Voxeljet cresce del 10% nel terzo trimestre

VOXELJET RITORNA ALLA CRESCITA ANNUALE NEL TERZO TRIMESTRE DEL 2020 CON UN AUMENTO DEI RICAVI DEL 10%

Il produttore tedesco di stampanti 3D voxeljet ha riportato un ritorno alla crescita annuale nei suoi dati finanziari del terzo trimestre del 2020, ottenendo un aumento dei ricavi del 10% durante il periodo.

Per i tre mesi terminati il ​​30 settembre 2020, voxeljet ha generato 4,9 milioni di euro di ricavi consolidati, un aumento del 10% rispetto ai 4,4 milioni di euro riportati nel terzo trimestre del 2019. Questa cifra, che rappresenta un aumento del 32,5% rispetto al calo dei ricavi dell’azienda nel secondo trimestre del 2020 , è stato determinato principalmente da un miglioramento del 64% del fatturato relativo ai sistemi.

Da quando Desktop Metal ha annunciato la sua IPO all’inizio di quest’anno, le tecnologie di binder jetting hanno registrato un aumento dell’interesse pubblico, e questo potrebbe essere stato un fattore del successo dei sistemi di voxeljet durante il terzo trimestre. ExOne, ad esempio, che produce anche macchine a getto di legante, ha raddoppiato le vendite di stampanti 3D tra il terzo trimestre del 2019 e il terzo trimestre del 2020.

Nonostante ciò, voxeljet prevede un quarto trimestre del 2020 più difficile di quanto inizialmente previsto e ha abbassato di conseguenza le previsioni sui ricavi per il trimestre, tra 8 milioni e 10 milioni di euro. Di conseguenza, anche se la società ha registrato una crescita dei ricavi durante il terzo trimestre, le sue azioni sono scese da $ 8,90 a $ 8,46 dopo la pubblicazione dei risultati.

Voxeljet utilizza le sue stampanti 3D ad alta velocità di sinterizzazione (HSS) e binder jet per fornire un servizio di produzione su richiesta in Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Cina e India. I ricavi che l’azienda ottiene dalle sue soluzioni di produzione sono riportati in due segmenti: Sistemi e Servizi.

All’interno del segmento Sistemi della società, include i ricavi ottenuti dalle vendite di macchine, nonché dalla vendita di pezzi di ricambio, aggiornamenti, contratti di manutenzione e altre attività relative alle vendite. Durante il terzo trimestre del 2020, voxeljet ha generato 2,6 milioni di euro di ricavi da sistemi, rappresentando un aumento del 64% rispetto agli 1,6 milioni di euro riportati nel terzo trimestre 2019.

Nel corso del terzo trimestre del 2020, voxeljet ha venduto due stampanti 3D usate e ricondizionate non specificate, rispetto ai tre nuovi sistemi installati nel terzo trimestre del 2019. L’azienda ha attribuito il significativo aumento dei ricavi del segmento al suo “maggiore mix di prodotti”, il che significa che ha venduto più del suo formato più grande e, in definitiva, delle macchine più costose, rispetto al terzo trimestre del 2019.

Il segmento dei servizi di Voxeljet, che si concentra sui ricavi della stampa 3D on-demand, non ha funzionato altrettanto bene, generando € 2,2 milioni nel terzo trimestre del 2020 rispetto ai € 2,8 milioni riportati nel terzo trimestre 2019. Questo calo del 20% è stato spiegato dalle prestazioni di le attività di ricambi dell’azienda con sede nel Regno Unito e negli Stati Uniti, che hanno guadagnato meno entrate rispetto al terzo trimestre del 2019.

Entrate (€)
Segmento Terzo trimestre 2019 Q3 2020 Varianza (%) 9 M 2019 9M 2020 Varianza (%)
Sistemi 1,6 m 2,6 m +64 6,1 m 5,8 m -5
Servizi 2.8m 2,2 m -20 8,8 m 6,8 m -23
Totale 4.4m 4,9 m +10 15m 12,7 m -15

il ritorno alla crescita di voxeljet durante il terzo trimestre del 2020

L’azienda ha in gran parte attribuito il suo aumento dei ricavi dei sistemi alle stampanti su larga scala vendute durante il terzo trimestre del 2020, che hanno prodotto un rendimento maggiore rispetto ai contratti per macchine di piccole dimensioni che ha ottenuto nel terzo trimestre del 2019. Voxeljet è anche riuscita a migliorare i ricavi dei materiali di consumo nello stesso periodo a causa di la sua base di installazione più elevata, sebbene non sufficiente a generare una crescita annuale.

Secondo l’azienda, le entrate del suo sistema avrebbero potuto aumentare ancora di più, se non fosse stato per il continuo impatto di COVID-19 sulla sua capacità di completare le installazioni. Le restrizioni di viaggio della pandemia hanno impedito a voxeljet di soddisfare molte delle sue installazioni programmate durante il terzo trimestre del 2020, il che significa che non è stato in grado di aggiungere queste entrate ai suoi dati finanziari.

Allo stesso modo, la società di stampa 3D in metallo non è stata in grado di eseguire visite di manutenzione regolari e la sua attività di produzione su richiesta ha continuato a lottare, poiché i suoi clienti rimangono cauti sulle loro spese. Nonostante il costante impatto di COVID-19, la divisione Sistemi di voxeljet ha comunque rappresentato il 54,7% del fatturato totale durante il terzo trimestre del 2020, un aumento del 18% rispetto al 36,9% registrato nel terzo trimestre del 2019.

La società ha inoltre attribuito il declino dei suoi servizi agli effetti della pandemia, che ha causato un calo significativo della domanda per la sua attività di ricambi su richiesta con sede negli Stati Uniti. Inoltre, voxeljet ha chiuso il suo centro servizi nel Regno Unito come parte di una più ampia ristrutturazione nel quarto trimestre del 2019, e ciò ha avuto un effetto a catena sulla redditività della sua filiale.

Al fine di mitigare alcune delle perdite di entrate sostenute a causa della pandemia, l’azienda ha tagliato la sua spesa in ricerca e sviluppo da € 1,8 milioni nel terzo trimestre 2019 a € 1,4 milioni nel terzo trimestre 2020. Come parte del programma “Essentials2020 +” annunciato da voxeljet nel terzo trimestre, intende concentrare la sua spesa futura sulle vendite e lo sviluppo dei suoi sistemi VJET X e VX1000 HSS.

Mentre la società entra nel quarto trimestre, ha ridotto le sue previsioni di fatturato per l’intero anno da € 26 milioni – € 30 milioni a € 20,7 milioni – € 22,7 milioni. Poiché le restrizioni di viaggio relative a COVID continuano a essere reimposte, voxeljet ha ammesso che ciò potrebbe causare ulteriori ritardi alle sue installazioni di stampanti 3D e ha abbassato le sue previsioni di conseguenza.

Nonostante ciò, l’azienda ha un portafoglio ordini di 9,4 milioni di euro, che la lascia in una posizione molto più sana rispetto ai 2,7 milioni di euro di ordini che aveva all’inizio dell’anno. Dato che il suo tempo medio di installazione è di 9 mesi, non vi è alcuna garanzia che voxeljet convertirà rapidamente queste vendite in entrate, ma mostra che sta ancora beneficiando di un maggiore interesse per le sue macchine.

In futuro, la società ritiene che la scalabilità del suo sistema VX1000 porterà a “installazioni multiple” e attualmente sta convalidando i materiali per la macchina con Covestro prima del lancio nel 2021. Secondo il Dr. Ingo Ederer, CEO di voxeljet, i prossimi VX1000 e XJET X dell’azienda apriranno nuove opportunità per le tecnologie dell’azienda in futuro.

“Abbiamo raggiunto traguardi significativi con la VJET X e la nuova grande stampante 3D ad alta velocità di sinterizzazione (” HSS “) negli ultimi mesi”, ha affermato Ederer. “I primi test di stampa sulla grande stampante HSS hanno avuto esito positivo e siamo estremamente entusiasti delle nuove opportunità e dei nuovi mercati che intendiamo affrontare con esso”.

Be the first to comment on "Voxeljet cresce del 10% nel terzo trimestre"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi