Resilienza digitale: come il settore della stampa 3D sta rispondendo alla crisi economica

La crisi COVID-19 in corso e le sue conseguenze economiche stanno portando a tagli e disinvestimenti internazionali nel settore dell’innovazione. Tuttavia, ci sono eccezioni a questa tendenza nella produzione additiva.

La maggior parte dei paesi prevede una recessione nel 2020 e molte aziende soffrono di gravi perdite di vendita. Un fatto che in molti casi porta a riduzioni dei budget per l’innovazione. Mentre le industrie tradizionali come l’aviazione e l’automotive sono attualmente particolarmente colpite dalle conseguenze economiche negative della crisi COVID-19, le industrie con un grado più elevato di digitalizzazione sono molto più stabili. Alcune società altamente digitalizzate sono state persino in grado di aumentare le vendite e i valori di borsa in questo anno turbolento. L’industria della produzione additiva è l’interfaccia tra le industrie digitali e tradizionali. Anche qui c’è una tendenza che molti attori globali stanno investendo nella stampa 3D in questo momento.

Trend positivo internazionale
Align Technology ha annunciato l’acquisizione di successo di Exocad, specializzata in soluzioni software AM, nella primavera di quest’anno. Non impressionato dall’imminente crisi, lo specialista di soluzioni dentali stampate in 3-D ha investito 376 milioni di euro in questa espansione e da allora ha aumentato notevolmente il proprio valore di mercato. Anche la principale società di venture capital per la produzione additiva, AM Ventures, ha registrato quest’anno notevoli investimenti finanziari nonostante l’aggravarsi della crisi. Insieme ad altri investitori, un totale di 35 milioni di dollari USA è stato investito in quattro società di stampa 3D. La società LightForce Orthodontics con sede a Boston si è assicurata un investimento di 14 milioni di dollari USA. LightForce è un produttoreapparecchi ortodontici personalizzati, progettati individualmente per i pazienti tramite una piattaforma digitale in collaborazione con ortodontisti e prodotti utilizzando la stampa 3-D. Con l’aiuto della piattaforma e dei prodotti personalizzati, l’efficienza delle correzioni dentali è notevolmente aumentata e il tempo di trattamento è notevolmente ridotto. L’azienda di Monaco DyeMansion, un fornitore di sistemi di finitura per la stampa 3D industriale, è stata anche in grado di assicurarsi un round di finanziamento di 14 milioni di dollari USA. La società di software AM con sede a Berlino 3YOURMIND è stata lieta di ricevere oltre 5,5 milioni di dollari USA e la società con sede a Dresda Additive Drives, specializzata nella produzione additiva di componenti per motori elettrici, ha ricevuto un investimento iniziale di oltre 1,5 milioni di dollari USA. Dollaro. Arno Held, Chief Venture Officer di AM Ventures, non è affatto sorpreso che in questo momento vengano effettuati investimenti nella produzione additiva. “La produzione additiva è una tecnologia chiave per il futuro e la situazione attuale, in particolare, mostra quanto siano importanti le alternative alle catene di approvvigionamento convenzionali”, afferma Held.

L’Austria continua a concentrarsi sull’espansione
Anche se le conseguenze economiche della crisi del COVID-19 non possono ancora essere valutate in modo definitivo, molte società AM nazionali continuano ad espandersi. Ad esempio, la società austriaca CADS Additive, produttrice di software ad alte prestazioni per processi AM, ha annunciato la conclusione positiva di una collaborazione con EOS , fornitore di tecnologia leader a livello mondiale nel campo della stampa 3-D industriale di metalli e polimeri. Il software austriaco AM-Studio e AM-Studio per Creo® sarà offerto per i sistemi metallici EOS oltre ad altri noti produttori di macchine .

“L’accesso diretto a EOS e ai suoi rinomati dispositivi AM è una pietra miliare nella nostra giovane storia e simboleggia il nostro successo, che abbiamo già raggiunto in questo mercato parzialmente dominato”, ha affermato il Dr. Daniel Stadlmayr, capo delle operazioni presso CADS Additive. “La partnership diretta con EOS rende CADS Additive un fornitore di soluzioni software unico nell’ambiente AM”.

Arno Held vede la situazione in Austria paragonabile al trend internazionale: “Anche i nostri investimenti austriaci stanno attraversando la crisi con forza”.

Be the first to comment on "Resilienza digitale: come il settore della stampa 3D sta rispondendo alla crisi economica"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi