Redwire acquisisce la società di biostampa spaziale Techshot per scalare la produzione nello spazio
 
La società di tecnologia spaziale Redwire ha acquisito Techshot , un operatore commerciale di apparecchiature per la produzione di microgravità, con una mossa progettata per ampliare la commercializzazione della fabbricazione nello spazio. I dispositivi Techshot hanno volato a bordo di velivoli a volo parabolico, razzi suborbitali, navette spaziali, Dragon di SpaceX e sono attualmente in uso presso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), al servizio di sforzi di ricerca come la biostampa di tessuti in microgravità. In un’epoca in cui le società commerciali competono per fare nello spazio ciò che una volta era possibile solo per nazioni sovrane, il team di Techshot e le tecnologie comprovate aiuteranno Redwire a sviluppare sistemi all’avanguardia per future missioni di esplorazione spaziale.

Sebbene i dettagli finanziari di quest’ultima transazione debbano ancora essere resi noti, l’acquisto segna l’ennesima aggiunta al portafoglio di infrastrutture spaziali di Redwire e la quinta acquisizione dalla sua fondazione nel giugno 2020. La notizia segue anche la recente quotazione pubblica di Redwire alla Borsa di New York. (NYSE) a seguito di un accordo di fusione con la società di assegni in bianco Genesis Park . Con Redwire ora valutata oltre $ 620 milioni, è diventata una delle startup spaziali in più rapida crescita nella storia recente.

Commentando l’accordo, il CEO e presidente di Redwire Peter Cannito, ha dichiarato: “La biostampa spaziale di Techshot e altre soluzioni biotecnologiche comprovate in microgravità sono alcune delle innovazioni più consequenziali nell’orbita terrestre bassa (LEO) con vantaggi salvavita dentro e fuori il nostro pianeta. ” Veterano nei settori della difesa, della tecnologia e dei servizi governativi, Cannito ha descritto l’acquisizione come un “gigantesco balzo in avanti nella nostra visione delle persone che vivono e lavorano nello spazio a beneficio dell’economia terrestre”.  “La leadership di Redwire condivide la nostra stessa passione per la ricerca dell’innovazione nello spazio. Guiderò ancora la sede Techshot di Redwire e non vedo l’ora di iniziare a inventare il futuro con i miei nuovi colleghi”.

 

The Redwire Regolith Print facility suite, consisting of Redwire’s Additive Manufacturing Facility, and the print heads, plates and lunar regolith simulant feedstock that will be launching to the International Space Station. Photo courtesy of Redwire Space.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi