Medicinali stampati in 3D in sette secondi
 
I medicinali possono essere stampati in sette secondi con una nuova tecnica di stampa 3D che potrebbe consentire una rapida produzione in loco di medicinali, riferisce un team di ricerca guidato dall’UCL.
I risultati pubblicati sulla rivista Additive Manufacturing migliorano le prospettive di come le stampanti 3D potrebbero essere integrate in contesti clinici frenetici per la produzione on-demand di farmaci personalizzati.

Per il presente studio, i ricercatori hanno caricato le printlet (tabelle stampate) con paracetamolo, che è uno dei tanti medicinali che possono essere prodotti con una stampante 3D.

Una delle tecniche principali per la stampa 3D è la fotopolimerizzazione in vasca, che offre la più alta risoluzione per complessità su microscale e si adatta anche a molti farmaci poiché non richiede calore elevato. Per la stampa di medicinali, la tecnica utilizza una formulazione in resina, che costituisce il farmaco richiesto disciolto in una soluzione di una sostanza chimica fotoreattiva, attivata dalla luce per solidificare la resina in una compressa stampata.

Ma la polimerizzazione in vasca è stata ostacolata da basse velocità di stampa, a causa del suo approccio strato per strato.

Qui, gli scienziati hanno sviluppato una nuova tecnica di polimerizzazione in vasca che stampa l’intero oggetto tutto in una volta , riducendo la velocità di stampa da più minuti a soli 7-17 secondi (a seconda della composizione della resina selezionata). Questo funziona facendo brillare più immagini dell’oggetto visto da diverse angolazioni, sulla resina. La quantità di luce irradiata si accumula gradualmente, fino a raggiungere un punto in cui avviene la polimerizzazione. Regolando l’intensità della luce a diverse angolazioni e sovrapposizioni, tutti i punti dell’oggetto 3D nella resina possono raggiungere questa soglia contemporaneamente, provocando la solidificazione simultanea dell’intero oggetto 3D.

Lo studio attualmente è guidato dal professor Abdul Basit (UCL School of Pharmacy) e ha coinvolto anche ricercatori dell’Universidade de Santiago de Compostela e FabRx, uno spin-out dell’UCL co-fondato da tre membri del team di ricerca dell’UCL .

Il laboratorio Basit ha precedentemente sviluppato polipillole stampate in 3D per aiutare le persone che hanno bisogno di assumere più farmaci ogni giorno, nonché pillole con motivi braille per aiutare i non vedenti.

Il co-autore principale, il dottor Alvaro Goyanes (UCL School of Pharmacy, FabRx e Universidade de Santiago de Compostela) ha dichiarato: “I medicinali personalizzati stampati in 3D si stanno evolvendo a un ritmo rapido e stanno raggiungendo la clinica. Per adattarsi al frenetico ambiente clinico, abbiamo sviluppato una stampante 3D che produce tablet in pochi secondi. Questa tecnologia potrebbe essere un punto di svolta per l’industria farmaceutica”

dell’UCL

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi