Tethon 3D brevetta la tecnologia dei materiali in resina UV dell’azienda

Tethon 3D, sviluppatore di materiali di stampa 3D con sede nel Nebraska, ha ottenuto un nuovo brevetto di stampa 3D che copre la tecnologia dei materiali in resina UV dell’azienda.

Il brevetto statunitense 10.981.326, “Oggetti stampati tridimensionali con particelle ottimizzate per la sinterizzazione e la porosità controllata”, si riferisce alle proprietà della forma delle particelle che consentono risultati di sinterizzazione migliorati nelle parti stampate in 3D tramite SLA, DLP e processi di getto basati su UV. Il brevetto copre anche alcune caratteristiche delle strutture a stato verde, che sono parti non sinterizzate che sono state prodotte utilizzando resine UV e additivi sinterizzabili.

“La dimensione delle particelle è comunemente la prima considerazione nella formulazione dei materiali per la stampa 3D”, afferma Greg Pugh, CTO di Tethon 3D. “Tuttavia, la morfologia, l’eterogeneità e la distribuzione delle particelle, che sono coperte dal brevetto, contribuiscono tutte al successo della stampa e della sinterizzazione”.

Quando si lavora con le resine UV convenzionali, il flusso di lavoro di post-elaborazione è generalmente limitato a supportare la rimozione, il lavaggio e la polimerizzazione delle parti. La sinterizzazione è davvero necessaria solo quando si producono parti con resine composite, per cui additivi metallici o ceramici sono stati infusi in una base polimerica per formulare una miscela. Con queste resine tecniche specializzate, la sinterizzazione serve ad aumentare la densità della parte consolidando gli additivi nella miscela, migliorando la resistenza complessiva della parte.

Tethon 3D è leader nel mercato delle resine ceramiche, con tutta una serie di materiali compositi disponibili per l’uso con la stampante 3D DLP Bison 1000 dell’azienda . L’elenco non esaustivo include grafenite, cordierite e mullite per l’elettronica e le applicazioni ad alta temperatura; Bison High Alumina per componenti resistenti alla corrosione; e ferro ferrolite per parti metalliche magnetiche. L’azienda offre anche basi in resina grezza per i clienti per sviluppare i propri materiali di stampa 3D.

“Esistono somiglianze nella stampa e nella post-elaborazione di metalli e ceramiche”, aggiunge Trent Allen, CEO di Tethon 3D. “Sebbene la nostra esperienza sia nei materiali ceramici, i nostri sforzi di ricerca e sviluppo risolvono problemi e sfide che sono condivisi dalla produzione additiva in metallo e il nostro portafoglio di proprietà intellettuale riflette questo ampio lavoro”.

Visto che il brevetto si riferisce ai materiali stessi (in particolare, alle caratteristiche delle particelle), l’IP copre altri processi di produzione oltre alla semplice stampa 3D. Ad esempio, i produttori di colata a scorrimento, stampaggio e stampaggio a pressione hanno tutti precedentemente impiegato resine sinterizzabili e fotoinduribili nel tentativo di ridurre i tempi di lavorazione.

Karen Linder, presidente esecutivo di Tethon 3D, ha dichiarato: “La conoscenza che abbiamo acquisito sui materiali fotoinduribili fa avanzare l’intero settore. Non solo cresce Tethon 3D, ma apporta benefici anche ai nostri partner collaborativi “.

Be the first to comment on "Tethon 3D brevetta la tecnologia dei materiali in resina UV dell’azienda"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi