Oceanz implementa due moduli AM-Flow , AM-VISION e AM-SORT

Oceanz e AM-Flow collaborano per ordinare e selezionare automaticamente le parti stampate in 3D
 
Il servizio di stampa 3D Oceanz ha implementato due moduli AM-Flow , AM-VISION e AM-SORT, per automatizzare aspetti del flusso di lavoro di produzione. AM-VISION è un modulo di identificazione automatizzata delle parti che utilizza la visione artificiale per riconoscere le parti e abbinarle agli ordini e alle ulteriori fasi di produzione. Il modulo AM-SORT è un modulo che utilizza flipper per ordinare le parti e spostarle in diverse fasi di produzione.

 Le aziende reclamizzano la capacità di tenere traccia delle parti durante l’intero processo di produzione, dal file alla stampa fino alla parte finita, come uno dei vantaggi. Ciò consente a Oceanz di avere una maggiore efficienza e costi inferiori, aumentando al contempo il livello di controllo sulla movimentazione delle parti. Si elimina molto lavoro manuale e si aumenta la ripetibilità rimuovendo l’elemento umano. Allo stesso tempo, le operazioni automatizzate potrebbero aiutarli a soddisfare o superare i requisiti di tracciabilità delle parti per le parti fortemente regolamentate. Le aziende vorrebbero andare oltre e automatizzare più operazioni di magazzino, nonché garantire la qualità.

“Il buon senso e l’approccio pratico ci hanno permesso di agire così rapidamente. Attendiamo con impazienza una lunga ulteriore collaborazione per rendere Oceanz ancora più forte”, ha affermato Stefan Rink, CEO di AM Flow.

“Questa collaborazione conferma la nostra mentalità concreta e pratica, e la piacevole collaborazione con AM Flow come specialista dell’automazione del flusso di lavoro 3D, lavorando per una visione condivisa del mercato. Questa applicazione è necessaria per fare il passo successivo e si adatta perfettamente alle esigenze future e, quindi, a Oceanz”, ha aggiunto il CEO di Oceanz, Erik van der Garde.

Nella stampa 3D, il lavoro manuale per la pulizia e il trasporto delle parti può raggiungere il 30% circa del costo totale delle parti. Questa è una proporzione astronomica. Mentre le persone spesso pensano alla stampa 3D come a un processo completamente automatizzato, molti componenti devono essere puliti manualmente, ordinati, spolverati e portati in giro. La somma totale di questa attività rende la stampa 3D molto meno economica di quanto dovrebbe essere. Mosse come quelle di Oceanz e AM-Flow dovrebbero essere lodate perché, alla fine, renderanno la stampa meno costosa per tutti noi.

 Le aziende di post-elaborazione come Dye Mansion e PostProcess Technologies stanno cercando di automatizzare passaggi come la depolverizzazione e la superficie delle parti in un’unità o in serie di macchine. Nel frattempo, la maggior parte della post-elaborazione è basata su batch, quindi c’è ancora il trasferimento di build tra le macchine. Allo stesso tempo, con molti ordini che arrivano in un’agenzia di servizi, l’identificazione dei singoli articoli è molto importante nella stampa 3D. Una build SLS potrebbe contenere centinaia o decine di migliaia di parti. Identificarli tutti è noioso e costoso. Attraverso AM-Flow tali procedure possono essere automatizzate, il che avrà davvero un impatto sui costi.

Allo stesso tempo, credo che tutta la garanzia di qualità dovrà essere automatizzata nella stampa 3D. Dal momento che costruiamo ogni elemento individualmente e i percorsi degli utensili, il posizionamento delle parti, il calore e l’incollaggio sono spesso molto diversi, secondo me dobbiamo controllare ogni singolo componente per essere sicuri che sia stato costruito correttamente. Pertanto, i processi di controllo della qualità automatizzati, come la scansione per la rugosità superficiale e l’accuratezza dimensionale, sono assolutamente necessari.

Più grande e più veloce cresce la porzione di post-elaborazione del settore della stampa 3D, migliore sarà la loro offerta. Più completi, più veloci ed efficienti sono tutti questi attori, più possiamo ridurre i costi.

Credo davvero che dobbiamo recuperare il ritardo con le aspettative qui. Non stiamo facendo chicchi di caffè o candele artesiane. Dovremmo essere in grado di realizzare componenti che non vengano toccati dall’uomo. Purtroppo, a questo punto ogni parte viene probabilmente gestita almeno quattro volte da una persona prima che raggiunga il cliente. Abbiamo molte persone in giro che affermano di eseguire la produzione, ma abbiamo bisogno di prezzi Kinder Egg e persone di qualità Faberge. Ora abbiamo invece i prezzi delle uova Faberge e la forza delle uova Kinder.

Sviluppi come questi ridurranno i costi, liberando margini per affrontare nuovi casi aziendali o per investire in ulteriore automazione. Le attrezzature e il flusso di lavoro di post-elaborazione sono la chiave per sbloccare il nostro futuro di produzione collettiva. Finora, SmarTech Analysis è stata l’unica azienda nella ricerca di mercato della stampa 3D a pubblicare un rapporto dedicato a questo argomento. Il suo rapporto ” Automazione, produzione additiva e la fabbrica del futuro ” descrive in dettaglio lo stato del mercato in relazione all’automazione e cosa servirà per arrivare a un’Industria 4.0 completamente automatizzata.

Be the first to comment on "Oceanz implementa due moduli AM-Flow , AM-VISION e AM-SORT"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi