Relativity assume Scott Van Vliet di Microsoft per potenziare il suo sistema operativo di fabbrica per i razzi stampati in 3D 

Relativity Space utilizza stampanti 3D giganti per produrre componenti per i suoi razzi terrestri. (Foto dello spazio della relatività)
Relativity Space , la startup fondata a Seattle e che ora sta costruendo razzi stampati in 3D nel sud della California, ha coinvolto un dirigente Microsoft per guidare il suo team di ingegneria del software in crescita ed espandere il suo “Sistema operativo di fabbrica” ​​basato sull’intelligenza artificiale.

Scott Van Vliet , che ha guidato il team dietro la piattaforma di collaborazione Microsoft Teams come vicepresidente aziendale, supervisionerà più di 150 dipendenti di Relativity nei suoi team di Integrative Software e Additive Manufacturing come vicepresidente senior dell’ingegneria del software. Avrà sede nella zona di Los Angeles.

Prima del suo incarico di quattro anni in Microsoft, Van Vliet ha svolto un ruolo di primo piano nello sviluppo dei dispositivi Echo di Amazon e della piattaforma di assistente vocale Alexa . Ha detto a GeekWire che non vede l’ora di aiutare Relativity Space a rivoluzionare le applicazioni industriali per la stampa 3D dei metalli, proprio come ha aiutato Microsoft e Amazon a tracciare la strada per il software collaborativo e gli assistenti AI.

Scott Van Vliet ha lasciato Microsoft per diventare il vicepresidente senior dell’ingegneria del software presso Relativity Space. (Immagine via Twitter)
“Pensando a dove stiamo andando con la nostra famiglia di stampanti Stargate e alle tecnologie che stiamo costruendo attraverso lo stack, possiamo applicare modelli simili di machine learning per trasformare il modo in cui facciamo la modellazione predittiva, la stampa predittiva e costruiamo il prodotti che andremo a costruire”, ha affermato Van Vliet.

Il primo prodotto grande della Relativity Space, la sua Terran 1 razzo , è dovuto per il suo primo lancio di quest’anno, e la società sta già lavorando su un più potente razzo, completamente riutilizzabile chiamato Terran R .

Il CEO di Relativity Tim Ellis, un veterano dell’impresa spaziale Blue Origin di Jeff Bezos che ha co-fondato l’azienda in uno spazio di co-working di Seattle nel 2015, ha affermato che il software sarà la chiave per il futuro di Relativity Space e per il futuro dell’industria di lancio .

“Scott è davvero il più anziano assunto dal settore nel software”, ha detto Ellis a GeekWire. “Questo è eccitante per me, perché credo molto alla citazione di Andreessen-Horowitz che ‘il software sta mangiando il mondo’. … Tutto ciò che Relativity sta facendo, la transizione della produzione verso approcci più basati su software e dati, è inevitabile. Siamo solo i più lontani.”

La relatività sta scommettendo che l’automazione e la stampa 3D ridurranno drasticamente il costo della costruzione di razzi, con conseguente accesso allo spazio molto più economico.

Il sistema operativo di fabbrica è un concetto chiave nell’approccio di Relativity: Van Vliet ha affermato che lui e il suo team mireranno a potenziare le capacità di una piattaforma software che unisce tutti i processi coinvolti nella costruzione di razzi da pile di metallo in polvere. Ha confrontato il FOS con le piattaforme fornite da Microsoft Windows, Microsoft Teams o il software di assistente vocale Alexa di Amazon.

“Francamente, sarà la piattaforma che consentirà cose a cui non abbiamo ancora pensato: capacità che gli ingegneri e i progettisti del nostro team inizieranno a sbloccare mentre pensiamo a un’esperienza integrata end-to-end che può essere applicata a qualsiasi scopo”, ha detto Van Vliet. “Questa è la cosa più eccitante per me: costruire questa piattaforma che accelererà la visione di Terran 1 e Terran R e di altri settori.”

Ellis ha riconosciuto che il sistema operativo che lui e Van Vliet hanno in mente potrebbe essere applicato più ampiamente ad altri mercati manifatturieri, ad esempio aerei, treni e automobili. Ma almeno per il momento, insiste sul fatto che tutto ciò che Relativity Space farà sarà focalizzato sulla costruzione dell’infrastruttura necessaria per arrivare su Marte e, infine, far funzionare l’industria sul Pianeta Rosso.


Come il fondatore di SpaceX Elon Musk, Ellis ama dire che l’obiettivo a lungo termine di Relativity Space è rendere l’umanità una specie multiplanetaria. “Siamo ancora solo la seconda azienda al mondo che ha questa missione fondamentale di voler rendere l’umanità multiplanetaria”, ha affermato. “E spero che ci sia di più. Spero che ispiriamo decine o centinaia di aziende ad essere ambiziose e a perseguire questi grandi piani”.

Ma a differenza di Musk, Ellis non ha intenzione di costruire satelliti.

“Vediamo l’opportunità di raddoppiare la nostra piattaforma e realizzare i nostri prodotti finali migliori”, ha affermato Ellis. Concentrarsi sulla produzione additiva ottimizzata per il software è “un investimento in questo approccio”, ha affermato.

Ellis ha affermato che le stampanti 3D Starbase di quarta generazione di Relativity Space sono già teoricamente in grado di produrre un razzo Terran 1 in sei giorni e un razzo Terran R in 30 giorni.

“Ci sono altre parti del processo di fabbrica – lavorazione a valle, lavorazione, ispezioni – e in realtà, Scott e il suo team saranno responsabili del raggiungimento di tale tasso”, ha affermato Ellis.

La relatività sembra avere i mezzi necessari: il round di finanziamento della Serie E da $ 650 milioni dello scorso giugno per Terran R ha inviato un investimento totale oltre il segno di $ 1,3 miliardi e si dice che la valutazione totale sia superiore a $ 4 miliardi.

L’azienda ha ora più di 600 dipendenti, circa il doppio della forza lavoro che aveva un anno fa. Quei lavoratori non sono solo nella sede di Long Beach, in California: ci sono squadre che lavorano a Washington, DC; allo Stennis Space Center della NASA nel Mississippi; alla base delle forze spaziali di Vandenberg in California; alla Cape Canaveral Space Force Station in Florida — e persino nel Kent, nello stato di Washington , non lontano dal quartier generale di Blue Origin . (Relativity afferma che il suo ufficio nell’area di Seattle ha quattro dipendenti.)

“Eravamo a poco più di 100 all’inizio della pandemia”, ha detto Ellis. “Credo che siamo la società di lancio in più rapida crescita nella storia, in termini di crescita del personale e tasso di crescita in quel periodo.”

E Relativity è ancora in crescita: il suo sito Web di carriera elenca più di 100 offerte di lavoro. “Questo è un investimento nell’assunzione di molti più ingegneri del software, scienziati dei dati, visione artificiale, apprendimento automatico”, ha affermato Ellis. “È davvero una sorta di raddoppio su un tipo di squadra molto diverso che non esisteva prima nel settore aerospaziale a questo livello”.

Van Vliet ha detto che sogna da tempo di lavorare nell’industria spaziale e non vede l’ora di entrare.

“Ho sicuramente molto da imparare, da coinvolgere con l’azienda e iniziare, ma penso che ci sia già un’impronta così incredibile”, ha detto. “Questo è ciò che è più eccitante per me: c’è l’esperienza che ho nel crescere e guidare grandi team, e c’è già un’incredibile serie di risorse”.

scott van vliet da twitter

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi