Polly Polymer , una startup in Cina che sviluppa apparecchiature per la stampa 3D per stereolitografia ad alta velocità (SLA), polimeri e software, ha raccolto 100 milioni di Yuan cinesi (15,5 milioni di dollari) in un round di serie A+. La startup spera di catturare una fetta dei mercati della stampa 3D in rapida crescita nell’Asia orientale . Inoltre, utilizzerà i fondi per migliorare i suoi investimenti in ricerca e sviluppo e la promozione del mercato ed espandere la sua capacità produttiva finalizzando la costruzione di una struttura intelligente di stampa 3D nella provincia cinese sudorientale di Anhui.

Vitalbridge Capital ha guidato il round. La società di private equity di Shanghai, focalizzata sulla ricerca di startup leader nella trasformazione digitale e nell’innovazione tecnologica, ha già investito in molte “aziende di prossima generazione” mediche e informative orientate al futuro. Secondo il fondatore e CEO di Polly Polymer Wang Wenbin, lavoreranno con Vitalbridge per esplorare scenari applicativi di stampa 3D in vari campi come cure mediche, automobili e consumo digitale.

I partecipanti a questo round, che porta il totale di Polly Polymer a raggiungere i 16 milioni di dollari, include il sostenitore esistente GSR United Capital , una società di private equity di Hangzhou che si è ripresa in questo round. Tra i nuovi finanziatori figurano SDIC Fund Management , una società di venture capital di Pechino in fase iniziale; società di gestione degli investimenti Suzhou Zhongxin Innovation Investment ; società di gestione integrata del risparmio Infore Capital ; e la società di venture capital di Shanghai Kehui Venture Capital.

La linea di sistemi di stampa 3D di Polly Polymer. Immagine per gentile concessione di Polly Polymer.
Fondata nel 2017, Polly Polymer ha attualmente più di 2.000 formule di materiali, sistemi hardware SLA e quasi 80 brevetti. Nel primo anno di attività, è riuscita a guadagnare oltre 10 milioni di Yuan cinesi (1,5 milioni di dollari), seguiti da una crescita annua del 200%. Inoltre, l’azienda offre vari servizi relativi alla stampa 3D SLA ad alta velocità rivolti ai clienti aziendali, tra cui ricerca e sviluppo su materiali, attrezzature e software.

Da quando ha fondato il primo istituto di ricerca sui materiali di stampa 3D in collaborazione con l’Additive Manufacturing Research Institute dell’Industrial Culture Development Center, parte del Ministero dell’Industria e dell’Information Technology cinese , Polly Polymer ha iniziato a ottimizzare i nuovi materiali di stampa in base alle prestazioni di velocità e ai costi. È stato seguito dallo sviluppo di quella che l’azienda descrive come una piattaforma di stampa industriale intelligente ad altissima velocità basata sulla tecnologia Hindered Asynchronous Light Synthesis (HALS).


Polly Polymer afferma che HALS ha velocità di stampa 100 volte superiori rispetto alle apparecchiature di produzione tradizionali; cioè, può produrre l’intersuola di una scarpa in 20 minuti. In tal modo, il costo di produzione di lotti di piccole e medie dimensioni è quasi uguale al costo di produzione di massa dello stampaggio a iniezione, ha affermato la startup. Pertanto, la tecnologia di stampa HALS è progettata per la produzione di massa su scala industriale. Tuttavia, Polly Polymer ha anche recentemente sviluppato una tecnologia di stampa fotopolimerizzabile ad alta velocità su scala quasi industriale per applicazioni commerciali. Adatto per nuovi materiali di stampa 3D, la velocità di stampa è descritta come “20 volte più veloce rispetto alle apparecchiature tradizionali con basso consumo energetico e alta stabilità”. In combinazione con la piattaforma software sviluppata in modo indipendente da Polly Polymer,design medico , dentale e industriale.

In questa specifica nicchia di stampa 3D, Polly Polymer non è solo in competizione con marchi affermati come Formlabs o Carbon, ma anche con enormi startup nazionali come UnionTech e LuxCreo , che sono sulla strada della stampa 3D fotoindurente. La svolta per l’azienda, però, arriverà dalla sua nuova struttura, attualmente in costruzione. Il sito sta attirando molta attenzione, soprattutto perché sarà una fabbrica oscura. In altre parole, sarà completamente automatizzato, non richiederà illuminazione o utenti e il flusso di produzione sarà controllato tramite il cloud computing in modo che la fabbrica sarà completamente controllata da remoto.


Focalizzata sulla fornitura di prodotti convenienti e sull’aiutare i clienti a industrializzare la loro fabbrica di cloud intelligente, Polly Polymer ha stabilito rapporti di cooperazione con diversi marchi di calzature leader nella regione. Inoltre, Polly Polymer avrà la capacità fisica di stampare in 3D oltre 10.000 paia di scarpe ogni giorno una volta avviata la struttura. Questo numero potrebbe essere pesantemente ridimensionato replicando la linea di produzione.

Polly Polymer ha molta esperienza nel settore delle calzature e ha riferito che quando un grande marchio sportivo deve realizzare un nuovo paio di scarpe, di solito sono necessarie fino a 40 taglie. Sono circa 22 taglie per bambini, otto per donne adulte e 10 per uomini adulti. Ma se quel nuovo prodotto è una scarpa sportiva professionale per adulti, sono necessarie quattro diverse larghezze della suola anteriore (B, D, 2E e 4E) per 18 taglie. In breve, un nuovo stile di scarpa richiede almeno 94 stampi metallici per intersuola.

Con i processi tradizionali, in genere sarebbero necessari due mesi per iniziare a produrre un nuovo paio di scarpe. Ciò include tra i 30 ei 45 giorni solo per preparare gli stampi, oltre al tempo di produzione di prova. Lo stesso processo nello stabilimento di Polly Polymer dovrebbe essere eseguito in un attimo una volta sincronizzati i dati sul cloud.

Lo sport è una delle più grandi industrie per la stampa 3D e Polly Polymer si è immersa in diverse importanti collaborazioni, inclusa una recente con Xiaoxi Shi, un pluripremiato designer industriale e co-fondatore di 2-LA Design . Questo marchio di Calabasas, in California, crea prodotti iconici, come dispositivi e orologi indossabili intelligenti, scarpe in maglia 3D e iconici smartphone Nokia . Con il designer, Polly Polymer ha lanciato una scarpa monopezzo completamente stampata in 3D con suola integrata, un design che non avrebbe potuto essere sviluppato utilizzando le tecnologie tradizionali.

Xiaoxi Shi mostra una nuova scarpa stampata in 3D in modo sostenibile realizzata dal suo marchio 2-LA Design. Immagine per gentile concessione di 2-LA Design tramite Instagram.
“Con l’aiuto di Polly Polymer, abbiamo completato una svolta dirompente nelle scarpe. La soluzione integrata di Polly dal software alla stampa, quindi alla produzione di massa, ci ha permesso di raggiungere la massima efficienza di sviluppo. È prevedibile che Polly diventerà una piattaforma di “disturbatori” per potenziare davvero designer e creatività tramite la stampa 3D. Con Polly, verranno mostrate più produzioni di livello mondiale sulla scena internazionale”, ha affermato Shi, che ha sottolineato che oltre alle scarpe stampate in 3D, collaborerà anche con Polly Polymer su più prodotti in futuro.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi