Origin i tamponi nasali stampati in 3D per il coronavirus

Origin sviluppa e testa i tamponi nasali stampati in 3D per COVID-19

La startup di San Franciso Origin è l’ultima azienda a rivelare che ha lavorato su tamponi nasali stampati in 3D per i test COVID-19. La società ha recentemente annunciato che il design del tampone stampato in 3D è stato sottoposto con successo a una valutazione clinica iniziale di fattori umani, test dei materiali e compatibilità PCR. La valutazione viene effettuata in collaborazione con il Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC), che sta anche lavorando con una manciata di altre società di stampa 3D nello sviluppo e nella distribuzione di tamponi di test stampati in 3D.

Nella lotta contro COVID-19 ci sono molte incertezze. Una cosa su cui la maggior parte dei paesi può concordare, tuttavia, è che i test diffusi sono una parte vitale della comprensione e dell’attenuazione della diffusione del virus. Nonostante ciò, il potenziamento dei processi di test ha incontrato ostacoli negli Stati Uniti e nel mondo per diversi motivi, uno dei quali è la mancanza di materiali di prova come i tamponi rinofaringei. Per ovviare a questa carenza, abbiamo visto un certo numero di aziende di stampa 3D intensificare lo sviluppo di tamponi di test praticabili che potrebbero essere prodotti in serie utilizzando AM.

I tamponi stessi devono soddisfare determinati standard. Dal punto di vista meccanico, devono essere sia sufficientemente rigidi che flessibili per essere inseriti nella cavità nasale e spostati, e devono anche essere biocompatibili ed efficaci nel catturare e contenere i campioni. La progettazione e la produzione additiva si sono presentate come una soluzione adatta per lo sviluppo di tamponi che soddisfano questi criteri. Origin, che ha lanciato sul mercato la piattaforma AM aperta Origin One , ha progettato il suo tampone utilizzando la piattaforma nTop di nTopology e ha lavorato con BIDMC per testare e testare il dispositivo per l’efficacia e la sicurezza. I test iniziali hanno mostrato risultati promettenti per il tampone stampato in 3D e Origin afferma che prevede che i risultati completi della sperimentazione clinica saranno pronti per essere pubblicati presto.

“La necessità della nazione di test rapidi e diffusi per COVID-19 è stata ostacolata da una diffusa carenza di tamponi necessari per i test”, ha commentato Ramy Arnaout, MD, DPhil, direttore associato dei Clinical Microbiology Laboratories presso BIDMC, che è supervisionare le valutazioni cliniche dei tamponi stampati in 3D presso BIDMC. “Le innovazioni nella stampa 3D promettono davvero per i nostri sforzi collettivi per diagnosticare e trattare COVID-19, nonché per appiattire la curva di trasmissione.”

Il tampone, considerato un dispositivo esente FDA di classe 1, è progettato per essere stampato utilizzando il sistema Origin One, che secondo quanto riferito può stampare fino a 1.500 tamponi in meno di otto ore. I tamponi di test sono stati sottoposti anche a test con l’esercito degli Stati Uniti, i partner sui materiali Origin, università come l’UCLA e laboratori medici indipendenti.

“Origin è orgoglioso di unirsi a team di esperti in tecnologia, sanità e mondo accademico per contribuire a accelerare gli sforzi per ottenere dispositivi medici durevoli e sicuri nelle mani degli operatori sanitari”, ha aggiunto Chris Prucha, cofondatore e CEO di Origin. “Questi sono tempi senza precedenti che richiedono misure senza precedenti. Ciò premesso, Origin ha deciso di concentrare i propri sforzi esclusivamente sullo sviluppo di dispositivi medici e DPI durante questa crisi. Questo spostamento è avvenuto rapidamente e in condizioni molto difficili, poiché San Francisco è stata la prima città a ordinare un riparo sul posto. Siamo lieti di affermare che i risultati della sperimentazione clinica dei nostri tamponi di test sono andati molto bene e il feedback positivo ci ha permesso di sviluppare un prodotto più confortevole per i pazienti “.

Origin fa parte di un consorzio tra AM, università e medicina il cui obiettivo è sviluppare tamponi per test stampati in 3D. Lo sforzo include Formlabs, Carbon, EnvisionTEC, Desktop Metal e Origin sul lato AM e BIDMC, la Harvard John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences, USF Health, Resolution Medical, Ohio State e altri. Attraverso il consorzio, i produttori convalidati negli Stati Uniti stanno ora stampando fino a 4 milioni di tamponi di test a settimana. Maggiori informazioni per uno sguardo approfondito su come la produzione additiva gioca un ruolo nello sviluppo del tampone nasale.

Be the first to comment on "Origin i tamponi nasali stampati in 3D per il coronavirus"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi