Scogliere stampate in 3D per aiutare a ripristinare la biodiversità marina nel Kattegat in Danimarca
 
Ørsted e il World Wide Fund for Nature (WWF Danimarca) stanno testando in che modo le barriere coralline stampate in 3D possono apportare benefici alla biodiversità nel Kattegat, uno stretto tra Danimarca e Svezia, che sta vivendo uno stock di merluzzo bianco storicamente basso. Questa è la prima volta che le barriere coralline stampate in 3D vengono utilizzate nelle acque danesi e integreranno le barriere coralline esistenti che Ørsted ha stabilito durante la costruzione del parco eolico offshore di Anholt nel 2012-13.

Ørsted e il WWF hanno implementato 12 strutture coralline stampate in 3D sul fondo del mare tra le turbine eoliche del parco eolico offshore di Anholt nel Kattegat, che fa parte dell’ecosistema del Greater North Sea. Tra le altre cose, la pesca eccessiva, l’aumento dell’esaurimento dell’ossigeno e la perdita di habitat hanno portato a un declino dello stock di merluzzo bianco nel Kattegat negli ultimi 20 anni. Ora è spaventosamente basso. Ciò crea un effetto domino negativo nell’ecosistema del Kattegat, con un impatto sulla biodiversità e sulla resilienza dell’ecosistema marino ai cambiamenti climatici.

I due partner dietro il progetto sperano che avrà effetti positivi sullo stock di merluzzo bianco del Kattegat e, a sua volta, contribuirà a un ecosistema marino più sano e resiliente con una migliore biodiversità.

Filip Engel, Vice President of Sustainability di Ørsted, ha dichiarato :
“L’oceano ha un vasto potenziale per aiutare a raggiungere i nostri obiettivi climatici. Il miglioramento della salute degli oceani e il ripristino della biodiversità marina sono fondamentali per affrontare la perdita di biodiversità e la crisi climatica. Poiché i governi di tutto il mondo stanno intensificando piani ambiziosi per aumentare la capacità di energia rinnovabile, l’eolico offshore occuperà più spazio. In Ørsted, crediamo che l’azione sul clima e la natura possa e debba andare di pari passo, e questo entusiasmante progetto insieme al WWF Danimarca è uno dei tanti che stiamo testando a livello globale per cercare le migliori soluzioni per realizzare la nostra ambizione di una rete – impatto positivo sulla biodiversità una realtà”.  

Bo Øksnebjerg, Segretario generale del WWF Danimarca, ha dichiarato:
“La biodiversità marina in Danimarca è sottoposta a forti pressioni e oggi nel Kattegat c’è il 90 % in meno di merluzzo rispetto al 1990. È necessaria un’azione – e con urgenza. Dobbiamo dare una mano alla natura e alla fauna selvatica, cercando di risolvere la nostra crisi climatica espandendo allo stesso tempo la nostra produzione di energia rinnovabile. Per risolvere la crisi della natura, dobbiamo lasciare la natura in una forma migliore di prima. Ecco perché siamo molto entusiasti di poter testare per la prima volta qui in Danimarca, insieme a Ørsted, le nuove e uniche strutture di barriera corallina stampate in 3D”.

Perché il merluzzo bianco è importante per la biodiversità oceanica e il clima
Negli ultimi decenni si è attirata l’attenzione sul fatto che l’esteso consumo eccessivo di risorse marine ha avuto enormi conseguenze. A livello globale, queste conseguenze includono la diminuzione degli stock ittici, l’esaurimento dell’ossigeno vicino al fondale marino e la perdita di habitat per la vita marina, come la massiccia riduzione delle praterie di eelgrass.

Il merluzzo è un importante predatore di punta, il che significa che preda altre specie marine e quindi contribuisce notevolmente a mantenere l’equilibrio nell’ecosistema marino. Quando il numero del merluzzo sarà notevolmente ridotto, l’abbondanza delle loro prede, come il granchio verde, aumenterà. Di conseguenza, le fanerogame marine diminuiscono perché i granchi mangiano sia i semi dell’eelgrass che molte delle lumache che a loro volta mantengono l’eelgrass libera dall’essere ricoperta di alghe.

Questo è un problema, poiché l’eelgrass è di per sé di grande importanza sia per la biodiversità che per il clima. Fornisce habitat importanti per la vita marina, come il novellame, produce ossigeno e stabilizza i fondali marini. Fondamentalmente, l’eelgrass immagazzina anche in modo molto efficace il carbonio nella sua rete radicale, impedendogli di finire nell’atmosfera e contribuendo all’aumento della temperatura globale.

Le biocapanne forniscono riparo al merluzzo nelle acque costiere
L’anno scorso, il WWF Danimarca e Ørsted hanno installato delle biocapanne ai moli del porto di Grenaa in collaborazione con il porto di Grenaa e il Centro Kattegat. Insieme, i due progetti offrono nuovi habitat per il merluzzo nelle fasi chiave del loro ciclo di vita.

Le biocapanne possono essere descritte come asili nido per pesci in quanto forniscono una protezione vitale ai piccoli pesci. Qui, ad esempio, i giovani merluzzi possono cercare riparo e cibo fino a quando non sono abbastanza grandi da nuotare in acque più profonde.

Le barriere coralline stampate in 3D aiutano il merluzzo al largo
Le barriere coralline stampate in 3D sembrano una torta nuziale composta da diversi livelli collegati tra loro da cavità dove i pesci possono nuotare dentro e fuori dai nascondigli. Allo stesso tempo, le strutture stesse forniranno superfici e fessure dove altri organismi possono attaccarsi. Le scogliere sono grandi circa un metro cubo e variano in larghezza e peso per imitare al meglio gli habitat naturali e pesano fino a mezza tonnellata.

Ørsted ha visto come le scogliere boulder che la società ha stabilito durante la costruzione del parco eolico offshore di Anholt sono diventate oasi attraenti per altre specie marine su un fondale marino altrimenti arido. L’aspettativa è che le nuove barriere coralline stampate in 3D possano completare le barriere coralline di pietra e diventino rapidamente abitate dalla vita. Il WWF ha già esperienza con le barriere coralline stampate in 3D da un progetto nella parte olandese del Mare del Nord.

Il progetto presso il parco eolico offshore di Anholt è supportato da PensionDanmark e PKA A/S, che detengono rispettivamente una quota del 30 % e del 20 % nel parco eolico.

Torben Möger Pedersen, CEO di PensionDanmark, afferma:
“Siamo molto orgogliosi di vedere le barriere coralline stampate in 3D di Anholt Offshore Wind Farm nelle acque danesi. La biodiversità è un punto focale per PensionDanmark e se questa iniziativa innovativa può migliorare la biodiversità nell’ecosistema marino, mentre il parco eolico produce energia sostenibile, abbiamo una situazione vantaggiosa per tutti gli interessati”.

Jon Johnson, CEO di PKA A/S, afferma:
“Per noi è importante proteggere il nostro pianeta e lavorare per un futuro sostenibile. La biodiversità sta diminuendo in tutto il mondo a un ritmo allarmante. Siamo orgogliosi di supportare il test delle barriere artificiali presso l’Anholt Offshore Wind Farm e il suo tentativo di migliorare le condizioni per il merluzzo bianco e la più ampia biodiversità nell’area e nel Kattegat. Non vediamo l’ora di seguire lo sviluppo delle condizioni della vita marina nei prossimi anni”.

Ørsted ha fissato l’ambizione di creare un impatto netto positivo sulla biodiversità per tutti i nuovi progetti di energia rinnovabile commissionati a partire dal 2030. Ørsted sta lavorando insieme a diversi esperti di ecologia su diversi progetti per ripristinare e migliorare la biodiversità, come l’olandese ARK Nature in un progetto pionieristico in il Mare del Nord  – e con due organismi locali per la fauna selvatica in un progetto di punta  sull’estuario dell’Humber, sulla costa orientale dell’Inghilterra settentrionale. La società ha inoltre annunciato di recente  ReCoral di Ørsted TM , un primo tentativo al mondo di sostenere le barriere coralline coltivando coralli sulle fondamenta di turbine eoliche offshore a Taiwan.

Il progetto fa parte di una partnership strategica tra Ørsted e il WWF Danimarca avviato nel 2018. Il suo scopo è stato quello di contribuire a salvare la fauna e la natura minacciate dal clima mondiale, coinvolgendo anche la popolazione danese in soluzioni al riscaldamento globale e creando una società che funziona esclusivamente con energia verde.

Fatti sulle barriere coralline stampate in 3D

Le barriere coralline sono composte per il 70 % da sabbia e per il 30 % da cemento pozzolanico a base di cenere vulcanica e cemento Portland. Questi sono materiali naturali e non saranno dannosi per l’ambiente circostante, anche se parti delle barriere coralline dovessero erodersi nel tempo.
I reef stampati in 3D sono biocompatibili per l’assenza di sostanze sintetiche o tossiche di origine industriale e per il pH moderatamente basico delle strutture intorno a 8,5-9.
Ogni barriera pesa tra 200 e 550 kg.
Hanno una dimensione di 1 m 3 con un’altezza di 1 m.
Le barriere coralline stampate in 3D sono progettate e sviluppate sulla base di una collaborazione tra il WWF Paesi Bassi e il Reef Design Lab. Le strutture del reef sono prodotte dall’azienda italiana D-Shape.
Fatti sul parco eolico offshore di Anholt

Anholt Offshore Wind Farm è costituito da 111 turbine eoliche con una capacità totale di 400 MW.
Ciò corrisponde al consumo di energia di oltre un milione di danesi, completamente privo di emissioni di carbonio.
Una volta completato nel 2013, il parco eolico era il più grande del mondo.
Durante la costruzione, Ørsted (allora DONG Energy) stabilì 24 scogliere di massi all’interno del parco eolico offshore. Oggi queste scogliere brulicano di vita.

Orsted nsieme al WWF Danimarca, abbiamo avviato un progetto con le cosiddette biocapanne nel porto di Grenaa, sulla costa orientale dello Jutland (Danimarca).

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi