Jeff Bezos prevede di offrire viaggi nello spazio con Blue Origin a turisti e scienziati entro la fine del decennio: Orbital Reef, il progetto a cui hanno aderito Boeing e Sierra Space
 
Orbital Reef è il progetto annunciato da Blue Origin, la compagnia spaziale di Jeff Bezos, che sarà preparato entro la fine del decennio e offrirà viaggi in orbita a turisti e scienziati.
A Blue Origin si sono aggiunte aziende del settore che apporteranno le proprie tecnologie, come Boeing, Sierra Space, Redwire e Genesis Engineering Solutions, oltre a un consorzio di scienziati guidato dall’Arizona State University (Stati Uniti).
Scopri altre storie su Business Insider Spagna .

Jeff Bezos ha già viaggiato con suo fratello nello spazio lo scorso luglio, sul razzo New Shepard, dalla sua compagnia spaziale Blue Origin. E ora, vuole che tutti possano raggiungere le stelle, attraverso l’iniziativa Orbital Reef.

Sebbene non arriverà prima della seconda metà di questo decennio, Blue Origin ha già raggiunto accordi con diverse aziende del settore aerospaziale, nonché gruppi di scienziati guidati dalla Interplanetary Initiative dell’Arizona State University (Stati Uniti).

 
Forse sei già milionario e non te ne sei nemmeno reso conto; ecco come puoi scoprirlo
In questo senso, l’azienda di Bezos è riuscita a unire diversi attori del settore privato, come Sierra Space, Boeing, Redwire Space e Genesis Engineering Solutions, che contribuiranno con le loro innovazioni in questo campo .

“Per oltre 60 anni, la NASA e altre agenzie spaziali hanno sviluppato voli spaziali orbitali e abitazioni spaziali, preparandoci al decollo delle attività commerciali in questo decennio”, ha affermato Brent Sherwood, vicepresidente senior di Advanced Development Programs, Blue Origin, durante un conferenza stampa . 


“Amplieremo l’accesso, ridurremo i costi e forniremo tutti i servizi e le amenità necessari per normalizzare il volo spaziale. Un vivace ecosistema aziendale crescerà nell’orbita terrestre bassa, generando nuove scoperte, nuovi prodotti, nuovo intrattenimento e consapevolezza globale”, ha aggiunto.

 

Così, ogni attore contribuirà con il suo granello di sabbia: Blue Origin i sistemi di servizio pubblico; Sierra, Boeing e Redwire, veicoli spaziali e sistemi, e l’Università dell’Arizona, che fornisce consulenza in materia di ricerca e sensibilizzazione.

L’obiettivo? Creare un “business park ad uso misto” che non sostituisca la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), ma offra opportunità per il settore privato, nonché momenti ricreativi per il turismo stellare emergente.

Un business park privato creato per il turismo e la scienza
Si apre una nuova era. È quello che vogliono le aziende che firmano il progetto con Orbital Reef , in modo tale che anche chiunque possa impostare la rotta e la direzione durante il montaggio, con tutti i comfort abitativi e in sicurezza.

“Gli operatori spaziali e i turisti avranno un accesso sicuro, comodo e veloce all’esterno di Orbital Reef”, ha affermato Brand Griffin, responsabile del programma Genesis Engineering Solution. “L’ambiente in maniche di camicia, la grande visibilità, la guida automatizzata e i manipolatori di precisione avanzati renderanno esterni operazioni redditizie e di routine”.

 
La stazione spaziale pionieristica farà orbita attorno alla Terra bassa la sua casa.origine blu
L’idea principale è quella di aprire il settore commerciale, turistico e scientifico nello spazio al settore privato, con cui Orbital Reef diventa la prima proposta del suo genere.


“Orbital Reef rappresenta la prossima evoluzione del paradigma dello spazio commerciale creando la prima piattaforma del settore privato con equipaggio in orbita terrestre bassa”, ha affermato Mike Gold, vicepresidente esecutivo, Civil Space and External Affairs, Redwire. 

“L’ambiente di microgravità presenta un campo completamente nuovo per lo sviluppo commerciale e scientifico, rendendo Orbital Reef la piattaforma che lancerà nuove tecnologie e capacità che miglioreranno notevolmente la vita sulla Terra consentendo il viaggio dell’umanità verso le stelle”, ha aggiunto.

 

Orbital Reef sarà come un villaggio, dove le persone di molte organizzazioni potranno svolgere le loro attività separatamente e interagire tra loro.origine blu
Anche se non senza una supervisione scientifica, ovviamente. Per questo c’è l’Università dell’Arizona, che ha il compito di dirigere il consorzio di esperti in materia, affinché tutto vada come previsto e prevenendo ogni possibile disagio.

“Abbiamo riunito un gruppo internazionale di oltre una dozzina di università per lavorare sull’etica e le linee guida della ricerca, su come mettere in pratica tutta la nostra esperienza nella scienza e nella ricerca e nella produzione a bassa gravità, per aiutare le nazioni. gruppi che vogliono accedere Orbital Reef “, ha detto Lindy Elkins-Tanton, vice presidente dell’Iniziativa Interplanetario e ricercatore principale di Psiche della NASA la missione .

Con questo, Blue Origin e Bezos aprono una nuova porta allo spazio, questa volta per l’intero settore privato, anche se restano da conoscere dettagli importanti come il prezzo, la durata dei viaggi e la disponibilità per il grande pubblico.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi