Testi cuneiformi dalla stampante 3D
 
Gli antichi studi orientali di Innsbruck hanno una lunga tradizione, ma non hanno una significativa collezione cuneiforme. Sebbene il lavoro con gli originali sia stato finora praticato durante le visite a musei e collezioni, i testi cuneiformi della stampante 3D offrono un supplemento e un’alternativa facilmente disponibile, poco costoso e rispettoso del clima e un’alternativa ai viaggi in archivio.

Gli oltre 100.000 testi conosciuti del periodo Ur-III (ca. 2100-2000 aC) si trovano in numerosi musei e collezioni sparse in tutto il mondo. Oltre alle tradizionali pubblicazioni in forma di libro, i database di immagini forniscono l’accesso a questi testi da diversi anni. Ma anche le foto dei testi cuneiformi non sempre sono sufficienti, poiché non tutti i dettagli sono riconoscibili. Sia la scrittura cuneiforme stessa che il mezzo di scrittura sono tridimensionali. Le scansioni 3D di tavolette cuneiformi sono state create per diversi anni e sono disponibili gratuitamente su Internet: ne è responsabile la Collezione Hilprecht di Jena, il cui intero inventario è stato pubblicato in questo modo.

Il Prof. Marcos Such-Gutiérrez (Universidad Autónoma de Madrid), uno dei massimi specialisti dei testi del periodo Ur III, ha accettato l’invito dell’Istituto di Storia Antica e Studi del Vicino Oriente antico e ha condotto un workshop a cui hanno partecipato gli studenti di Innsbruck familiarizzato con i più importanti tipi testuali del periodo Ur III. A tale scopo sono state utilizzate stampe 3D dei testi, che si avvicinano di più al lavoro con gli originali. “È il sogno di ogni antico orientalista lavorare con gli originali e leggere testi che non vengono letti da nessuno da migliaia di anni, ed è esattamente ciò che pratichiamo qui”, afferma Noah Kröll, che sta attualmente scrivendo la sua tesi a l’Istituto di Storia Antica e Studi del Vicino Oriente antico. Marcos Such-Gutiérrez ha avvicinato gli studenti di Innsbruck alle forme comuni dei documenti pre-III periodo – ricevute, prestiti e ordini di lettere – e sono stati letti due esempi.

Allo stato dell’arte attuale, non tutti i tipi di testo sono ugualmente adatti alla stampa 3D, in quanto esistono dei limiti per quanto riguarda le dimensioni e la risoluzione del testo. A questo proposito, i testi relativamente piccoli di Ur-III rappresentano un oggetto di prova ideale.Sebbene i supporti di testo più piccoli misurino solo 3 x 3 x 1 cm, stampare una copia così piccola con una semplice stampante 3D richiede circa due ore. I testi letterari, invece, sono spesso scritti su tavolette di argilla molte volte più grandi. Man mano che la tecnologia di stampa avanza e vengono scansionati inventari più grandi di tavolette cuneiformi, l’importanza della stampa 3D in classe aumenterà sicuramente. “Forse tra qualche anno saremo in grado di utilizzare una raccolta di stampe 3D per l’insegnamento e fare affidamento sugli “originali” in formazione fin dall’inizio”, spera Sebastian Fink del dipartimento di filologia del Vicino Oriente antico, che ha organizzato il seminario.

Nell’ambito di un workshop, Marcos Such Gutiérrez ha presentato il lavoro sulle tavolette cuneiformi della stampante 3D (Immagine © Università di Innsbruck / Sebastian Fink).

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi