COMUNICATO STAMPA

Flex in edizione opaca: una novità di Fiberlogy

  I filamenti simili alla gomma sono ancora una novità per molti utenti di stampa 3D. Per alcuni, è una vera sfida in cui qualsiasi risultato soddisfacente viene vinto a fatica con molte ore di tentativi ed errori. Nel frattempo, gli utenti che hanno già provato e padroneggiato questo materiale sono in grado di completare progetti sulle loro stampanti che sono impossibili da realizzare con materiali tradizionali come PLA, ABS o Nylon.
L’arrivo del nuovo MattFlex 40D di Fiberlogy è un forte incentivo ad interessarsi ancora di più ai filamenti flessibili perché gli effetti che si possono ottenere con esso sono eccezionali. Con una finitura opaca che nasconde perfettamente l’incollaggio degli strati e una superficie che riflette al minimo la luce, i modelli realizzati con MattFlex 40D hanno un aspetto molto migliore rispetto ad altri filamenti simili alla gomma sul mercato.

Come si stampa con la “gomma”?

Avresti pensato che risultati soddisfacenti con i filamenti flessibili si possono ottenere solo su stampanti dotate di sistema diretto. Nel frattempo, la famiglia di filamenti Fiberlogy Flex funziona altrettanto bene su stampanti di tipo Bowden come le famose Enders.

La chiave del successo è la corretta selezione dei parametri, ma anche la corretta preparazione della macchina. Vale la pena iniziare riducendo la pressione sull’estrusore. Troppa pressione può causare la “fuga” del filamento o il suo blocco. Anche ridurre la retrazione sarà una buona idea. Una retrazione eccessiva o troppo rapida del filamento può portare rapidamente all’ostruzione dell’ugello.

Ciò che è più importante, tuttavia, è la velocità di stampa. In genere, si consiglia di stampare i filamenti flessibili a circa 20 mm/sec. Tuttavia, con Fiberlogy MattFlex 40D, come nel caso di FiberFlex 40D, è possibile ottenere risultati eccellenti a 45 mm/s. Anche 60 mm/s con un estrusore diretto non dovrebbero influenzare negativamente il risultato.

L’ultimo passo sarà la corretta preparazione del supporto. La famiglia di filamenti Flex aderisce molto bene sia al PEI che ai substrati di vetro. Se riscontri problemi, puoi provare a utilizzare del nastro adesivo blu. In questo caso, però, il residuo di nastro rimarrà sul fondo del modello, che dovrà poi essere rimosso con acqua o uno strumento appuntito.

Dopo la stampa, il modello può essere facilmente rimosso riscaldando il letto e facendo leva delicatamente con una spatola. Tirare un modello tenuto saldamente al tavolo porterà solo a strappare gli strati inferiori della stampa.

Flex – nuove possibilità

Ma ha senso tutta questa “lotta” per la stampa su gomma? Assolutamente! I filamenti flessibili aprono nuove possibilità.

La loro robustezza e resistenza alle condizioni difficili rendono questo materiale adatto a una serie di applicazioni pratiche. Da modelli e pneumatici per robot, guarnizioni e cuscinetti antivibranti a componenti di abbigliamento e cinturini per orologi e smartwatch: l’elenco delle aree in cui MattFlex 40D dimostrerà il suo valore può durare all’infinito.

Rispetto ai filamenti più diffusi come PLA o ABS, abbiamo molta più influenza sulle proprietà del modello stesso quando lo prepariamo per la stampa. Il numero di contorni, la densità del riempimento e la sua struttura influenzeranno la durezza del risultato finale, il che significa che un modello realizzato con un filamento di durezza Shore 40D può essere in definitiva più morbido di un modello realizzato con la sua controparte con una durezza anche di 20D (circa 90A). Allo stesso tempo, sarà più facile stampare. Nel caso di materiali della famiglia Flex, come MattFlex o FiberFlex, spetta principalmente all’utente decidere come si comporterà il modello finale che è il risultato dei suoi sforzi.

I materiali simili alla gomma sono molto gratificanti nel campo della stampa 3D e l’ampia gamma dei loro usi è un forte argomento per aggiungerli all’elenco dei filamenti usati di frequente.

MattFlex 40D sarà in vendita all’inizio di ottobre 2021. Sarà disponibile attraverso la rete di distributori di marchi di Fiberlogy.

Come stampare con Fiberlogy MattFlex 40D:
Temperatura dell’ugello: 210-230 ° C
Temperatura del letto: 50-70°C
Camera chiusa: non necessaria
Ventola: 50-75%
Portata: 105-110%
Velocità di stampa: < 60 mm/s
Superficie: vetro, nastro adesivo
Retrazione: 1-2 mm
Velocità di ritrazione: 10-30 mm/s
Per rimuovere più facilmente la stampa, si consiglia di riscaldare il letto a 110°C

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi