Industria automobilistica: parti stampate in 3D per mini elettrici

La MINI Electric Pacesetter ispirata a JCW è la nuova safety car della serie di corse dell’ABB FIA Formula E World Championship. Il veicolo è stato creato sulla base della nuova MINI Cooper SE in una collaborazione tra MINI Design, BMW Motorsport, FIA e Formula E. Gli interni sono stati realizzati con parti stampate in 3D.

L’auto è un prodotto su misura. Il modello è utilizzato come safety car nella serie di corse dell’ABB FIA Formula E World Championship. Un aspetto interessante dell’auto sono gli interni. È ridotto all’essenziale. È disponibile solo la prima fila di sedili. L’area del guidatore è composta da un sedile certificato con cintura a 6 punti, omologato sia per uso racing che stradale, volante con ammortizzatore in carbonio dal design minimale e quadro strumenti digitale. Il display informativo centrale ha lasciato il posto a una copertura in carbonio per ridurre ulteriormente il peso. La consolle centrale contiene il selettore del cambio, il freno a mano e i comandi per le luci di segnalazione necessarie, il tutto rivestito in fibra di carbonio. Nel pannello della porta in carbonio snellito con alzacristallo e apriporta, un passante in tessuto facilita la chiusura della porta. In caso contrario, l’interno è costituito da un roll-bar saldato, che garantisce la massima sicurezza. Anche il resto della struttura interna spogliata è dipinta nel tipico bianco da sport motoristico per motivi funzionali.

Parti stampate in 3D prodotte esclusivamente all’interno
L’assorbitore di impatto minimalista e il pannello boost sul lato destro del volante sono pezzi unici di alta qualità come il rivestimento della console centrale e il rivestimento delle porte sul lato del conducente. Un altro punto forte sono i cuscinetti intercambiabili e anche stampati in 3D sul sedile sportivo. Secondo i produttori, la loro struttura innovativa combina comfort, robustezza e modularità. Personalizzabili in termini di resistenza, durezza e colore, si adattano perfettamente alla fisionomia, al peso e al gusto personale del rispettivo pilota.

La stampa 3D è stata utilizzata anche per Spats and Spoiler. Sono “realizzati a Oxford” e sono stati realizzati con carbonio riciclato utilizzando un processo di stampa 3D. Anche l’ala posteriore è stata prodotta utilizzando un processo di stampa 3D nello stabilimento di Oxford.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi