Molyworks trasforma i rottami metallici in polvere per stampa 3D in metallo

Molyworks è una delle mie startup di stampa 3D preferite. L’azienda ha un enorme potenziale con la sua macchina di atomizzazione containerizzata, che converte i rottami metallici in polvere per stampa 3D. Ciò è stato sottolineato dalla loro vittoria dell’AM Ventures Impact Award a Formnext quest’anno.

Nessun’altra startup attuale ha il potenziale per avere così tanto impatto sulla stampa 3D come Molyworks può avere. Rendendo la polvere metallica più economica e più locale, l’azienda può cambiare radicalmente l’economia della stampa su metallo. Rendendo la polvere più riciclabile e riciclando le strutture di supporto della stampa 3D e le parti costruite male in nuova polvere, può anche aiutare a migliorare l’economia e la sostenibilità della tecnologia in questo senso.

Pensa a cosa potrebbe significare un’installazione Molyworks funzionante per una casa automobilistica: quanto è kaizen? Cosa potrebbe significare anche per portare a bordo le compagnie di costruzioni navali, marittime e petrolifere e del gas? La capacità di produrre la propria polvere potrebbe anche rendere i paesi e le aree isolate fonti fruttuose di pezzi di ricambio per petrolio e gas o altre installazioni ad alta tecnologia. Immagina se un paese come la Nigeria potesse svolgere un ruolo enorme nella rivoluzione della stampa 3D stampando completamente gran parte della sua infrastruttura di petrolio e gas attraverso polvere di provenienza locale.

Ma, soprattutto, immaginavo solo quanto l’esercito americano stia sbavando per essere in grado di utilizzare in modo conveniente gli scarti per stampare ogni sorta di cose nel paese. Potreste immaginare i militari come UPS con armi da fuoco, fino a sei soldati che lavorano per rifornire una persona sul campo. Portare un chilo di merce in un’area operativa avanzata è costoso e, una volta lì, i rifiuti sono un problema enorme. Riuscire quindi a trasformare i rottami in pezzi di ricambio o materiali di consumo darebbe a un esercito moderno un enorme vantaggio in termini di costi e flessibilità.

Parti di costruzione M290 interne dell’azienda realizzate con rottami.

Ho intervistato il co-fondatore e CEO di Molyworks Chris Eonta per saperne di più. L’azienda sta attualmente conducendo la seconda fase di un grande progetto pilota per produrre a distanza la polvere dai rottami. Il sistema in loco, chiamato Greyhound, viene utilizzato anche dal team per produrre polvere su richiesta. Nel corso dei prossimi 12 mesi, sperano di installare più sistemi su siti in tutto il mondo. La startup con sede negli Stati Uniti ha anche una sede a Singapore, aiutando la città-stato a rimanere all’avanguardia della tecnologia marina.

Eonta afferma che i paesi interessati al Greyhound “non hanno una produzione locale di polveri metalliche, devono importare fili o lingotti e hanno problemi a far entrare e uscire la polvere dal paese, soprattutto problemi con lunghi tempi di consegna”. Per quanto riguarda le prestazioni della polvere Molyworks rispetto alla polvere atomizzata con gas , afferma: “Siamo tutti nello stesso campo di battaglia nel produrre particelle sferiche che scorrono; us, atomizzazione di gas e plasma. “La configurazione di Molyworks è più piccola, a basso costo e tuttavia anche più flessibile. “Con noi, è più facile personalizzare le polveri e consentire una maggiore regolazione di una polvere, ma nel complesso non ci sono molte differenze.”

Ciò che è diverso è il fatto che l’intera configurazione Molyworks è containerizzabile. Ciò non è dovuto al fatto che l’azienda ha deciso di realizzare una soluzione di atomizzazione in polvere a base di contenitori . Piuttosto, il team aveva bisogno di un luogo in cui costruire il proprio sistema e per farlo ha scelto un container di spedizione sul prato di uno dei fondatori. Più tardi, quando l’esercito americano stava vedendo soluzioni di atomizzazione del gas containerizzate e unità di riciclaggio per il metallo, Molyworks ne aveva già costruito uno.

“All’inizio ero io e [Matthew Bowman] e [Andrew LaTour]. Ho comprato un forno a induzione sotto vuoto da eBay che stavamo cercando di far funzionare. L’abbiamo capovolta e lasciata cadere in una torcia al plasma e l’abbiamo installata in un container sul prato davanti a Matt ”, ha detto Eonta.

Il sistema completa una collezione Jeep che sta subendo revisioni incessanti e altri due container.

Si poteva solo immaginare l’acquiescenza un po ‘rassegnata della moglie di Matthew Bowman e la mancanza di vicini impiccioni mentre il team ha lavorato alla costruzione di Greyhound lì per sei mesi. Alcuni vicini immaginavano che il gruppo avesse un laboratorio di metanfetamina, mentre altri pensavano che la combo torcia al plasma della fornace fosse un fumatore di carne. Il team ordinava così tante parti online, in particolare su eBay, che ogni venerdì mattina impiegavano solo per scomporre le scatole.

Raccogliendo alimentatori ammaccati da eBay e molte altre parti di seconda mano, il team è riuscito a sopravvivere per anni con i propri soldi e quelli di un angelo investitore. Hanno anche affrontato il problema dell’atomizzazione attraverso l’ingegneria, la sperimentazione e l’hacking dell’hardware, scoprendo molti principi di progettazione attraverso le iterazioni del loro atomizzatore. A novembre 2015, sono stati in grado di posizionare l’intero sistema di lavoro in un container e trasportarlo. Nel 2016, l’esercito americano si è rivelato proprio alla ricerca di una soluzione del genere. Ciò ha portato alla prima di numerose sovvenzioni e contratti con l’esercito degli Stati Uniti. Ora, l’azienda ha 14 contratti con il governo degli Stati Uniti ed è vincitrice di numerosi premi con 17 dipendenti.

Al momento, fanno i Digital Demo Days e puoi inviare diversi scarti al team per farlo riciclare per verificare le loro capacità. Oltre a vincere più contratti governativi, l’azienda sta cercando di portare la produzione di polveri atomizzate e il riciclaggio dei metalli a paesi, regioni e grandi aziende. Con un cliente fondamentale, possono implementare Greyhound in una località come Singapore. Questo sistema scalabile può quindi crescere insieme alle esigenze di quella regione o paese.

“Ci vorranno rottami dalla regione. Questo è molto prezioso nelle aree senza produzione di metallo, dove hanno stampanti e, inoltre, molta produzione. Non ha davvero senso dal punto di vista economico quando siamo dove si trovano i rottami metallici “, ha detto Eonta. “Puoi sgranocchiare gli scarti e ottenere risultati di alta qualità e, poiché è il tuo scarto, sai da dove proviene, ad esempio da quale materiale provengono torniture di macchine, estremità delle aste, telai metallici o strumenti.”

È necessario un elemento di formazione e Molyworks deve collaborare con i clienti per garantire che i materiali specifici siano separati e classificati correttamente. Per ora, oltre ai progetti dimostrativi che svolgono, il team esegue anche il riciclaggio come servizio a prezzi di mercato, con l’obiettivo di sviluppare gli utenti e condurre programmi pilota. Finora, l’azienda ha una pipeline di programmi pilota e clienti per questo servizio. Eonta ammette di essere un’azienda giovane e che anche il modello di business è ancora in grande sviluppo. Il team vende anche fermacravatta da materiali riciclati su eBay e Amazon .

Eonta sembra sincera anche sui benefici ambientali, avvertendoci: “Fare soldi è una vita vuota. Accelerare l’adozione del riciclaggio dei metalli dà un significato reale. Scegliendo il riciclaggio, possiamo guadagnare e fare ciò che è buono per l’ambiente “. Stanno persino esaminando le combinazioni di batteria e pannello solare che potrebbero rendere possibile il funzionamento completo del sistema con fonti rinnovabili.

Guardando al futuro, Eonta vede più materiali entrare nella mischia: “Adesso ci concentriamo sul titanio. Puoi trovarlo ovunque; non si corrode. È davvero uno dei materiali più sostenibili “. Sono anche in grado di fare Inconel, alluminio, rame e acciai e sono entusiasti di “materiali magnetici, refrattari specifici della NASA, materiali a memoria di forma”, ma soprattutto “cambiare il modo in cui il mondo usa e riutilizza il metallo”.

Joris Peels da 3dprint.com

Be the first to comment on "Molyworks trasforma i rottami metallici in polvere per stampa 3D in metallo"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi