ROBOZE cosa ci aspetta nel 2021

Alessio Lorusso, fondatore e CEO di ROBOZE con sede in Italia, condivide uno sguardo al 2020 e uno sguardo alle strategie di stampa 3D per il 2021.


L’anno scorso è stato dinamico per tutti in tutto il mondo. L’inizio della primavera in Italia, tuttavia, ha rappresentato un epicentro precoce per la nuova pandemia di coronavirus. In quel periodo abbiamo incontrato Lorusso su com’era gestire un’azienda di stampa 3D in Italia durante il periodo più duro dei primi giorni della pandemia .

“Siamo stati i primi ad affrontare la prima ondata a marzo”, ha detto nel nostro recupero di questa settimana, riflettendo su quel momento. “Abbiamo tutti perso qualcuno, o quasi perso qualcuno, in Italia. È stato tremendo. Ora ci prendiamo cura, stiamo gestendo – non dico che è sotto controllo, perché è una pandemia e le pandemie non sono per definizione sotto controllo. Durante quest’anno, abbiamo capito come le aziende debbano concentrare la loro attenzione, per rilanciare la loro produzione. Ma hanno davvero bisogno di farlo in modo più intelligente “.

Quel livello di comprensione delle condizioni globali sia per le persone che per il business è permeato dalle reazioni generali di ROBOZE e dalle strategie in evoluzione nel 2020. Gran parte di ciò per cui hanno lavorato si è costruito su basi già gettate, ma la pandemia – come con ogni decisione aziendale di quest’anno – ha accelerato quelle piani.


ROBOZE ha lanciato un servizio di produzione distribuito che si è rivelato fondamentale per le loro strategie in corso e per il modo in cui vedono le aziende orientarsi a lungo termine.

“Grazie alla nostra rete di produzione come servizio, abbiamo capito quanto questo sentimento sia davvero importante per le aziende. Negli ultimi sei mesi abbiamo avuto centinaia di aziende che hanno ricevuto le parti di cui avevano bisogno appena in tempo con i nostri partner di ricambi “, ha continuato Lorusso.

ROBOZE 3D Parts ha fornito un veicolo per la visione della produzione distribuita dell’azienda. Ora hanno 10 partner e il CEO osserva che “aggiungeranno altri 15-20 partner l’anno prossimo per coprire quattro continenti”. Con le regioni EMEA e Nord America attualmente coperte, estendendo la portata continentale si amplierà l’offerta di ROBOZE “stampa forte come il metallo”. E quella portata è già abbastanza ampia; Lorusso ha notato che attraverso la rete, più di 50.000 parti dei clienti sono state stampate in 3D negli ultimi sei mesi.

“Stiamo davvero concentrando la nostra attenzione sull’ottenere al cliente le parti di cui ha bisogno, o la macchina se vuole interiorizzare la sua produzione”, ha detto.

Con un focus sulla produzione locale distribuita attraverso la loro rete di partner, “l’obiettivo di ROBOZE è quello di ridimensionare la catena di fornitura, per riportare la produzione negli Stati Uniti, in Europa”, ha aggiunto. Per ROBOZE, questa mossa fornisce un modello di business sostenibile e lavora per portare le loro soluzioni di stampa 3D ARGO ad alta temperatura nel mondo.

Il quadro più ampio qui è “non vendere una macchina, ma vendere una soluzione industriale”, ha spiegato Lorusso. A volte ciò significa vendere stampanti 3D, altre volte lavorare verso servizi di produzione su richiesta e talvolta una combinazione di approcci.

Le soluzioni industriali con produzione su scala tramite la produzione additiva stanno diventando un futuro più realizzabile.

La soluzione ROBOZE è focalizzata su quel futuro, con alcuni aspetti importanti quando si parla di produzione: un processo di stampa qualificato; pieno controllo della stampa; gemelli digitali; qualità costante con la tecnologia di stampa 3D senza cintura. Lorusso comprende la necessità di fornire garanzia di qualità per la scalabilità della produzione, inclusa la focalizzazione su standard e coerenza.

“A mio parere, la stampa 3D può diventare una vera tecnologia di produzione”, ha detto. “Si tratta di produrre parti, anche nella produzione personalizzata in cui è necessario dimostrare di poter produrre ovunque lo stesso risultato, vedere risultati ripetibili. Altrimenti, è solo una tecnologia una tantum; altrimenti, è solo una tecnologia di prototipazione. Se vogliamo parlare di produzione reale e personalizzata, anche di poche centinaia o migliaia di parti, quelle poche centinaia o poche migliaia di parti devono essere le stesse. Devono avere le stesse proprietà meccaniche. Tutto deve essere lo stesso. Dopo tre mesi, è necessario essere in grado di stampare il gemello digitale realizzato mesi fa e utilizzare lo stesso GCODE.

Questo è ciò che abbiamo creato. Ora lo stiamo mettendo sul tavolo e ridimensionandolo. Scalabilità della qualità, standardizzazione, stesse tolleranze: tutto deve essere uguale nel mondo ma farlo localmente, vicino al punto di utilizzo. Stiamo fornendo tutte le opzioni ai nostri clienti; se i clienti necessitano solo di centinaia di parti all’anno, il ROI della macchina non avrebbe senso. Dovresti quindi far passare le tue parti attraverso la nostra produzione come servizio. “

Nel complesso, Lorusso ha detto: “Vogliamo risolvere problemi, tagliare i costi, ridurre i tempi. Dobbiamo adottare un approccio più responsabile con i nostri clienti. Ci impegniamo a farlo “.


Oltre al focus sulla produzione distribuita, ROBOZE ha molto altro da distribuire per il prossimo anno: l’azienda.

All’inizio di quest’anno, ROBOZE ha aperto il suo terzo quartier generale internazionale , con una nuova filiale tedesca che espande la sua portata commerciale EMEA. ROBOZE GmbH segue la fondazione nel 2017 di ROBOZE Inc. negli Stati Uniti ; entrambi seguono la fondazione originale nel 2013 di ROBOZE spa a Bari, Italia. Con tutte queste sedi, ROBOZE ha chiarito le sue intenzioni globali e l’espansione dei suoi mercati nei mercati EMEA e Nord America è un obiettivo importante per il 2021.

L’anno scorso, ROBOZE ha notato l’intenzione di concentrarsi sul mercato statunitense . L’anno prossimo, queste intenzioni si realizzeranno ulteriormente in grande stile: il CEO e alcuni membri del team esecutivo si trasferiranno a Houston, in Texas, nelle prossime settimane.

“Il prossimo anno sarà enorme per noi”, ha osservato Lorusso. “In questo momento, siamo quasi 85 [dipendenti]. Il piano di assunzioni per il prossimo anno è di circa 60 posizioni: vogliamo diventare 150 persone nel mondo, con 35-40 persone negli Stati Uniti, suddivise nella sede statunitense e in altre località remote per responsabili commerciali e ingegneri. Stiamo crescendo molto velocemente. “

Parte di quella crescita sarà anche finanziaria, come ha continuato Lorusso:

“Accoglieremo presto nuovi investitori. Siamo un’azienda davvero impegnata ad aiutare le aziende a scalare la produzione. Allo stesso tempo, stiamo lavorando a nuove tecnologie e nuovi materiali. Stiamo davvero mettendo molto sul tavolo in termini di investimenti: investimenti in persone, investimenti in denaro, tutto sarà cruciale per portare la produzione additiva al livello successivo “.

ROBOZE creerà “enormi” team di ingegneria delle applicazioni, team di gestione aziendale e team di vendita, tutti lavorando a stretto contatto con i clienti.

“Non siamo produttori cinesi da $ 3.000, con tutto il rispetto per i produttori di stampanti 3D cinesi da $ 3.000. I nostri clienti si aspettano da noi il meglio in termini di prestazioni meccaniche, tolleranze e supporto post-vendita. Dopo aver pagato quasi $ 300.000, ti aspetti il ​​meglio. Siamo sempre più concentrati nel fornire ai nostri clienti il ​​meglio in termini di prestazioni e di più dalla nostra tecnologia. Creare un team globale per lavorare a stretto contatto con i nostri clienti. Investire tempo, risorse finanziarie “, ha detto Lorusso.

E in quella visione espansiva, “gli Stati Uniti giocano un ruolo centrale”. ROBOZE prevede che nel 2021 il 65% dei ricavi dell’azienda proverrà dagli Stati Uniti. La conoscenza della produzione e lo sviluppo tecnologico continueranno a ritmo sostenuto in Italia.

Ovviamente ROBOZE offre molto di più, poiché l’azienda continua a cogliere enormi opportunità in tutto il mondo. Nelle prossime settimane verrà implementato un nuovo programma di abbonamento, che creerà ulteriori strette relazioni con i clienti. Ciò richiederà l’approccio ecosistemico sempre più popolare alla produzione additiva industriale su scala, democratizzando ulteriormente la tecnologia ARGO, in particolare per le piccole e medie imprese.

Be the first to comment on "ROBOZE cosa ci aspetta nel 2021"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi