Riconoscimento facciale e stampa 3D si scontrano l’esperimento di Olaf Diegel

Olaf Diegel, professore di produzione additiva presso l’Università di Auckland , è ben noto per le sue chitarre stampate in 3D . Tuttavia, lui ei suoi studenti conducono molti altri esperimenti e progetti. Recentemente ha usato una stampante 3D Mimaki 3DUJ-553 e una scansione 3D per fare una copia del suo viso per vedere se poteva ingannare il riconoscimento facciale. La macchina da $ 180.000 ha stampato il viso e altri due modelli in 11 ore in acrilico utilizzando la modalità di qualità standard, incluso lo spessore dello strato di 32 micron.

Successivamente, Diegel e il suo team hanno quindi “raschiato via la maggior parte del materiale di supporto in cera solubile a mano, quindi lo hanno messo nel bagno di pulizia ad ultrasuoni per circa un’ora, quindi lo hanno risciacquato con acqua fredda mentre lo spazzolavano con una spazzola rigida ( per rimuovere eventuali residui di materiale di supporto) e, infine, strofinarlo con alcool isopropilico. Poi ho dato circa 3 o 4 mani di vernice trasparente molto opaca (opaca al 45%) e ho dipinto a mano gli occhi con una vernice trasparente lucida per farli brillare un po ‘. “

Questo sembra essere un compito abbastanza accessibile e la faccia stampata in 3D risultante è notevole. Anche l’investimento per una macchina del genere è prevedibile, così come il costo del pezzo. Puoi anche ordinare una replica del viso da un servizio di stampa 3D. Ciò ha alcune implicazioni profonde che dovremmo affrontare. La gente gioca pubblicamente da anni cercando di ingannare il riconoscimento facciale. La società di sicurezza informatica BKAV ha ingannato l’ iPhone X FaceID con una maschera stampata in 3D nel 2017 e ha creato una maschera migliore in seguito , mentre altri hanno ingannato la scansione facciale di Android . L’artista Sterling Crispin ha realizzato datamasks stampati in 3D che nascondono il tuo viso dalla sorveglianza da parte del governo e dei fotografi dei social media.

Il riconoscimento facciale è un campo in crescita. Lo usiamo per sbloccare i nostri telefoni, nonché per effettuare acquisti utilizzando lo stesso dispositivo. Il riconoscimento facciale è utilizzato anche per il controllo degli accessi agli edifici e alle installazioni sensibili. I casinò e le catene di vendita al dettaglio acquisiscono immagini di sicurezza di taccheggiatori e truffatori di casinò, scansionando continuamente le folle per trovarle. La polizia può riconoscere i volti per identificare rapidamente i sospetti o le vittime. La tua foto viene confrontata con i dati biometrici nel tuo passaporto per ottenere l’accesso ai paesi. Facebook lo usa per determinare chi c’è nelle tue foto, In Cina, Ant Financial spenderà oltre $ 400 milioni cercando di convincere le persone a utilizzare il riconoscimento facciale per i pagamenti e le scuole lo usano per monitorare la presenza .

Apparentemente , “In Cina, il furto di carta igienica nei bagni pubblici è un grosso problema. Fortunatamente il riconoscimento facciale è venuto in soccorso. La Cina ha installato macchine nei bagni pubblici che scansionano i volti delle persone prima di rilasciare la carta igienica. Non rilascerà più carta alla stessa persona fino a quando non saranno trascorsi 9 minuti. “

La Cina è anche un grande utente del riconoscimento facciale per la sicurezza. Shanghai ha 113 telecamere ogni 1.000 persone e il paese dispone di file di riconoscimento facciale per tutti i suoi cittadini. Contando quelli delle società commerciali, il paese ha 200.000 milioni di telecamere. Megvii Technology, SenseTime e YITU sono startup di riconoscimento facciale che utilizzano l’intelligenza artificiale e hanno ricevuto rispettivamente $ 1,4 miliardi, $ 2,6 miliardi e $ 400 milioni. Il riconoscimento facciale è la chiave dei piani della Cina per mantenere l’ordine nel loro paese e oltre.

Un giornalista ha affermato che: “Quello che il Partito Comunista sta facendo con tutta questa tecnologia di sorveglianza ad alta tecnologia ora è che sta cercando di interiorizzare il controllo … Una volta che credi che sia vero, è come se non avessi più bisogno dei poliziotti all’angolo. perché stai diventando il tuo stesso poliziotto. “

La visione utopica di questo sarebbe che il riconoscimento facciale è una tecnologia onnipresente, che corre sullo sfondo di ogni interazione sociale e di ciascuno dei nostri momenti e che promuove un buon comportamento e sicurezza. Una visione più negativa sarebbe che Orwell fosse davvero abbastanza preveggente. Mentre un’altra opinione sostenuta dal comico Keith Lowell Jensen è: “Ciò che Orwell non è riuscito a prevedere è che avremmo comprato le telecamere da soli e che la nostra più grande paura sarebbe che nessuno stesse guardando”.

Quindi, se prendiamo queste opinioni e le combiniamo, scopriamo che lo stato di sorveglianza orwelliano è probabilmente molto più intelligente ed efficiente di quello immaginato da Orwell, mentre il punto di vista di Aldous Huxley che saremmo sprofondati in una palude di egocentrismo è anche corretto, solo i farmaci sono tanti non uno .

Stiamo assistendo all’emergere di una rotta di collisione che influenzerà il nostro settore. La nostra graziosa piccola tecnologia potrebbe essere solo una chiave per indebolire uno stato di sorveglianza, compiere crimini sofisticati, frodi, terrorismo e riconquistare le libertà in futuro. La scansione 3D e la stampa 3D sono le tecnologie più semplici per acquisire e replicare superfici 3D, come i volti. La nostra tecnologia potrebbe essere utilizzata in futuro per creare vene e pori e altri marker, oltre alla cornea. Possiamo ringraziare Mimaki per aver realizzato milioni di colori e anche la stampa 3D potrebbe catturare le trame. La nostra tecnologia può evolversi rapidamente e, come nessun altro, possiamo iterare e migliorare per affrontare nuove sfide. Al centro della nostra tecnologia c’è la capacità di creare rapidamente nuove forme. E questo è esattamente ciò che dovresti fare per evitare continuamente uno stato di sorveglianza,

Come industria, dobbiamo essere preparati a questo. Riprendiamo l’argomento della penna? Puoi scrivere bellissime poesie e incitamento all’odio con una penna. Non è nostro compito regolare ciò che i nostri clienti ne fanno. Purtroppo, in passato i legislatori si sono affrettati a sviluppare nuove leggi specificamente mirate alla stampa 3D. Costruiamo una funzione di sicurezza che metta un segno rivelatore su ogni stampa per far sapere agli scanner che si tratta di una copia artificiale? Cosa significherebbe per noi? Ci schieriamo? In quanto industria, ci impegniamo ad annullare tutto questo? Oppure incoraggiamo una libera esplorazione di questa tecnologia, dal momento che, dopotutto, ogni tecnologia, anche un fork, può essere pericolosa? Questo è qualcosa a cui dovremo pensare perché la nostra tecnologia, inventivamente e inevitabilmente, verrà utilizzata per il male e il bene per interrompere sia il male che il bene.

Be the first to comment on "Riconoscimento facciale e stampa 3D si scontrano l’esperimento di Olaf Diegel"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi