento AM così matura, principalmente perché la Formula 1 – cinque anni fa era come una merce per la F1. Dicono semplicemente “non ci interessa più che sia fatto da AM, esci e trova chi è il più economico”. Ed è fantastico. È solo un’accettazione di questa tecnologia e penso che il resto dei paesi sia in ritardo principalmente con quello. Quindi abbiamo una tale risorsa, che si tratti del mondo accademico o dell’industria, per farlo. È un vero peccato che noi

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi