La startup “Skyroot Aerospace” di Hyderabad Spacetech raccoglie 51 milioni di dollari in finanziamenti di serie B
Anche l’amministratore delegato di GIC con sede a Singapore, Mayank Rawat, entrerà a far parte del consiglio di Skyroot, con una forza lavoro attuale di 200 dipendenti.
 
La startup di tecnologia spaziale ” Skyroot Aerospace ” con sede a Hyderabad ha raccolto 403 crore di INR (51 milioni di dollari) in un round di finanziamento di serie B guidato dalla società di investimento globale GIC . La società afferma che si tratta del round di finanziamento più redditizio nel settore della tecnologia spaziale indiana. 

Altri partecipanti come il fondatore di “Myntra” e “CultFit” Mukesh Bansal , i fondatori di “Greenko Group”, Anil Chalamalasetty e Mahesh Kolli , “Sherpalo Ventures” di Ram Shriram , membro del consiglio di Google , Solar Industries India Limited, Neeraj Arora (ex WhatsApp Global Business Chief), Wami Capital, insieme agli investitori esistenti hanno partecipato al round di finanziamento.

LA BELLAMIA
Iscriviti per ricevere la tua dose settimanale di ciò che accade nella tecnologia emergente.
E-mail
ISCRIZIONE
Anche l’amministratore delegato di GIC, con sede a Singapore, Mayank Rawat , entrerà a far parte del consiglio di Skyroot. GIC ha attualmente una forza lavoro di 200 dipendenti.   

Skyroot Aerospace è stata fondata dagli ex ingegneri ISRO Pawan Kumar Chandana e Naga Bharat Daka nel 2018 con l’obiettivo di soddisfare la domanda del mercato internazionale dei piccoli satelliti.

In risposta al successo del round di finanziamento, il fondatore Pawan Kumar Candana ha dichiarato : “Il round ci pone su una traiettoria di iper-crescita finanziando tutti i nostri lanci di sviluppo iniziali e consente di costruire infrastrutture per soddisfare l’elevata cadenza di lancio richiesta dal nostro clienti satellitari”.

Skyroot Aerospace è la prima startup a firmare un protocollo d’intesa con l’ Indian Space Research Organization (ISRO) , che di conseguenza ha portato ai primi veicoli di lancio spaziali sviluppati privatamente dall’India. L’ammiraglia della serie di veicoli di lancio “Vikram” prende il nome dal padre del programma spaziale indiano, il dottor Vikram Sarabhai con la sua struttura interamente in fibra di carbonio. Può lanciare fino a 800 kg di carichi utili in Low Earth Orbit (LEO).

Con le attività di ricerca e sviluppo e di produzione che utilizzano ampiamente tecnologie composite e di stampa 3D avanzate, Skyroot è stata in grado di costruire e testare con successo i primi motori a razzo criogenici, liquidi ipergolici e a combustibile solido dell’India sviluppati privatamente. 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi