I ricercatori stanno sviluppando metodi per utilizzare la luce LED e i reagenti per riparare oggetti di plastica stampati in 3D difettosi
 
I ricercatori dell’Università del New South Wales (UNSW) hanno svelato un nuovo modo di utilizzare la luce LED e un reagente per riparare oggetti di plastica stampati in 3D difettosi. L’intero processo è semplice e diretto e produce un risultato rapido e potente, affermano i ricercatori. Soprattutto nella produzione di massa, il processo dovrebbe aiutare a produrre meno rifiuti di plastica.
 
La plastica è un materiale che viene utilizzato particolarmente frequentemente nella stampa 3D . È rapidamente disponibile, poco costoso e consente l’elaborazione con un gran numero di stampanti 3D . Tuttavia, la plastica non è particolarmente rispettosa dell’ambiente. A seconda delle proprietà del materiale, gli oggetti in plastica stampati in 3D possono essere soggetti a rotture. Se l’oggetto viene stampato in un unico pezzo in 3D, può diventare completamente inutilizzabile se si rompe. Se l’oggetto difettoso non può più essere riparato in seguito, viene gettato via, il che non contribuisce al problema dei rifiuti di plastica già esistente. I ricercatori dell’Università del New South Wales (UNSW) hanno riportato un comunicato stampaha quindi lavorato allo sviluppo di un metodo che dovrebbe cambiare il problema. Hanno pubblicato il loro lavoro intitolato “Un approccio fotoindotto a doppia lunghezza d’onda per la stampa 3D e l’autoguarigione dei materiali termoindurenti” sulla rivista Angewandte Chemie .

Riparare con la luce e un reagente
Il team di ricerca utilizza la luce e un reagente per consentire alla plastica di guarire da sola. Irradi l’area problematica con la luce a LED. L’utilizzo del reagente insieme alla luce LED innesca una reazione chimica che fonde insieme i due frammenti. Come risultato della reazione, le particelle si riorganizzano sotto l’azione della luce, che porta alla fusione dei frammenti. Ci vuole circa un’ora per completare il processo e per considerare la plastica “curata”.

 
Il risultato è anche più forte di prima. L’intero processo è più semplice e veloce rispetto ai metodi precedentemente noti, che possono richiedere fino a 24 ore e richiedere uno sforzo maggiore, annuncia l’UNSW.

Alcuni anni fa i ricercatori della Engineering School della University of Southern California negli Stati Uniti hanno introdotto un approccio diverso. Hanno sviluppato un gel autoriparante, che può riparare le crepe stesse in breve tempo con la fotopolimerizzazione. I ricercatori di Sydney vogliono utilizzare il loro metodo in aree in cui vengono utilizzati componenti speciali ad alta tecnologia come l’elettronica e i sensori. Anche le produzioni su larga scala potrebbero trarre vantaggio dalla possibilità di riparare oggetti in plastica più rapidamente e facilmente, perché è qui che si somma la quantità di plastica scartata. Il metodo sviluppato dai ricercatori australiani è un approccio adeguato alla produzione e aiuta a ridurre ulteriormente i rifiuti di plastica.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi