Il Naval Surface Warfare Center investe in prototipi di fabbricazione additiva
 
Le parti del prototipo sono stampate in 3D nel nuovo Advanced and Additive Manufacturing Center of Excellence per risolvere i problemi delle macchine presso Rock Island Arsenal – Joint Manufacturing and Technology Center, Rock Island Arsenal 
WASHINGTON – Il Naval Surface Warfare Center sta investendo in sei prototipi di produzione additiva attraverso la sua divisione Crane, Ind., alla ricerca di nuovi modi per proteggere le tecnologie militari.

La produzione additiva è una tecnologia che aggiunge materiali a oggetti esistenti invece di rimuoverli. Il Naval Surface Warfare Center ritiene che i militari possano utilizzare la produzione additiva per proteggere i propri sistemi da intrusioni o compromessi.


I fornitori selezionati “dimostreranno le capacità dei prototipi che affrontano il set di problemi del dominio tecnico AM. I prototipi dimostreranno il miglioramento rispetto alle attuali tecniche, processi o sistemi di protezione della tecnologia, nonché la fattibilità per l’eventuale implementazione su sistemi e piattaforme DoD”, ha affermato il direttore tecnico della divisione Crane Angela Lewis in una dichiarazione del 5 gennaio.

I sei contratti sono stati emessi tramite NSWC Crane Strategic & Spectrum Advanced Resilient Trusted Systems, o S2MARTS, altra autorità di transazione, un veicolo utilizzato dal Pentagono per investimenti in microelettronica, spettro e altre aree di missione. Il processo di aggiudicazione di S2MARTS è gestito dal consorzio National Security Technology Accelerator (NSTLL).

Le proposte sono state esaminate dal Naval Sea Systems Command, dall’Air Force Research Lab, dalla Marina degli Stati Uniti e dall’esercito degli Stati Uniti. I premi sono stati assegnati a General Electric, Johns Hopkins APL, Lockheed Martin RMS, Mercury Systems, ReLogic Research e Charles Stark Draper Laboratories. NSTXL non ha rivelato il valore dei premi nella sua dichiarazione.


I prototipi saranno valutati alla fine dello sforzo per determinare quanto bene affrontano il problema, quanto facilmente possono essere implementati, affidabilità, costo, nonché dimensioni, peso e potenza.

I premi sono sponsorizzati dalla programmazione Trusted and Assured Microelectronics dell’Ufficio del Sottosegretario alla Difesa per la ricerca e l’ingegneria. È uno dei numerosi sforzi del consorzio di produzione additiva per la protezione della tecnologia (AMTP) della Marina, istituito nel 2019 per guidare gli sforzi del governo nella ricerca di modi innovativi per proteggere le tecnologie.

Secondo la dichiarazione del consorzio, in precedenza sono state effettuate ricerche limitate sull’applicazione della produzione additiva alla protezione della tecnologia.

“L’applicazione di tecniche di produzione additiva alla protezione della tecnologia sarà davvero un punto di svolta. Non vediamo l’ora di sfruttare i fondi iniziali di questo premio per dimostrare la natura potente e complementare di queste due aree”, ha affermato la scienziata senior del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University Korine Ohiri in una dichiarazione. “La natura stocastica della [produzione additiva] significa che possiamo produrre design unici su richiesta e consente una gamma incredibilmente ampia di soluzioni di sicurezza per [protezione tecnologica].”

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi