La stampa in 3d in difficoltà per le catene di approvvigionamento in crisi per la pandemia Covid

La catastrofe delle parti in arrivo nella stampa 3D

Potrebbero esserci molti problemi imprevisti nei prossimi mesi per i produttori di stampanti 3D.

Finora nella pandemia i produttori di stampanti 3D in genere non hanno sofferto. Hanno continuato a produrre macchine a tariffe più o meno normali e molte aziende hanno persino assistito a una ripresa.

Questa ripresa è il risultato di catene di approvvigionamento massicciamente interrotte. I produttori hanno improvvisamente scoperto che i loro flussi di pezzi economici e just-in-time non funzionavano. E, come in un aeroporto, quando le cose vanno male, ci sono enormi ritardi e confusione. Sebbene la produzione just-in-time sia finanziariamente efficiente, è anche incredibilmente fragile.

La pandemia ha distrutto quelle catene di approvvigionamento.

Catene di approvvigionamento interrotte
I produttori sono quindi passati all’uso di stampanti 3D come fonte alternativa per alcune parti, poiché erano disperate e i servizi e i dispositivi di stampa 3D erano prontamente disponibili nella maggior parte delle regioni. Ciò ha aggirato le catene di approvvigionamento interrotte e fornirà una spinta alla stampa 3D che durerà per sempre.

Ma c’è un problema. Anche i produttori di stampanti 3D sono soggetti a problemi di catena di approvvigionamento. Hanno bisogno di molti componenti per costruire una stampante 3D, inclusi PCB, motori passo-passo, cavi e connettori, pannelli di visualizzazione e molto altro. Tutti questi sono stati interrotti durante le prime fasi della pandemia.

Tuttavia, non è come chiudere il rubinetto e non trovare acqua; le catene di approvvigionamento sono lunghe sequenze di eventi che richiedono mesi per attraversare. La pianificazione di precisione garantisce (in tempi normali) che le parti finiscano dove sono necessarie al momento giusto. Ma un’interruzione alla fonte può richiedere mesi prima che si propaghi ai produttori che ricevono le parti. Le parti spedite vengono comunque spedite. Ma la prossima nave potrebbe non essere caricata. Oppure una tempesta potrebbe chiudere i principali stabilimenti di plastica . Per esempio.

I produttori di stampanti 3D lungimiranti hanno previsto questo scenario e hanno assicurato correttamente le scorte di parti prima del crollo generale della disponibilità delle parti. Ad esempio, Prusa Research ha annunciato l’anno scorso di aver accaparrato un’enorme scorta di parti su cui probabilmente stanno ancora lavorando.

Tuttavia, i produttori di componenti devono ancora recuperare e la situazione sta peggiorando con l’aumento della domanda a causa delle scorte in esaurimento. Richard Horne, appassionato di stampa 3D, ha recentemente scritto:

“Tutti coloro che si occupano di progettazione e produzione di componenti elettronici si stanno preparando a un anno difficile di carenza di componenti. Onestamente, se non hai protetto i componenti chiave nel dicembre 2020, hai ~ 10 mesi di attesa per la consegna. Molti FPGA, micro ARM e persino componenti elettromeccanici a oltre 40 settimane.

La grave carenza di componenti elettronici alimenta l’aumento dei prezzi per le scorte e ciò causa anche un forte picco di parti contraffatte e contraffatte che entrano nella catena di approvvigionamento. questo aggraverà i problemi e causerà ulteriori danni per anni. È davvero una situazione piuttosto terribile. “

Cosa significa questo?

Errori del produttore della stampante 3D
Significa che è probabile che alcuni produttori di stampanti 3D potrebbero dover chiudere le loro linee di assemblaggio ad un certo punto nel prossimo futuro, se non si sono assicurati fonti di parti alternative.

Chi potrebbero essere queste aziende? Potrebbe essere uno qualsiasi di loro, poiché i fattori normali potrebbero non essere applicabili. Un’azienda che produce meno macchine al mese potrebbe trovare più facile procurarsi meno parti rispetto a un produttore più grande. Un produttore potrebbe richiedere un componente insolito che semplicemente non è disponibile da nessun fornitore.

Non sappiamo ancora quali società incontreranno gravi carenze di approvvigionamento e quali in qualche modo sono riuscite ad applicare qualsiasi mezzo necessario per le forniture delle parti necessarie.

La linea di fondo qui è che in alcuni mesi potremmo inaspettatamente vedere diversi produttori di stampanti 3D indicare silenziosamente di avere “ritardi di spedizione” che sembrano estendersi continuamente. Potrebbero esserci licenziamenti negli stabilimenti di assemblaggio, e questo è significativo in quanto riavviarli sarà impegnativo.

Alla fine, potremmo persino vedere alcune società, forse società ben note, semplicemente chiudere le operazioni quando i fondi si esauriscono a causa della mancanza di vendite.

Quale sarà il primo?

Be the first to comment on "La stampa in 3d in difficoltà per le catene di approvvigionamento in crisi per la pandemia Covid"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi